Salute 2 Maggio 2017

Pazienti “presi per la gola” in ospedale. Lo chef stellato Romito: «Il cibo può diventare cura e aiutare i medici»

Partito al “Cristo Re” di Roma il progetto “IN-Intelligenza Nutrizionale”, lanciato dal GioService, del gruppo Giomi spa, in collaborazione con l’Unità di Ricerca e Scienza dell’Alimentazione e Nutrizione Umana dell’Università La Sapienza. Stabilito un protocollo di formazione per portare l’alta cucina nella ristorazione ospedaliera. Lo chef: «Mangiare sano non vuol dire rinunciare al gusto».

«Mangiare sano non vuol dire rinunciare al gusto». Parola di Niko Romito, chef tre stelle Michelin. «Gusto e salute è un abbinamento facile da raggiungere. Noi abbiamo raggiunto questo obiettivo con un progetto fatto di studio, lavoro e ricerca». Lo chef del ristorante Reale Casadonna (ex convento del ‘500 nel Parco Nazionale d’Abruzzo) si riferisce a “IN – Intelligenza Nutrizionale” l’iniziativa che mette al centro la totale rivisitazione della ristorazione ospedaliera secondo un criterio che somma piacevolezza gustativa e genuinità idonea ad un contesto assistenziale. Romito ha collaborato con GioService, del gruppo Giomi spa, insieme all’Unità di Ricerca e Scienza dell’Alimentazione e Nutrizione Umana dell’Università La Sapienza di Roma.

«Piacevolezza palatale unita a qualità intrinseca dei piatti – prosegue lo chef – quindi valori nutrizionali del prodotto intatti insieme al rispetto dell’ingrediente. Questo è un progetto che eticamente e socialmente mi piace molto – continua – la sperimentazione è partita al Cristo Re e i risultati sono evidenti. È bello andare nei reparti e vedere che le persone sono contente quando aprono il loro vassoio». IN-Intelligenza Nutrizionale è attualmente attivo all’ospedale di Roma dove la volontà di supportare il benessere e la salute del paziente anche attraverso il cibo, è stata la marcia in più per garantire il successo dell’iniziativa.

«La sorpresa di vedere gli spinaci color verde naturale, un purè di patate che sa di patate, un brodo che non sa di glutammato ma di verdure, tutto questo migliora sicuramente le condizioni fisiche ma anche psicologiche del paziente. Questa è la grande scommessa dell’Intelligenza Nutrizionale, far diventare il cibo parte integrante della cura e non trascurarlo come avviene spesso negli ospedali».

Il ruolo dei medici per il corretto sviluppo del progetto è stato fondamentale  soprattutto in ottica formazione. Si è infatti creata una proficua collaborazione per poter adeguare i menu all’esigenze dei degenti, mantenendo una perfetta armonia tra la necessità di preparare portate che fossero allo stesso tempo sane, nutrienti ed anche prelibate. «Il rapporto con il personale sanitario è stato incredibile, sono contentissimi dei risultati del programma. Molti mi raccontano che, quando passeggio nei reparti e parlano con i pazienti, notano la differenza rispetto a prima: il paziente sta bene, sorride e si complimenta per la bontà dei pasti. Insomma, è evidente che il beneficio non è soltanto fisico ma anche psicologico».

Articoli correlati
Supereroi contro il numero chiuso: «Aiutiamo i futuri medici a superare il loro primo, grande nemico»
Simpatico flash mob di Consulcesi alla Sapienza. I ragazzi all’uscita: «Sistema sbagliato, un peccato vedere ragazzi in gamba non passare per un solo errore»
Costruire nuove città a misura di salute. Come? L’esperto: «L’ingegnere e il medico devono lavorare gomito a gomito»
Nel realizzare nuovi insediamenti urbani che siano hi-tech ma allo stesso tempo ambienti salubri, la spina dorsale del futuro è la collaborazione «tra le figure coinvolte in questo processo». Così Antonio D’Andrea, preside di Ingegneria civile e industriale de La Sapienza
Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»
«Si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi.  Germania e Spagna tra i paesi più virtuosi d’Europa». L’intervista a Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma
di Isabella Faggiano
Tecnologia in medicina: all’Umberto I è arrivato Heart Navigator per ‘esplorare’ il cuore senza aprire il torace
Uno strumento all’avanguardia per l'impianto percutaneo di valvole cardiache donato dalla Fondazione Roma al Policlinico universitario. «Un grande contributo che permetterà all’ospedale di migliorare la qualità degli interventi e della formazione dei giovani medici» spiega Eugenio Gaudio, Rettore dell’Università Sapienza
Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia
L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...