Salute 18 Agosto 2020

Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi

La psicoterapeuta: «Da un racconto generale, si arriva a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati. L’ipnosi si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza che permetterà di entrare in contatto con la parte più profonda di sé»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Maria (ma il nome è di fantasia) si concedeva molti fuori pasto, cibandosi soprattutto di panini e spuntini comprati nei fast food. Nonostante fossero piuttosto economici era capace di ordinare anche pietanze per un totale di 40 euro, mangiandole tutte, voracemente. Inutile raccontare il risultato sulla bilancia: era innegabilmente obesa. Eppure grazie all’ipnosi Maria è riuscita a varcare la porta d’uscita del fast food che era solita frequentare senza aver ordinato né mangiato nulla».

È Nicoletta Gava, direttrice dell’omonimo centro di ipnosi, psicologa e psicoterapeuta a capo del Milton Erickson di Torino, a raccontare la storia di una delle sue tante pazienti che, grazie all’ipnosi, è riuscita a guarire. «La tecnica dell’ipnosi – continua Gava – risulta particolarmente efficace in soggetti che soffrono di disturbi alimentari, in particolare di fame nervosa o che hanno la tendenza a prendere e perdere peso di continuo».

VERSO L’IPNOSI

Le sedute di ipnosi necessitano di una preliminare conoscenza tra lo specialista e il suo paziente che permetta di mettere a fuoco il problema, o i problemi, da cui ha avuto origine la patologia. «Di solito – continua la psicoterapeuta – chi decide di affidarsi all’ipnosi, nella maggior parte dei casi, ha già la piena consapevolezza di soffrire di un disturbo alimentare: ha consultato nutrizionisti, dietologi e psicologi».

E allora perché non riesce a uscirne? «Perché quel rapporto disfunzionale con il cibo non è soltanto doloroso, ma soprattutto incontrollato: è una sorta di pilota automatico», risponde la specialista. Per rimettersi al volante sarà necessario imparare a controllare i propri stati emotivi: «Gestire i trigger, ossia gli attivatori che innescano questo modo di mangiare patologico è l’obiettivo della terapia basata sull’ipnosi», commenta Gava.

L’IPNOSI IN PRATICA

Il professionista non utilizzerà nessun pendolo che induce un sonno profondo o altri metodi incantatori, ma sarà il conduttore di un dialogo che mira alla ricerca di sentimenti, emozioni e sensazioni, i più intimi del paziente. «Da un racconto generale – continua la psicoterapeuta – si arriverà a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati in quel momento. A questo punto interverrà l’ipnosi che si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza, verso un stato di trance ipnotica che permette di entrare in contatto con la parte più profonda di sé».

L’AUTOIPNOSI

A poco a poco il paziente imparerà a riconoscere quali sono gli stati mentali che si trova a vivere prima del momento in cui scatta quell’incontrollabile voglia di mangiare, «proprio come Maria che, grazie all’ipnosi, ha compreso come modificare il suo stato di coscienza, scoprendo di poter utilizzare la propria mente a proprio vantaggio».

«In altre parole, l’ipnosi fornisce al paziente gli strumenti necessari ad interrompere quello schema comportamentale che, ripetendosi nel tempo, induce all’abbuffata. Strumenti che impareranno ad utilizzare anche in maniera autonoma, senza l’aiuto dello psicoterapeuta, praticando l’autoipnosi. E così – conclude la psicologa – saranno capaci di riprendere il controllo della propria mente ogni volta che proveranno stress, rabbia o tristezza, indirizzando le proprie reazioni verso un finale più adeguato e soprattutto non patologico».

Articoli correlati
Psiche e lockdown, quando una telefonata può salvare dal buio…
Il servizio di assistenza psicologica telefonica fornito dalla Asl Napoli 1 per intercettare il malessere della popolazione e degli operatori sanitari dopo il lockdown
Campania, lo psicologo di base è realtà: «Presa in carico sempre più unitaria e multidisciplinare»
Via libera dal Consiglio Regionale della Campania alla legge che istituisce il servizio di Psicologia di base per i cittadini
Psicologo delle cure primarie, Boldrini (Pd) presenta Ddl. Lazzari (CNOP): «Serve con urgenza norma organica»
La figura agirà accanto ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta per consentire la presa in carico della persona e garantire prevenzione e cure psicologiche di prossimità. «Il nostro sistema universalistico ci impone di offrire un supporto in maniera gratuita» sottolinea la capogruppo Pd in Commissione Sanità
Operarsi al cuore sotto ipnosi. Nonini (Niguarda): «Tempi rapidi e pazienti soddisfatti»
La dottoressa Sandra Nonini, specialista in anestesia e rianimazione, spiega tutte le potenzialità dell’ipnosi in ambito medico e i campi di applicazione: dal prelievo di sangue passando per gastroscopia, broncoscopia e colonscopia fino ad arrivare a interventi di cardiochirurgia
Che cos’è la ‘Fear of Missing Out’, l’ansia “social” degli adolescenti
La psicologa: «Colpisce soprattutto i maschi ed in particolare i giovani con bassa autoefficacia percepita e maggiore insicurezza sociale. Può dare origine a problemi psicopatologici più importanti, dalla dipendenza dalla rete fino alla depressione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...