Salute 18 Agosto 2020 09:41

Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi

La psicoterapeuta: «Da un racconto generale, si arriva a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati. L’ipnosi si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza che permetterà di entrare in contatto con la parte più profonda di sé»

di Isabella Faggiano
Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi

«Maria (ma il nome è di fantasia) si concedeva molti fuori pasto, cibandosi soprattutto di panini e spuntini comprati nei fast food. Nonostante fossero piuttosto economici era capace di ordinare anche pietanze per un totale di 40 euro, mangiandole tutte, voracemente. Inutile raccontare il risultato sulla bilancia: era innegabilmente obesa. Eppure grazie all’ipnosi Maria è riuscita a varcare la porta d’uscita del fast food che era solita frequentare senza aver ordinato né mangiato nulla».

È Nicoletta Gava, direttrice dell’omonimo centro di ipnosi, psicologa e psicoterapeuta a capo del Milton Erickson di Torino, a raccontare la storia di una delle sue tante pazienti che, grazie all’ipnosi, è riuscita a guarire. «La tecnica dell’ipnosi – continua Gava – risulta particolarmente efficace in soggetti che soffrono di disturbi alimentari, in particolare di fame nervosa o che hanno la tendenza a prendere e perdere peso di continuo».

VERSO L’IPNOSI

Le sedute di ipnosi necessitano di una preliminare conoscenza tra lo specialista e il suo paziente che permetta di mettere a fuoco il problema, o i problemi, da cui ha avuto origine la patologia. «Di solito – continua la psicoterapeuta – chi decide di affidarsi all’ipnosi, nella maggior parte dei casi, ha già la piena consapevolezza di soffrire di un disturbo alimentare: ha consultato nutrizionisti, dietologi e psicologi».

E allora perché non riesce a uscirne? «Perché quel rapporto disfunzionale con il cibo non è soltanto doloroso, ma soprattutto incontrollato: è una sorta di pilota automatico», risponde la specialista. Per rimettersi al volante sarà necessario imparare a controllare i propri stati emotivi: «Gestire i trigger, ossia gli attivatori che innescano questo modo di mangiare patologico è l’obiettivo della terapia basata sull’ipnosi», commenta Gava.

L’IPNOSI IN PRATICA

Il professionista non utilizzerà nessun pendolo che induce un sonno profondo o altri metodi incantatori, ma sarà il conduttore di un dialogo che mira alla ricerca di sentimenti, emozioni e sensazioni, i più intimi del paziente. «Da un racconto generale – continua la psicoterapeuta – si arriverà a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati in quel momento. A questo punto interverrà l’ipnosi che si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza, verso un stato di trance ipnotica che permette di entrare in contatto con la parte più profonda di sé».

L’AUTOIPNOSI

A poco a poco il paziente imparerà a riconoscere quali sono gli stati mentali che si trova a vivere prima del momento in cui scatta quell’incontrollabile voglia di mangiare, «proprio come Maria che, grazie all’ipnosi, ha compreso come modificare il suo stato di coscienza, scoprendo di poter utilizzare la propria mente a proprio vantaggio».

«In altre parole, l’ipnosi fornisce al paziente gli strumenti necessari ad interrompere quello schema comportamentale che, ripetendosi nel tempo, induce all’abbuffata. Strumenti che impareranno ad utilizzare anche in maniera autonoma, senza l’aiuto dello psicoterapeuta, praticando l’autoipnosi. E così – conclude la psicologa – saranno capaci di riprendere il controllo della propria mente ogni volta che proveranno stress, rabbia o tristezza, indirizzando le proprie reazioni verso un finale più adeguato e soprattutto non patologico».

Articoli correlati
«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno
Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»
di Isabella Faggiano
Ambra Angiolini testimonial in Regione Lombardia della legge per la prevenzione e la cura dei disturbi alimentari
L’attrice realizzerà con le ragazze del centro pilota regionale degli Spedali Civili di Brescia un laboratorio teatrale «per raccontare e far comprendere come si combatte il cancro dell’anima»
di Federica Bosco
Che cos’è il Fantamorto e perché attrae così tanti concorrenti. Le risposte dello psicoterapeuta
Il presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio Callipo: «Tra i più giovani, questi giochi possono trasformarsi in mezzi di autogratificazione o autoaffermazione all’interno del gruppo dei pari»
di Isabella Faggiano
Deficit di attenzione, in America sbarca la videogioco-terapia
L’hi-tech in Italia, Civitillo (psicoterapeuta): «C’è un trend di grande apertura verso l’utilizzo di dispositivi multimediali pensati per lavorare con persone con deficit di attenzione e iperattività. Circolano software utilizzati per trattare i problemi legati all’apprendimento, altri che hanno lo scopo di favorire forme di socializzazione»
di Isabella Faggiano
Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»
Intervista alla dottoressa Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...