Salute 18 Dicembre 2019

Inquinamento, quel mare nero della Campania che viola la normativa UE

Nella Regione a norma solo 5 depuratori su 150 censiti. Cappiello (Oss. Salute e Sanità Città di Napoli): «I liquami sversati in mare finiscono sulle nostre tavole, rischi incalcolabili per la salute»

Un’estate nera per la Campania, almeno per quanto riguarda l’inquinamento marino. Mentre in tutto il mondo fervono le teorie ambientaliste sul cambiamento climatico e l’importanza di porre in essere tutte le misure per salvaguardare il mondo in cui viviamo, basta restringere il cono di visuale per capire che la rivoluzione deve partire “da casa nostra”. Proprio in Campania, infatti, il guasto ad uno dei principali depuratori regionali, e conseguente sversamento di rifiuti tossici in mare, ha aperto il vaso di Pandora: in tutta la Regione sono regolarmente funzionanti solo 5 depuratori su 150. Tutti gli altri non rispettano la normativa italiana ed europea che dovrebbe regolarli. In più, su un depuratore situato nel capoluogo, dal 2004 è stata aperta una procedura di infrazione dall’Ue. Tutto ciò comporta, oltre a un impatto ambientale catastrofico, conseguenze nefaste sulla salute degli abitanti. Da semplici irritazioni a patologie infettive, fino ad arrivare ai tumori. Ce ne parla ai nostri microfoni Maurizio Cappiello, componente dell’Osservatorio Salute e Sanità – Città di Napoli).

L’inquinamento delle acque e la presenza di plastica nei nostri mari sta sollevando un dibattito piuttosto acceso. In Campania, in particolare, ci sono delle criticità legate all’utilizzo dei depuratori. Che cosa sta succedendo?

Siamo davanti a un problema ormai storico, che ultimamente sta diventando sempre più sentito. Fortunatamente, si sta diffondendo una cultura green, ambientalista, particolarmente radicata tra i giovani, che ci permette di affrontare meglio la questione. Per quanto riguarda la Campania, l’ultima estate è stata una delle più drammatiche in termini di inquinamento marino, in quanto un impianto di depurazione nella zona di Capaccio – Paestum ha riversato centinaia di quintali di plastiche, filtri di biomasse e assorbenti in mare, impattando in modo devastante sull’ecosistema, senza contare gli effetti negativi sulla salute della popolazione in quanto parte di questa plastica viene digerita dai pesci che comunemente consumiamo, finendo quindi nella nostra catena alimentare.

Per quanto riguarda la criticità sui depuratori, sono state violate delle norme specifiche?

In Campania abbiamo circa 150 depuratori censiti. Di questi, solo cinque rispettano la direttiva europea 271/91 e la legge dello Stato 152/99. Queste normative prevedono che i depuratori debbano effettuare un ciclo di trattamento chimico, un ciclo di trattamento biologico e un ciclo di essiccamento dei fanghi. Di fatto, questo iter non viene rispettato. Particolare attenzione poi deve essere posta su un depuratore in particolare, che si trova nella zona di Napoli Est, sottoposto a una procedura di infrazione comunitaria dal 2004, in quanto non risponde a un criterio di trattamento di separazione tra le acque bianche e le acque nere per cui, ad ogni pioggia, si riversano migliaia di litri di liquame in mare, soprattutto nella zona portuale. A tutto ciò, purtroppo, dobbiamo sommare il problema degli impianti industriali che spesso lavorano a nero, dal settore zootecnico alle concerie, che riversano a loro volta centinaia di litri di liquame con un impatto ambientale assolutamente devastante, dal momento che si tratta anche di metalli pesanti come cadmio, cromo e mercurio.

Quali rischi sono contemplati sulla salute della popolazione ?

Ci sono due tipi di rischio. Il primo è correlato alle patologie oncologiche, principalmente afferenti all’apparato gastrontestinale in quanto i metalli pesanti sversati in mare finiscono sulle nostre tavole, e l’effetto tossico cumulativo con il passare degli anni può dar luogo a neoplasie del tratto digerente. In secondo luogo, abbiamo tutta una serie di patologie di tipo dermatologico e le malattie infettive.

Quali provvedimenti sarebbero da prendere a questo punto?

Sarebbe innanzitutto da chiedere una maggiore incisività al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. In secondo luogo far sì che gli impianti di depurazione possano separare acque bianche e acque nere così come viene richiesto dalla normativa vigente. Fare anche un censimento di tutti gli impianti di depurazione abusivi, e procedere a relativa interdizione. Infine, mettere a norma tutti i depuratori regolarmente censiti riportandoli alla loro funzione.

Articoli correlati
Campania, consegnati ai medici di famiglia i vaccini antinfluenzali. Si parte il 1 ottobre
Scotti (FIMMG): «Un esempio di efficienza che consentirà di organizzare la pratica vaccinale con i giusti tempi e la massima sicurezza per medici e pazienti»
Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»
Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»
Campania, ancora stand-by sui test sierologici. Confronto serrato tra Regione e laboratori
Ciaramella (Consigliere Regione Campania): «Rete laboratoristica partner fondamentale, lavoriamo per trovare un’intesa che guidi fase 2»
Coronavirus, De Luca: «Da Roma arrivate mascherine del coniglietto Bunny»
«Ecco una delle 552mila mascherine arrivate dalla Protezione civile. Ci vuole veramente una fantasia molto accesa per definirle mascherine, a meno che non si pensi a quelle che usano i nostri nipoti a Carnevale». Così Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, in una diretta Facebook in cui ha fatto il punto della situazione regionale […]
Coronavirus Campania, torna a casa il “paziente 1”: «Arrivò da Milano senza sintomi, infettati in 7»
Parla il titolare dello studio legale in cui lavora l’avvocato che, nelle scorse settimane, era stato indicato anche dal Presidente De Luca come il primo caso di Coronavirus nella Regione. «Era stato definito irresponsabile ma sia lui che noi dello studio abbiamo preso tutte le precauzioni possibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...