Salute 30 Ottobre 2020

In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità annuncia l’avvicinamento allo scenario 4, il più grave dell’epidemia. Tasso di positività dei tamponi al 10%

In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»

Sono 31.084 i nuovi casi di Covid-19 oggi in Italia. Lo ha riferito Gianni Rezza, direttore della Prevenzione del ministero della Salute, nel suo intervento alla conferenza stampa al ministero della Salute sull’analisi dell’evoluzione di Covid-19 in Italia. «Come sapete nelle ultime 2-3 settimane abbiamo raddoppiato il numero dei positivi ogni settimana e mi sembra che continui il trend in aumento. Resta stabile il numero dei decessi». Il fatto è che «la percentuale di positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e questo non è un buon indicatore», ha ribadito l’esperto.

RT A 1,7 IN ITALIA

«L’indice Rt in Italia è a 1,7, ancora in crescita, ed è riferito alla scorsa settimana. Tutte le regioni sono sopra il valore Rt 1 e molte anche significativamente sopra, e questo è un elemento importante», ha aggiunto Silvio Brusaferro, direttore dell’Istituto Superiore di Sanità. «L’età mediana delle persone che contraggono l’infezione nelle ultime settimane, dopo un periodo di stabilizzazione, è in lieve crescita e questo vuol dire che non si infetta più solo la popolazione giovane, come avveniva durante il mese di agosto, ma il contagio riguarda un po’ tutte le fasce d’età».

«Certamente – ha chiarito – le fasce d’età più colpite sono quelle giovanili, ma progressivamente anche le fasce d’età più anziane cominciano a essere colpite. Cominciamo lentamente a crescere, dunque, e questo ha un significato importante rispetto al potenziale di trasmissione alle persone anziane, che hanno un maggior rischio di mortalità».

VERSO LO SCENARIO 4

«Siamo in una situazione compatibile con lo scenario 3 verso lo scenario 4», e Brusaferro ha poi specificato che in alcune regioni l’ultimo scenario è già in atto. La curva dei decessi per Covid-19 «mostra come l’età media delle vittime sia superiore a 80 anni. Le persone sotto i 50 anni sono l’1% di tutti i decessi e sono persone per lo più affette da patologie, quindi classificabili come fragili».

Brusaferro ha mostrato anche una comparazione fra 3 diversi periodi della pandemia in Italia: marzo-maggio, giugno-agosto e settembre-ottobre e ha spiegato come ci sia una differenza nell’età media dei deceduti. A giugno-agosto è un’età media piuttosto elevata, 82,8. A settembre-ottobre invece si sta abbassando, ed è a 81,3, ma è ancora sopra l’età media registrata a marzo-maggio, quando era 80,1 anni. Oggi «il 73% delle persone aveva tre o più patologie». Questa fascia rappresentava il 62,4% ai tempi della prima ondata. «Le persone con zero comorbidità sono l’1%» contro un 3,8% registrato a marzo-maggio.

«L’occupazione dei letti di terapia intensiva negli ultimi giorni è sostanzialmente stabile e sotto la soglia per mantenere le normali attività medico-chirurgica nei presidi ospedalieri. Quindi la situazione anche da questo punto di vista è marcatamente diversa e fa riferimento ad un Paese meglio in grado di gestire tutti gli aspetti che ineriscono alla ripresa della curva epidemica», ha continuato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e componente del Cts.

NUOVE MISURE DA VALUTARE

«Ci troviamo di fronte a un Paese che ha adottato misure importanti – ha ripreso Brusaferro – che si stanno implementando e i cui effetti vedremo alla fine della prossima settimana, quindi dopo i famosi 15-20 giorni, che sono i tempi per vedere come agiscono sulla diffusione dell’infezione le misure che vengono adottate. Misure alle quali si devono adeguare o inserire ulteriori misure che possono essere e a livello nazionale e a livello locale». «Le regioni stanno analizzando i dati e credo che dall’esito di questa analisi si potrà valutare contestualmente se accompagnare con misure anche locali ulteriori, laddove per esempio la curva di crescita sia più significativa che altrove», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19 e animali domestici, cosa c’è da sapere?
Posso contrarre l’infezione dal mio animale domestico? Esiste il rischio che il virus SARS-CoV-2 sia trasmesso dall’uomo agli animali o da animale ad animale? Cosa fare dopo la passeggiata con il cane? Il Ministero della Salute risponde ai principali quesiti
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli