Salute 12 Novembre 2021 15:18

In arrivo nuova terapia contro l’obesità, da AME appello a non trascurare stili di vita

Durante il Congresso dell’Associazione Medici Endocrinologi si è parlato dell’approvazione del farmaco semaglutide per la gestione del peso e di tutte le altre strategie per contrastare l’obesità

È un farmaco già utilizzato con successo contro il diabete, ma a dosaggi superiori è risultato molto efficace anche contro l’obesità. Si tratta del semaglutide, già in uso negli Stati Uniti per la gestione del peso. «Questo farmaco è ora in attesa di approvazione da parte dell’EMA, l’Agenzia europea che regolamenta i farmaci, tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022», riferisce Olga Disoteo, Diabetologa Ospedale Niguarda di Milano e responsabile della commissione Diabete dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME), in occasione del Congresso Nazionale dell’Associazione a Trieste. Diventa quindi ancora più chiaro che l’obesità, così come il diabete, va considerata e trattata come una vera e propria patologia. «È una malattia recidivante cronica – spiega Disoteo –. Ci sono tutte le ragioni per considerarla tale, dal momento che evidenze scientifiche dimostrano che l’appetito, la sazietà e fino al 70% del proprio peso sono geneticamente determinati».

Da qui la necessità di mettere a punto nuovi e più efficaci trattamenti. «Le nuove terapie per l’obesità – spiega Marco Chianelli, dirigente medico all’Ospedale Regina Apostolorum di Albano (Roma), coordinatore della commissione Obesità e Metabolismo dell’AME – si basano su composti simili ad ormoni naturalmente presenti nel nostro organismo, detti glucagon like peptide 1 (GLP1). Questi farmaci non solo regolarizzano il metabolismo ma intervengono sulle principali cause dell’obesità: riducono la pulsione verso il cibo e aumentano il senso di sazietà determinando riduzione dell’introito calorico».

Il farmaco di questa classe, semaglutide, autorizzato in commercio negli Usa per la cura della obesità, promuove una perdita di peso media di circa il 15 per cento del peso corporeo. La nuova terapia è indicata per i pazienti dai 18 anni di età in su con BMI maggiore o uguale a 30 o BMI da 27 in su con almeno una comorbidità/complicanza associata. Ma attenzione a fare una distinzione tra l’utilizzo del farmaco per il diabete e per l’obesità. «L’azione dei GLP-1RA sul peso corporeo – precisa Disoteo – è dose dipendente, tanto che ci sono studi specifici nell’obesità senza diabete».

Inoltre, AME fa un’ulteriore precisazione: l’arrivo di nuovi farmaci più efficaci non deve però essere il pretesto per fare poca attenzione agli stili di vita. «È fondamentale un cambio di stile di vita, come si fa con i soggetti affetti da altre patologie croniche», dice Disoteo. Buona norma, quest’ultima, che con la pandemia è passata in secondo piano. Ci sono evidenze scientifiche che, da quando l’emergenza Covid è scoppiata, l’incidenza dell’obesità è cresciuta. «Con l’emergenza Covid è aumentata la sedentarietà e l’approccio al cibo con stimoli continui da parte dei media, così come si sono accumulati ritardi degli interventi di chirurgia bariatrica e si sono allungate le liste di attesa per visite endocrinologiche», aggiunge. Conclude Chianelli: «La ricerca, la politica e la sanità hanno un compito importante nel promuovere cura e prevenzione di malattie così diffuse nella società con un costo personale e sociale elevatissimo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
Obesità: BMI sbaglia metà diagnosi. Esperti SIE: «Urgente rivedere linee guida»
Considerato da decenni fattore determinante per stabilire se una persona è entro i limiti del peso normale od obesa, il BMI non sarà più usato dai medici statunitensi come unico criterio perché responsabile di enormi errori. Posizione condivisa dagli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) che propongono di rivedere le attuali linee guida italiane sull’obesità
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...