Salute 9 Agosto 2016

Costanzo (INMP): «Migranti e salute, sfide difficili e sempre nuove per i medici del progetto CARE»

L’Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà è capofila del progetto a cui lavorano cinque stati europei. Il coordinatore Gianfranco Costanzo: «Accogliamo e curiamo le popolazioni migranti negli “Hotspot” in Italia e in Grecia. Formazione ad hoc per il nostro personale sanitario, chiamato ad affrontare sfide difficili e sempre diverse»

Una tessera sanitaria per migranti. A questo sta lavorando l’INMP (Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà), eccellenza italiana per quel che riguarda l’assistenza sanitaria degli immigrati e delle persone in difficoltà economiche e sociali. Partito alcuni mesi fa, il “progetto CARE” (Common Approach for REfugees and other migrants’ healt), di cui l’istituto è coordinatore, ha lo scopo di promuovere e sostenere la salute dei migranti e della popolazione negli Stati Membri a forte pressione migratoria, e lo fa attraverso strumenti all’avanguardia e personale sanitario altamente formato per affrontare al meglio le difficili e sempre diverse situazioni a cui si deve far fronte in un’emergenza come quella migratoria. Il progetto è co-finanziato dall’Agenzia CHAFEA della Commissione Europea (Consumers, Health, Agriculture and Food Executive Agency) nell’ambito del Terzo Programma Quadro ed è condotto da un partenariato composto, oltre che dall’INMP, da altri 15 enti pubblici e privati dei Paesi Membri partecipanti (Italia, Grecia, Malta, Slovenia e Croazia). Ne abbiamo parlato con Gianfranco Costanzo, direttore Unità operativa gestione progetti dell’INMP e coordinatore del “Progetto CARE”.

«Il “Progetto CARE”, sviluppato a livello europeo, si occupa di fornire la miglior risposta in termini di salute ai migranti che giungono sulle coste del nostro continente. Il migrante viene assistito nei due hotspot in Italia, ovvero Lampedusa e Trapani Milo, e nei due in Grecia, sull’isola di Kos e sull’isola di Eros, attraverso la presenza di gruppi multidisciplinari formati da medici, psicologi, dermatologi e anche infettivologi e strumenti creati ad hoc. Di estrema utilità risulta essere la scheda sanitaria digitale che permette al migrante di essere curato anche da un altro medico quando lascia l’hotspot, ottenendo così quella continuità sanitaria a cui spesso non accede».

Quanto è importante raccogliere informazioni per fare una mappatura delle varie esigenze sanitarie che presentano questi immigranti per poter dare un servizio migliore?

«Noi partiamo dal concetto di medicina di comunità, dove la salute del singolo è importante non solo per se stesso ma lo è anche per la comunità che lo accoglie. Sappiamo che molte delle persone che arrivano negli hotspot, quindi nei nostri centri di accoglienza, poi entreranno nel territorio nazionale perché sono richiedenti asilo e quindi vedranno riconosciuto un diritto sia in Italia sia in altri Paesi. Per questo ci dobbiamo assolutamente assicurare che queste persone siano in buona salute. Noi rispondiamo tecnicamente, al momento, dentro queste strutture, ma riteniamo che la salute dei singoli debba essere monitorata e tenuta sotto controllo anche al di fuori di queste strutture. Il motivo per cui abbiamo pensato di strutturare una raccolta di dati sanitari che possa seguire la persona, e di questo strumento in particolar modo se ne sta occupando direttamente la Croce rossa italiana e il Ministero della salute, è quello di erogare adeguate prestazioni sanitarie ai migranti, perché provenendo appunto da altri Paesi, possono avere esigenze diverse dalle nostre».

Il personale sanitario che opera in queste zone ha bisogno di una formazione particolare, corsi di aggiornamento specifici?

«Sì, i nostri team multidisciplinari hanno da poco fruito di una formazione erogata proprio nell’ambito del “Progetto CARE”, sia su tematiche trasversali come la comunicazione efficace, la transculturalità o la medicina alle migrazioni, sia su alcuni argomenti verticali come le problematiche emergenti della dermatologia su cute scura, le malattie infettive maggiormente diffuse all’interno di comunità ristrette, così come sull’uso di strumenti che stiamo elaborando per la determinazione dell’età anagrafica di minori non accompagnati, strumenti alternativi alla radiografia del polso che è stata estensivamente utilizzata fino ad oggi ma è assolutamente poco accurata».

 

 

Articoli correlati
Studentessa racconta su Fb intervento del medico di Lampedusa Pietro Bartolo e post diventa virale: «Questa cosa ve la devo troppo raccontare…»
Virginia Di Vivo, studentessa parmense, ha raccontato l’intervento di Pietro Bartolo al congresso studentesco degli studenti di Medicina. Il racconto delle cure ai migranti sul ‘fronte’ di Lampedusa ha catturato l’attenzione della rete: 30mila like e 32mila condivisioni
Carenza specialisti, Foad Aodi (Amsi e Omceo Roma): «Meno 60mila specialisti nel 2025, investire sui giovani medici e stabilizzare i colleghi stranieri presenti in Italia»
Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e […]
Padova ospita il primo Festival della salute globale. Si parlerà di medicina, disuguaglianze e migrazioni
Lo scopo del Festival della salute globale, con Walter Ricciardi come direttore scientifico e Stefano Vella come condirettore, è far dialogare medici, scienziati, studiosi su una delle grandi sfide della medicina moderna: combattere le diseguaglianze nell’accesso alla salute. Per questo, si discuterà anche di migranti, salute e fake news con la Onlus Sanità di Frontiera che presenterà il nuovo magazine "Corriere della Salute migrante"
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...