Salute 13 aprile 2017

La Lazio al Santa Lucia. Felipe Anderson, Murgia e Lotito dai bambini della Fondazione. Partita l’asta di solidarietà

«Vogliamo regalare un sorriso e la voglia di combattere» un Lotito commosso si stringe intorno ai ragazzi del Centro Neuroriabilitativo. In occasione dell’evento, il Presidente della Fondazione Santa Lucia inaugura l’asta online con i gadget della Lazio. Il ricavato sarà devoluto ai piccoli pazienti

Immagine articolo

Una giornata speciale per i piccoli pazienti della Fondazione Santa Lucia di Roma che hanno ricevuto la visita dei loro beniamini, i giocatori della Società Sportiva Lazio. I centrocampisti Felipe Anderson Alessandro Murgia, insieme alla mascotte della squadra bianco celeste, l’aquila Olympia, sono andati a conoscere i pazienti del centro di Neuroriabilitazione infantile che ha in cura oltre 300 bambini con lesioni cerebrali e sindromi genetiche rare. Assente giustificato il difensore Wallace che proprio ieri è diventato papà.

«Lo sguardo sincero dei bambini che abbiamo incontrato è stato un momento speciale. Se facessimo una vita normale, sarebbe bello passare quì tutti i giorni» così Anderson, circondato dai bambini e dai genitori, ha commentato la visita. Interviene anche il compagno Murgia: «Noi che siamo persone fortunate se abbiamo l’occasione di regalare un sorriso, è bello farlo».

«Lo sport e il calcio possono aiutare con il proprio potere mediatico a dare dignità a realtà a tematiche ignorate per il nostro egoismo». ha sottolineato il Presidente della Lazio, Claudio Lotito, che visibilmente emozionato ha aggiunto: «Al di là del risultato sportivo vogliamo riportare un sorriso  e la voglia di combattere nei disagi quotidiani. Questo significa mettere la squadra al servizio della società». Inoltre il Presidente ha espresso la volontà di proseguire con «un rapporto continuativo con la Fondazione per tanti momenti ancora come questo».

Oltre ai calciatori e alla dirigenza è intervenuta anche Cristina Mezzaroma, Presidente della Fondazione Biancoceleste, che ha sottolineato l’importanza di queste attività per la Lazio che vuole proseguirle all’insegna di uno scambio reciproco: «Oggi non vedo solo i volti dei bambini, ma anche gli occhi dei genitori, e vedo persone forse meno fortunate, ma sicuramente più piene di noi. Ci fa piacere contare sui nostri giocatori per regalare un sorriso» Il Direttore Generale della Fondazione Santa Lucia, Edoardo Alesse, estremamente soddisfatto per il successo dell’iniziativa ha commentato: «Come la Lazio quando entra in campo può contare sul supporto dei suoi tanti tifosi, anche il big match della Fondazione per offrire cure di alta qualità a tutti ha bisogno di tanti supporter».

Il momento più importante dell’evento è stato l’apertura ufficiale dell’asta online di beneficenza a favore del Centro di Riabilitazione Infantile della Fondazione Santa Lucia. Maglie da gioco utilizzate in partita e autografate da Ciro Immobile, Marco Parolo e Stefan De Vrij, gli scarpini di Stefan De Vri e una divisa da training completa e una tuta di rappresentanza ufficiali della SS Lazio saranno online su eBay per 10 giorni, fino al 22 aprile. Inoltre, José Maria Bernabè, l’addestratore di Olympia ha donato per l’asta, del tutto inaspettatamente, anche il guantone su cui si poggia l’aquila bianco celeste.

È possibile accedere all’asta dalla homepage del sito della Fondazione Santa Lucia (www.fondazionesantalucia.it) oppure direttamente da eBay.

Articoli correlati
Smi-Lazio, aggressioni medici: «Serve reporting tempestivo degli episodi di violenza da parte delle aziende»
Sono in continua escalation le segnalazioni di aggressioni verbali o fisiche nei confronti dei medici in servizio nelle strutture sanitarie pubbliche del Lazio. E i numeri parlano chiaro: secondo l’Inail lo scorso anno, nel Lazio, sono stati 150 i casi di aggressione a medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Senza contare gli eventi di intimidazione, minacce […]
Fondazione Ime, il 25 luglio manifestazione Cgil, Cisl, Uil e Anaoo al Ministero della Salute
In piazza per protestare contro l’ingiustificabile chiusura dell’Istituto mediterraneo di ematologia e per costringere i ministeri soci della Fondazione (Ministero della Salute, Ministero degli Esteri e Mef) e la Regione Lazio a trovare una collocazione ai 41 dipendenti dell’Ime. Il 25 luglio prossimo i lavoratori protesteranno con le categorie della funzione pubblica e dei medici […]
Lazio, inaugurato ad Ardea l’ambulatorio aperto nei weekend e festivi
L’’Assessore regionale alla Sanità e Integrazione socio-sanitaria, Alessio D’Amato, il Direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda ed il Sindaco di Ardea, Mario Savarese, hanno inaugurato il nuovo Ambulatorio di Ardea (via dei Tassi, Tor San Lorenzo) che entra a far parte della rete regionale degli “Ambufest” gli ambulatori aperti nel weekend e nei […]
Regionali: il Lazio a Zingaretti, in Lombardia vince Fontana
L'ex sindaco di Varese doppia Giorgio Gori con il 53%. Più staccato Dario Violi (M5S) con il 19,7%. Più combattuta la corsa per la Pisana: il presidente uscente è al 34,4%, dietro di lui Parisi (30,2%) e Lombardi (26,9%)
Roma, accordo Idi-Gemelli per tagliare le liste d’attese
L’Istituto dermopatico dell’Immacolata (Idi) e la Fondazione  Policlinico Universitario Gemelli hanno raggiunto un accordo che ha l’obiettivo di abbattere le lunghe liste d’attesa a benificio dei pazienti. Il progetto è frutto del protocollo d’intesa firmato dal presidente della Fondazione Luigi Maria Monti Antonio Maria Leozappa e dal presidente della Fondazione Gemelli Giovanni  Raimondi, e prevede una collaborazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila