Salute 14 marzo 2017

«Puntare su giovani e formazione ECM» ecco la missione di Orazio Schillaci, nuovo Presidente AIMN

La nomina è arrivata al termine del XIII Congresso Nazionale AIMN a Rimini. Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata: «Guiderò una realtà che ha più di 25 anni, lavorerò per i giovani e per garantire loro lavoro e preparazione opportuna per migliorare le terapie»

«Indirizzerò il mio lavoro soprattutto verso i giovani, impegnerò le risorse con accuratezza e incentiverò la formazione che è un tassello fondamentale nell’ottica di cure migliori per il futuro» così il nuovo Presidente dell’Associazione Italiana Medicina Nucleare Imaging Molecolare (Aimn), Orazio Scillaci eletto in occasione del XIII Congresso Nazionale AIMN.

Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina dell’Università di Roma Tor Vergata, sarà alla guida dell’Associazione per i prossimi due anni. Con un curriculum d’eccellenza, Schillaci, laureato in Medicina e Chirurgia nel 1990, specializzato in Medicina Nucleare nel ’94 e in Radiodiagnostica nel 2009, crede nelle potenzialità di una sanità giovane composta da medici che seppur con poca esperienza, sono «scientificamente abili e rivestono un ruolo significativo nel contesto scientifico della disciplina della medicina nucleare con articoli su riviste prestigiose, con partecipazioni a congressi internazionali e hanno bisogno di ancora più spazio».

«Tra gli altri obiettivi che mi prefiggo – prosegue il neo Presidente – una medicina nucleare appropriata. Ricordiamo infatti che oggi la sanità si trova in un momento particolare, bisogna cercare di impiegare le risorse con accuratezza e intelligenza. L’appropriatezza delle indagini medico-nucleari sarà sicuramente un punto da valorizzare fortemente e io, all’interno del programma che ho presentato ai soci, ho identificato due parole chiave: la prima è ‘sostenibilità’ per cure più efficaci e ‘formazione’, infatti un’associazione scientifica deve avere a cuore l’aggiornamento del personale sanitario».

In tema il Presidente Schillaci sottolinea che avere a disposizione una formazione continua e specifica è particolarmente importante. «Andiamo incontro  a questo nuovo triennio formativo 2017-2019; credo che l’impegno dell’associazione debba andare nella direzione di incentivare la formazione in modo tale da permettere di ottenere i crediti indispensabili per l’aggiornamento continuo ma soprattutto di essere sempre preparati su una materia in continua evoluzione. La formazione è uno dei temi fondamentali per la medicina nucleare dei prossimi anni».

Non meno importante è il concetto di ‘medicina personalizzata’, «che terrò fortemente in considerazione – precisa Schillaci – infatti oggi la medicina guarda sempre di più al singolo individuo, al malato più che alla malattia, riprendendo poi un concetto che Ippocrate, uno dei padri della medicina moderna, aveva sviluppato tantissimi anni fa. Ritengo che la medicina nucleare con tutta la sua cultura, possa rivestire un ruolo importante per dare al paziente opportunità di cura personalizzata».

Infine un focus sull’attualità, la Legge Gelli che riordina la responsabilità professionale di tutte le professioni sanitarie, «un modo nuovo di guardare al rapporto medico paziente – spiega il Presidente –; all’interno della Legge Gelli c’è proprio un articolo, l’articolo 5, che in particolare conferma il ruolo chiave delle associazioni scientifiche per la redazione di Linee Guida».

Le Linee Guida sono un aspetto fondamentale secondo Schillaci e «credo che anche la nostra associazione a breve dovrà occuparsene in maniera decisa. Abbiamo già diverse Linee Guida, ma dovremmo creare una formazione ad hoc per redigerne di nuove, coinvolgendo anche gli altri professionisti e le altre specialità mediche, al fine di procedere unitamente».

Articoli correlati
Formazione: apre a Milano il CeFAeS su iniziativa di AIPO
Apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a Milano, il Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS) destinato a mutare radicalmente lo scenario della formazione basato sulla simulazione in ambito medico. Il Centro infatti darà l’opportunità a chi opera nell’ambito di questa […]
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
L’Azienda che invita dei partecipanti ad un evento ECM cosa deve trasmettere al Provider?
Ai sensi della Determina del 18.01.2011 “Reclutamento dei partecipanti” l’Azienda che invita professionisti sanitari a frequentare un determinato evento formativo, con spese a carico dell’azienda stessa, deve fornire al Provider l’elenco con i nomi dei partecipanti invitati all’evento formativo.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...