Salute 14 marzo 2017

«Puntare su giovani e formazione ECM» ecco la missione di Orazio Schillaci, nuovo Presidente AIMN

La nomina è arrivata al termine del XIII Congresso Nazionale AIMN a Rimini. Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata: «Guiderò una realtà che ha più di 25 anni, lavorerò per i giovani e per garantire loro lavoro e preparazione opportuna per migliorare le terapie»

«Indirizzerò il mio lavoro soprattutto verso i giovani, impegnerò le risorse con accuratezza e incentiverò la formazione che è un tassello fondamentale nell’ottica di cure migliori per il futuro» così il nuovo Presidente dell’Associazione Italiana Medicina Nucleare Imaging Molecolare (Aimn), Orazio Scillaci eletto in occasione del XIII Congresso Nazionale AIMN.

Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina dell’Università di Roma Tor Vergata, sarà alla guida dell’Associazione per i prossimi due anni. Con un curriculum d’eccellenza, Schillaci, laureato in Medicina e Chirurgia nel 1990, specializzato in Medicina Nucleare nel ’94 e in Radiodiagnostica nel 2009, crede nelle potenzialità di una sanità giovane composta da medici che seppur con poca esperienza, sono «scientificamente abili e rivestono un ruolo significativo nel contesto scientifico della disciplina della medicina nucleare con articoli su riviste prestigiose, con partecipazioni a congressi internazionali e hanno bisogno di ancora più spazio».

«Tra gli altri obiettivi che mi prefiggo – prosegue il neo Presidente – una medicina nucleare appropriata. Ricordiamo infatti che oggi la sanità si trova in un momento particolare, bisogna cercare di impiegare le risorse con accuratezza e intelligenza. L’appropriatezza delle indagini medico-nucleari sarà sicuramente un punto da valorizzare fortemente e io, all’interno del programma che ho presentato ai soci, ho identificato due parole chiave: la prima è ‘sostenibilità’ per cure più efficaci e ‘formazione’, infatti un’associazione scientifica deve avere a cuore l’aggiornamento del personale sanitario».

In tema il Presidente Schillaci sottolinea che avere a disposizione una formazione continua e specifica è particolarmente importante. «Andiamo incontro  a questo nuovo triennio formativo 2017-2019; credo che l’impegno dell’associazione debba andare nella direzione di incentivare la formazione in modo tale da permettere di ottenere i crediti indispensabili per l’aggiornamento continuo ma soprattutto di essere sempre preparati su una materia in continua evoluzione. La formazione è uno dei temi fondamentali per la medicina nucleare dei prossimi anni».

Non meno importante è il concetto di ‘medicina personalizzata’, «che terrò fortemente in considerazione – precisa Schillaci – infatti oggi la medicina guarda sempre di più al singolo individuo, al malato più che alla malattia, riprendendo poi un concetto che Ippocrate, uno dei padri della medicina moderna, aveva sviluppato tantissimi anni fa. Ritengo che la medicina nucleare con tutta la sua cultura, possa rivestire un ruolo importante per dare al paziente opportunità di cura personalizzata».

Infine un focus sull’attualità, la Legge Gelli che riordina la responsabilità professionale di tutte le professioni sanitarie, «un modo nuovo di guardare al rapporto medico paziente – spiega il Presidente –; all’interno della Legge Gelli c’è proprio un articolo, l’articolo 5, che in particolare conferma il ruolo chiave delle associazioni scientifiche per la redazione di Linee Guida».

Le Linee Guida sono un aspetto fondamentale secondo Schillaci e «credo che anche la nostra associazione a breve dovrà occuparsene in maniera decisa. Abbiamo già diverse Linee Guida, ma dovremmo creare una formazione ad hoc per redigerne di nuove, coinvolgendo anche gli altri professionisti e le altre specialità mediche, al fine di procedere unitamente».

Articoli correlati
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...