Salute 16 Aprile 2020 10:40

Interruzione gravidanza, Viora (Aogoi): «Più ricorso all’aborto farmacologico per aiutare le donne e decongestionare gli ospedali»

Le Società di Ginecologia e Ostetricia chiedono di modificare la normativa: da 7 a 9 settimane di trattamento e farmaco anche in regime ambulatoriale

di Gloria Frezza
Interruzione gravidanza, Viora (Aogoi): «Più ricorso all’aborto farmacologico per aiutare le donne e decongestionare gli ospedali»

Il Dpcm dello scorso 3 marzo ha inserito l’Interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) tra le pratiche indifferibili in tempi di Covid-19. A significare che alle donne che ne fanno richiesta deve essere garantita la possibilità di portare a termine l’interruzione entro i termini previsti dalla legge 194/78. Tuttavia situazioni sanitarie molto diverse non permettono a tutte le regioni d’Italia di assolvere a questo dovere nello stesso modo. Le Società di Ginecologia e Ostetricia – Aogoi, Sigo e Augui – hanno pertanto richiesto una modifica delle norme vigenti e sollecitato un maggior utilizzo dell’aborto farmacologico, anche fuori dagli ospedali.

La dottoressa Elsa Viora, presidente Aogoi, parla dell’attuale situazione italiana come di una distribuzione «a macchia di leopardo». «Al momento – racconta a Sanità Informazione – ci sono regioni in cui i consultori sono chiusi e gli ospedali hanno ridotto il numero di Ivg. Oltre alla diversità tra i nostri sistemi sanitari regionali, va considerato che l’impatto del virus su ogni regione ha ulteriormente ampliato le differenze».

La normativa vigente sull’aborto prevede numerosi passaggi per la donna che desideri interrompere la gravidanza, a partire dalla certificazione. «Il medico deve prima di tutto accertare la gravidanza – spiega la dottoressa Viora – e discutere con la donna i motivi per i quali ha scelto di interromperla. Questo tipo di attività non deve necessariamente accadere in ospedale. I consultori sono il luogo ideale, oppure gli ambulatori, pubblici o privati».

LEGGI ANCHE: SMART PMA, LA TELEMEDICINA AIUTA LE COPPIE IN PROCREAZIONE ASSISTITA. DE STEFANO (OSPEDALE MOSCATI AVELLINO): «UNA LUCE SUL FUTURO»

Per l’interruzione la donna viene poi inviata in ospedale, in quanto la legge fornisce quest’unica soluzione per l’Ivg. Anche la distribuzione dei farmaci utilizzati per l’aborto farmacologico avviene esclusivamente in ospedale, ma con una modifica della normativa potrebbe non essere necessario. «Abbiamo chiesto di poter utilizzare l’Ru486 anche in regime ambulatoriale – spiega Viora – e di ampliare l’arco di tempo di trattamento da 7 a 9 settimane, come avviene in tutti gli altri Paesi. Negli Usa fino a 10. Va ricordato che gli stessi farmaci sono utilizzati anche in altre condizioni cliniche come l’aborto interno».

Questi cambiamenti andrebbero a tutto vantaggio degli ospedali, spiega la presidente di Aogoi: «Basti pensare che per l’Ivg chirurgica è sempre necessario un anestesista, ruolo che in questo momento è molto richiesto per assistere i pazienti malati di Covid-19. Decongestionare ospedali e sale operatorie è un nostro dovere in questo momento».

La riorganizzazione potrebbe, inoltre, affidarsi anche a procedure gestite da remoto con consulenze e monitoraggio in telemedicina, come succede già in Francia e in Inghilterra. «Un’occasione importante – aggiunge la presidente Aogoi – per informare e discutere delle opzioni contraccettive per la donna». Sopratutto considerando i tempi di convivenza con il Coronavirus.

«Nei prossimi mesi non possiamo aspettarci grandissimi miglioramenti, questa pandemia ci terrà occupati a lungo – conclude la dottoressa Viora –. Sappiamo che c’è attenzione alla nostra richiesta e che l’AIFA ha velocizzato l’iter burocratico di alcune procedure proprio in considerazione dell’emergenza.Vogliamo tutelare la salute delle donne e favorire un’organizzazione il più efficace possibile per tutti, sempre nel rispetto della legge. La donna non va lasciata sola».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Usa, in oltre la metà degli Stati sarà vietato abortire
Dopo la decisione della Corte Suprema di ribaltare Roe v Wade, in stati come Louisiana e Tennessee non si potrà abortire neanche per stupro
Se gli USA vieteranno l’aborto, quali saranno le conseguenze per le donne?
I giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America vogliono abrogare il diritto all'aborto nel Paese, secondo un documento interno pubblicato da Politico. Il mondo scientifico si ribella a fronte di una decisione dettata da ragioni di carattere politico-ideologico e tutto questo sulla pelle delle donne
di Stefano Piazza
Aborto, in almeno 15 ospedali italiani tutti i ginecologi sono obiettori
L'Associazione Coscioni: «La più grave disapplicazione della 194». I risultati dell’indagine “Mai dati!”
La legge anti-aborto in Texas non è stata bloccata dalla Corte Suprema
Non esaminato dai giudici conservatori il ricorso degli attivisti contro l'Heartbeat Act, che vieta alle donne texane di abortire dopo le sesta settimana. Protesta il personale sanitario, e il presidente Biden promette di difendere il diritto delle donne
Punti nascita, la voce di ginecologi e ostetriche: «Ridurli non peggiora l’assistenza»
A Sanità Informazione, la presidente AOGOI, Elsa Viora, e la presidente della FNOPO, Silvia Vaccari, commentano le parole del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, sulla possibile rimodulazione dei punti nascita in Italia
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola