Salute 5 ottobre 2018

Influenza, ecco perché vaccinarsi. Bartoletti (OMCeO Roma): «Complicazioni sono terza causa di morte per malattie infettive»

«Vaccinazione raccomandata a persone con patologie croniche, soggetti a rischio, personale sanitario e forze dell’ordine. Da effettuare tra fine di ottobre e l’inizio di novembre». I consigli di Pierluigi Bartoletti, vicepresidente OMCeO Roma

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Febbre, brividi, tosse, naso che cola, dolori muscolari e articolari, mal di gola, sono i possibili e più tipici sintomi dell’influenza stagionale. Il virus può essere contratto per via aerea, mediante il contatto con la saliva o con le secrezioni respiratorie. Ci si può infettare anche toccando superfici o oggetti contaminati con il virus, portando poi le mani alla bocca, al naso o agli occhi. Nei casi più gravi, soprattutto in soggetti maggiormente vulnerabili, può causare delle complicanze molto serie, come polmonite, encefalite, meningite o convulsioni.

E allora come mettersi al riparo? Risponde, ai microfoni di Sanità Informazione, Pierluigi Bartoletti, medico di Medicina Generale e vicepresidente dellʼOrdine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) di Roma e provincia.

 «Anche se  non ci aspettiamo virus particolari – ha spiegato Bartoletti – per la prossima influenza la vaccinazione è comunque e sempre raccomandata. Soprattutto  alle persone che hanno patologie croniche, ai soggetti cosiddetti rischio, al personale sanitario ed alle forze dell’ordine».

Perché vaccinarsi contro l’influenza anche se è un vaccino non obbligatorio, ma semplicemente raccomandato?

«Perché l’influenza, in ogni caso – ha aggiunto il vicepresidente OMCeO Roma – per persone con patologie cardiologiche o immunologiche è una malattia seria, sistemica. E come tale può determinare un aumento della mortalità a causa delle complicazioni che possono subentrare. Non dimentichiamo che le complicazioni da influenza sono la terza causa di morte per malattie infettive in questo Paese».

E chi avesse paura di possibili effetti collaterali può stare tranquillo: «La vaccinazione è di anno in anno sempre più sicura – ha sottolineato Bartoletti – anche dal punto di vista della composizione farmaceutica».

LEGGI ANCHE: VACCINI, ISS: «IMPORTANTE NON COMPROMETTERE L’OBIETTIVO DELLA TUTELA DELLA SALUTE DI TUTTI»

«Per vaccinarsi è sufficiente andare dal proprio medico di medicina generale», ha aggiunto il vicepresidente OMCeO Roma. Ma qual è il periodo giusto per farlo?: «Ad eccezione dello scorso anno in cui l’epidemia influenzale si è verificata un po’ in anticipo – ha risposto Bartoletti – normalmente le vaccinazioni vengono sempre un po’ posticipate dal clima. Molto dipenderà anche dal meteo: se ci aspettiamo un inverno freddo, allora sarà meglio effettuarle tra fine ottobre ed inizio novembre. Se invece il tempo sarà un po’ più mite, e il freddo arriverà verso gennaio o febbraio, allora anche le vaccinazioni potranno essere posticipate a fine novembre, inizio dicembre».

Che sia prima o dopo una cosa è certa: «È fortemente raccomandata – ha concluso Bartoletti –  io mi vaccino e vaccino i miei figli tutti gli anni».

 

Articoli correlati
L’Omceo Roma rafforza la collaborazione con la Palestina: richiesto supporto per cardiochirurgia pediatrica
Si è tenuto questa mattina, presso la sede di via De Rossi, l’incontro tra il presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO), Antonio Magi, e l’Ambasciatrice della Palestina Mai Alkaila. Con loro il consigliere dell’Ordine Foad Aodi, coordinatore dell’area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri, e l’addetto culturale dell’ambasciata a Roma, […]
Violenza sulle donne, il ruolo del dentista “sentinella”. Santaniello (ANDI): «Se formato può intercettare segni di maltrattamenti»
«Se sa riconoscere la violenza attraverso dei segnali come una ferita, un dente fratturato o un’ecchimosi, il dentista può indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di competenza». Così la presidente Andi Sabrina Santaniello
Influenza, Calabrese (FIMMG): «Vaccino unico strumento di prevenzione valido. Picco previsto per fine dicembre»
«Tra i soggetti più deboli le complicanze sono maggiormente frequenti», sottolinea il vicesegretario nazionale della Federazione dei Medici di Medicina Generale che consiglia: «Non frequentare luoghi affollati e lavarsi accuratamente le mani in qualsiasi situazione, soprattutto - ha concluso Calabrese - ogni qual volta si entra in contatto con altre persone»
di Isabella Faggiano
Influenza, OMCeO Roma in campo per sensibilizzare profilassi. Magi: «Operatori sanitari devono vaccinarsi per coscienza personale e civica»
Dosi vaccinali somministrate all'Ordine dei medici della Capitale per insegnare la buona prassi a camici bianchi e cittadini. «Non solo operatori sanitari, vaccinarsi è consigliabile anche per altre categorie a rischio come forze dell’ordine e personale scolastico» così il Presidente Antonio Magi
di Lucia Oggianu
Edifici e salute, Tarsitano (OMCeO Roma): «Creare ambienti che permettano di affrontare patologie croniche»
Al corso Ecm organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma la consigliera valuta positivamente i due miliardi in più stanziati dal governo per l’edilizia sanitaria: «Previsione economica importante, ora investirli nel modo migliore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...