Salute 27 Aprile 2021 15:36

KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica

Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»

di Federica Bosco

Si chiama KetApp ed è uno strumento informatico e digitale messo a punto dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia per monitorare l’efficacia e la sicurezza del trattamento nutrizionale con dieta chetogenica e allo stesso tempo implementare l’aderenza alla terapia, attraverso una maggiore autonomia e consapevolezza del paziente.

Lo studio “Evaluation of E-Health Applications for Paediatric Patients with Refractory Epilepsy and Maintained on Ketogenic Diet”, che ha portato alla messa a punto di questa App scaricabile su cellulare o su tablet, è diretto dal professor Giuseppe Biagini del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze di Unimore, con la collaborazione della dottoressa Anna Maria Costa e della dietista dottoressa Maddalena Marchiò. Pubblicato sulla rivista scientifica Nutrients, lo studio ha evidenziato che pazienti e caregiver, con accesso gratuito ad applicazioni tecnologiche a loro dedicate sono nettamente più soddisfatti di coloro che utilizzano solo materiali informativi cartacei.

La conferma arriva dalla stessa Maddalena Marchiò: «Abbiamo iniziato ad utilizzare lo strumento tecnologico con i bambini dell’unità operativa di pediatria del policlinico di Modena che presentavano gravi forme di epilessia farmaco resistente e con i bambini che hanno malattie metaboliche particolari come il deficit di piruvato deidrogenasi (PDHD) o il deficit dei trasportatori del glucosio (GLUT1). Per questi ultimi la terapia dietetica è peraltro l’unica possibilità terapeutica di cura in grado di by-passare il difetto metabolico derivante dalla mancanza della proteina trasportatrice del glucosio, fornendo a cervello, organi e tessuti, un’energia alternativa rappresentata dai corpi chetonici».

«L’esperienza come centro di ricerca – continua – si è poi ampliata anche sulla popolazione non pediatrica rappresentata da adolescenti e adulti affetti da patologie come la sindrome del rene policistico autosomico dominante, le sindromi da policistosi ovarica o i casi di obesità importanti. In ambito terapeutico, un’altra nuova categoria di pazienti che sembrano rispondere in modo efficace a questa dieta, quando non avevano ottenuto lo stesso beneficio con una terapia farmacologica, sono gli emicranici».

KetApp permette di registrare i parametri antropometrici e della dieta

L’applicazione KetApp permette di registrare e monitorare nel tempo i parametri antropometrici (peso e altezza) e  i valori di glicemia e chetosi; il numero di crisi epilettiche con la possibilità di specificare giorno, ora, durata, descrizione della crisi e delle eventuali azioni intraprese; i parametri della dieta, secondo i quali si potranno poi elaborare diverse ricette e programmare menu personalizzati seguendo le indicazioni del curante di riferimento. In qualsiasi momento, i dati possono essere estrapolati dal paziente e inviati tramite e-mail alla dietista o ad altre figure di riferimento.

Studiato per pazienti sottoposti a dieta chetogenica

«La dieta chetogenica ribalta completamente i principi della nutrizione mediterranea, che resta quella di riferimento per la popolazione generale – puntualizza Marchiò – obbligando l’organismo ad un cambio metabolico: dal glucosio ai corpi chetonici. Esistono diversi trattamenti “chetogenici” capaci di indurre questo potenziale effetto: la dieta chetogenica classica (DC), la variante con grassi a catena media (MCT), la dieta Atkins modificata (MAD) e la dieta a basso indice glicemico (LGIT)».

«In generale le diete chetogeniche si caratterizzano per un elevato contenuto di grassi, preferibilmente di origine vegetale, e per il ridotto contenuto di zuccheri o carboidrati. Sono vietati i cereali, le farine comuni, la pasta, il pane, le merendine. Le fonti di zucchero (in qualunque forma) devono essere attentamente calcolate e trasformate in precise grammature. Bisogna considerare che minime quantità di zuccheri sono contenute anche in alcuni salumi, formaggi o verdura. Per questo la dieta deve essere calcolata da un esperto e seguita con precisione, tenendo conto dello stato di salute, dello stile di vita, dei gusti del paziente e di ogni altra variabile che possa garantire la migliore aderenza».

Utilizzata soprattutto durante la pandemia da Covid-19

L’applicazione KetApp per smartphone e il sito web www.dietachetogenica.unimore.it hanno superato anche la prova pandemia da Covid-19. Infatti, in presenza delle restrizioni imposte dal virus, sono state un valido aiuto per i pazienti, come sottolinea la dottoressa Marchiò: «Nel rispetto dei parametri prescritti è possibile oggi garantire maggiore autonomia al caregiver o al paziente. La App è gratuita, ma non fruibile a tutti – puntualizza la dietista di Unimore –. Per poter accedere è necessaria una password che i medici mettono a disposizione dei pazienti», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Dieta: uomini perdono il doppio del grasso rispetto alle donne, ma disparità si annulla dopo i 45 anni
Quando si tratta di perdere peso con la dieta i vincitori nella «battaglia fra sessi» sono gli uomini. Secondo uno studio dell'Università di Edimburgo, infatti, gli uomini perdono il doppio del grasso seguendo una dieta ipocalorica, rispetto invece alle donne. Si tratta di una disparità, tuttavia, che si annulla quando il gentil sesso supera la soglia dei 45 anni d'età, in menopausa
Stili di vita, alimentazione e sport: 7 italiani su 10 predicano bene ma razzolano male
I risultati del nuovo report «NUOVO REPORT ASIM- AIRC», realizzato da Fondo ASIM in collaborazione con la Fondazione AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.