Salute 2 Aprile 2020

La difficile Giornata Mondiale dell’Autismo ai tempi del Coronavirus

Sono giorni duri per le famiglie delle persone con disturbi dello spettro autistico. De Martis (ANGSA): «Ci sono famiglie che stanno saltando, preparare Asl e istituzioni a scenari di straordinarietà». Bonsignori (FIA): «Non siete soli, ma ora dobbiamo capire se abbiamo lavorato bene» 

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

Quest’anno la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo si svolge nel pieno dell’emergenza epidemica da Coronavirus, e arriva dopo almeno 20 giorni di misure stringenti di contenimento sociale. Per tutti i cittadini la quarantena è una situazione fastidiosa e in grado di causare sofferenze; per le famiglie in cui è presente una persona autistica, può tramutarsi in un incubo. La parola non è usata alla leggera, ma è stata riportata a Sanità Informazione da Benedetta de Martis, la presidente dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici (ANGSA), raggiunta al telefono.

«I nostri ragazzi – spiega de Martis – hanno difficoltà a comprendere queste strane giornate, troppo lunghe, in cui sono privati delle routine che hanno saputo costruire solo con faticosi anni di impegno, loro e delle famiglie. Le notizie che ho variano da famiglia a famiglia. Ci sono nuclei familiari che stanno reggendo, soprattutto perché parliamo di famiglie dotate di forte equilibrio psichico e perché gli operatori dei Comuni, sanitari, scolastici, stanno trovando un modo per rimanere comunque vicini a questi ragazzi. Ci sono invece – continua la presidente – delle famiglie che stanno saltando. Penso a genitori stanchi, che vengono da anni e anni di una vita di reclusione, perché i nostri ragazzi spesso non possono uscire senza creare disagi. Penso a situazioni davvero tragiche, a ragazzi che non sanno fare nulla, che stanno fermi, che non reagiscono agli stimoli. Ci sono ragazzi che urlano e che sono aggressivi, altri che sono autolesionisti. In questi casi parliamo di un incubo, un incubo reale, e non ho paura a dire che è in queste situazioni che si possono generare le tragedie».

LEGGI ANCHE: AUTISMO, LA STORIA DI MATTEO. «TESTARDI MA FORTUNATI. ORA VA A SCUOLA COME TUTTI I BAMBINI»

La Fondazione Italiana per l’Autismo (FIA), ha confermato i suoi tradizionali appuntamenti anche in questa complicata fase di quarantena. «Attraverso i social media di FIA – si legge in una nota – in tanti avranno la possibilità di condividere il proprio quotidiano in questi tempi di Coronavirus, in cui il senso di solitudine, talvolta, di isolamento, che le famiglie di persone con autismo avvertono quotidianamente, aumenta enormemente, per ragioni di ordine pratico e di esigenze di vita quotidiana». Confermata anche la tradizionale iniziativa #URLO: le voci delle famiglie con un soggetto autistico si faranno sentire alle 16.00 dai balconi delle case; monumenti importanti ovunque si tingeranno di blu, il colore scelto dall’Onu per gettare la luce sul fenomeno dell’autismo.

«Mi convinco che il nome di questa giornata sia giusto. Ad acquistare sempre più valore soprattutto in questi tempi è la consapevolezza riguardo l’autismo», spiega Andrea Bonsignori, presbitero e responsabile delle scuole del Cottolengo in Italia, membro del board della FIA: «L’autismo come fenomeno sociale è una acquisizione molto recente, in un certo senso. Altre sindromi e disabilità sono per così dire visibili, a volte l’autismo viene invece confuso con la maleducazione, con la stranezza. Ci sono ragazzi che ti corrono ad abbracciare, prima non si capiva il perché di questi fenomeni, ora la consapevolezza sta aumentando e questo ha complessivamente aumentato la percezione dell’esistenza di persone autistiche. Ma non tutti i genitori e le famiglie sono ancora dentro le reti e le associazioni per l’autismo – continua don Bonsignori -. Quindi il consiglio che mi viene in mente per una famiglia che si sente sola in questi giorni è quello di ricordarsi che soli non si è. La seconda cosa che mi viene da dire è che questi giorni devono servire come spunto di riflessione per il futuro, soprattutto per noi operatori e per noi associazioni: è il momento di capire se abbiamo lavorato bene in questi anni, se abbiamo preparato questi ragazzi a una sufficiente autonomia».

La principale direzione d’azione resta quella rivolta alle istituzioni, continua però la De Martis: «Questa emergenza ci ha insegnato che serve preparare molto bene i Comuni e le Asl non solo all’ordinaria assistenza ma anche alle situazioni straordinarie. Qui non si parla di solidarietà spicciola, qui c’è un problema socio sanitario reale: pensate se uno dei nostri ragazzi avesse dei sintomi Covid, dovesse venir ricoverato e intubato. Sarebbe una situazione che non comprenderebbe, si arrabbierebbe, qualcuno finirebbe per spaccare tutto, bisognerebbe che venisse immediatamente sedato e sarebbe un problema per una struttura ospedaliera che ha già i suoi guai in questi giorni. Noi normodotati – conclude De Martis – non riusciamo ad immaginare vivere giorni e giorni in casa, figurarsi una persona autistica».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 del 25 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 25 maggio, il totale delle […]
Analisi mortalità Inps: in Italia i decessi sono aumentati del 48%, nelle province lombarde più colpite si supera il 200%
Il primato a Bergamo, con un aumento tra 400% e 500%. Più colpiti gli uomini delle donne, al Sud le variazioni meno significative. Dai dati del report: «Veneto ha gestito la crisi meglio della Lombardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...