Salute 18 Agosto 2020 09:41

Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi

La psicoterapeuta: «Da un racconto generale, si arriva a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati. L’ipnosi si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza che permetterà di entrare in contatto con la parte più profonda di sé»

di Isabella Faggiano
Disturbi alimentari, quando le diete non funzionano la soluzione potrebbe essere l’ipnosi

«Maria (ma il nome è di fantasia) si concedeva molti fuori pasto, cibandosi soprattutto di panini e spuntini comprati nei fast food. Nonostante fossero piuttosto economici era capace di ordinare anche pietanze per un totale di 40 euro, mangiandole tutte, voracemente. Inutile raccontare il risultato sulla bilancia: era innegabilmente obesa. Eppure grazie all’ipnosi Maria è riuscita a varcare la porta d’uscita del fast food che era solita frequentare senza aver ordinato né mangiato nulla».

È Nicoletta Gava, direttrice dell’omonimo centro di ipnosi, psicologa e psicoterapeuta a capo del Milton Erickson di Torino, a raccontare la storia di una delle sue tante pazienti che, grazie all’ipnosi, è riuscita a guarire. «La tecnica dell’ipnosi – continua Gava – risulta particolarmente efficace in soggetti che soffrono di disturbi alimentari, in particolare di fame nervosa o che hanno la tendenza a prendere e perdere peso di continuo».

VERSO L’IPNOSI

Le sedute di ipnosi necessitano di una preliminare conoscenza tra lo specialista e il suo paziente che permetta di mettere a fuoco il problema, o i problemi, da cui ha avuto origine la patologia. «Di solito – continua la psicoterapeuta – chi decide di affidarsi all’ipnosi, nella maggior parte dei casi, ha già la piena consapevolezza di soffrire di un disturbo alimentare: ha consultato nutrizionisti, dietologi e psicologi».

E allora perché non riesce a uscirne? «Perché quel rapporto disfunzionale con il cibo non è soltanto doloroso, ma soprattutto incontrollato: è una sorta di pilota automatico», risponde la specialista. Per rimettersi al volante sarà necessario imparare a controllare i propri stati emotivi: «Gestire i trigger, ossia gli attivatori che innescano questo modo di mangiare patologico è l’obiettivo della terapia basata sull’ipnosi», commenta Gava.

L’IPNOSI IN PRATICA

Il professionista non utilizzerà nessun pendolo che induce un sonno profondo o altri metodi incantatori, ma sarà il conduttore di un dialogo che mira alla ricerca di sentimenti, emozioni e sensazioni, i più intimi del paziente. «Da un racconto generale – continua la psicoterapeuta – si arriverà a focalizzare l’attenzione prima su un episodio in particolare e poi sugli stati d’animo provati in quel momento. A questo punto interverrà l’ipnosi che si concretizzerà con un cambiamento dello stato di coscienza, verso un stato di trance ipnotica che permette di entrare in contatto con la parte più profonda di sé».

L’AUTOIPNOSI

A poco a poco il paziente imparerà a riconoscere quali sono gli stati mentali che si trova a vivere prima del momento in cui scatta quell’incontrollabile voglia di mangiare, «proprio come Maria che, grazie all’ipnosi, ha compreso come modificare il suo stato di coscienza, scoprendo di poter utilizzare la propria mente a proprio vantaggio».

«In altre parole, l’ipnosi fornisce al paziente gli strumenti necessari ad interrompere quello schema comportamentale che, ripetendosi nel tempo, induce all’abbuffata. Strumenti che impareranno ad utilizzare anche in maniera autonoma, senza l’aiuto dello psicoterapeuta, praticando l’autoipnosi. E così – conclude la psicologa – saranno capaci di riprendere il controllo della propria mente ogni volta che proveranno stress, rabbia o tristezza, indirizzando le proprie reazioni verso un finale più adeguato e soprattutto non patologico».

Articoli correlati
La storia di Micaela: «Dalla morte delle mie gemelline aiuto i genitori che affrontano un lutto perinatale»
CiaoLapo Onlus è un’associazione fondata da una mamma ed un papà che hanno perso il proprio figlio, Lapo, al termine della gravidanza. La psicoterapeuta: «Accogliamo chiunque affronti la perdita di un figlio in epoca perinatale, dai primi mesi di gravidanza al periodo successivo al parto»
di Isabella Faggiano
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?
Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»
di Isabella Faggiano
Nasce la Federazione Italiana Psicologi: «Un nuovo modo di mettere a sistema competenze per il benessere della comunità»
Il presidente Marenco: «La sofferenza psicologica non si urla in piazza, ecco perché è fondamentale che la psicologia sia prevenzione prima ancora che cura»
Covid-19, Dad e generazioni perse, Sellini (AUPI): «Ormai non è più un’emergenza, servono provvedimenti strutturali»
Secondo il Segretario Generale dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani, gli stanziamenti previsti per gli psicologi nel Decreto Sostegni bis sono «una buona notizia ma rappresentano interventi parziali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 gennaio, sono 358.832.734 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.616.925 i decessi. Ad oggi, oltre 9,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre