Salute 3 Marzo 2022 14:32

In Russia medicina e scienza lasciate indietro per una guerra «insensata», la coraggiosa lettera degli accademici russi

Migliaia di scienziati, medici e giornalisti russi hanno condannato pubblicamente l’invasione dell’Ucraina e temono che la guerra possa compromettere anche la comunità scientifica russa

In Russia medicina e scienza lasciate indietro per una guerra «insensata», la coraggiosa lettera degli accademici russi

Migliaia di scienziati, medici e giornalisti russi hanno condannato pubblicamente l’invasione «insensata» dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin, rischiando di essere multati o addirittura di essere condannati a pene detentive. In una lettera aperta al dittatore russo, hanno affermato che non c’è «giustificazione razionale per questa guerra» e hanno avvertito che il paese è «condannato all’isolamento».

Gli accademici chiedono l’immediata sospensione delle operazioni militari

Secondo i firmatari, la scienza e la medicina russe potrebbero essere lasciate indietro a causa della mancanza di finanziamenti internazionali mentre il mondo trasforma il paese in uno stato «paria». A sottoscrivere il documento sono stati oltre 6.100 accademici, giornalisti scientifici e medici e lo hanno fatto nonostante le rigide leggi russe contro la libertà di parola. I firmatari della lettera hanno chiesto «l’immediata sospensione di tutte le operazioni militari dirette contro l’Ucraina».

La Russia rischia di compromettere la cooperazione scientifica internazionale

Gli Stati Uniti hanno già tagliato i legami con l’industria spaziale russa come parte del loro pacchetto di sanzioni, mentre il più grande finanziatore tedesco della ricerca ha congelato tutta la cooperazione scientifica con il paese.  «Noi, scienziati e giornalisti scientifici russi, dichiariamo una forte protesta contro le ostilità lanciate dalle forze armate del nostro Paese sul territorio dell’Ucraina». E continua: «Questo passo fatale porta a enormi perdite umane e mina le fondamenta del sistema consolidato di sicurezza internazionale. La responsabilità di scatenare una nuova guerra in Europa spetta interamente alla Russia».

«Non c’è giustificazione razionale a questa guerra», le parole degli accademici

«Non c’è una giustificazione razionale – scrivono – per questa guerra. I tentativi di usare la situazione nel Donbass come pretesto per lanciare un’operazione militare non ispirano alcuna fiducia». E ancora: «È chiaro che l’Ucraina non rappresenta una minaccia per la sicurezza del nostro Paese. La guerra contro essa è ingiusta e francamente insensata». I firmatari hanno affermato che lo stato dell’Ucraina si basa su istituzioni democratiche e tutti i problemi tra la Russia e i suoi vicini europei possono essere risolti pacificamente.

Gli scienziati rischiano di non poter svolgere normalmente il proprio lavoro

«Avendo scatenato la guerra, la Russia si è condannata all’isolamento internazionale», si legge nella lettera. «Ciò significa che noi scienziati non saremo più in grado di svolgere normalmente il nostro lavoro: dopotutto, è impensabile condurre ricerca scientifica senza la piena collaborazione dei colleghi di altri paesi. L’isolamento della Russia dal mondo significa un ulteriore degrado culturale e tecnologico del nostro Paese in totale assenza di prospettive positive». Da qui la richiesta di porre fine alla guerra «subito».

A rischio i finanziamenti internazionali alle istituzioni russe

Gli scienziati hanno affermato: «Chiediamo rispetto per la sovranità e l’integrità territoriale dello stato ucraino. Chiediamo la pace per i nostri paesi». La comunità scientifica internazionale ha condannato l’attacco della Russia all’Ucraina. Alcuni chiedono che vangano tagliati tutti i legami con gli scienziati russi. La Nasa sta ora esplorando modi per mantenere operativa la Stazione Spaziale Internazionale senza l’aiuto russo. Nel frattempo, più di 130 persone hanno firmato una lettera aperta alla Commissione Europea e agli Stati membri dell’Unione Europea chiedendo la sospensione urgente di tutti i finanziamenti alle istituzioni russe.

La comunità scientifica russa rischia di pagare un prezzo molto alto

Maksym Strikha, un fisico dell’Università Nazionale Taras Shevchenko di Kiev, ha detto alla rivista Nature che si dovrebbero bloccare i finanziamenti agli scienziati. «Ci dovrebbe essere un boicottaggio completo della comunità accademica russa. Nessuna collaborazione», dice. «Anche la comunità accademica russa dovrebbe pagare il proprio prezzo per sostenere Putin», aggiunge. Dal crollo dell’Unione Sovietica nel 1992 la Russia è rimasta indietro rispetto all’Europa e agli Stati Uniti in materia di scienza e salute. In quel momento l’economia del paese è precipitata e decine di migliaia di scienziati si sono trasferiti all’estero per promuovere la loro carriera. Nonostante Putin abbia promesso una nuova strategia di ricerca nel 2018, inclusi 900 nuovi laboratori e un sostegno extra per gli scienziati all’inizio della carriera, i finanziamenti sul campo per la maggior parte della ricerca russa rimangono scarsi. Il paese ha negato di aver rubato i dati del vaccino da AstraZeneca, dopo essere stato accusato di essersi appropriata dei progetti del vaccino fatto a Oxford per sviluppare il Sputnik V.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...