Salute 3 Giugno 2015

Il ritorno di Ebola sta tutto in una mappa

Intervista a Fabrizio Pulvirenti, il medico guarito dal terribile virus: «La ripresa dei focolai della malattia coincide con le zone di deforestazione». Stabili le condizioni del “paziente 2”

Immagine articolo

Non è il destino che ha determinato i nuovi focolai di Ebola. C’è la mano dell’uomo e la sua voracità dietro questa nuova catastrofe.

È questo il risultato di alcune ricerche che sta portando avanti Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency che ha lavorato a lungo in Africa ed è stato il primo paziente italiano contagiato dal virus e poi guarito. Per Sanità informazione abbiamo intervistato Pulvirenti per approfondire lo sviluppo della malattia che purtroppo ha contagiato anche un altro nostro connazionale, ora in cura allo Spallanzani.

Dottore, sappiamo che è in contatto con i colleghi dell’Inmi e con il collega malato: cosa ci può dire?

«Siamo in contatto, ci sentiamo telefonicamente con i colleghi dello Spallanzani, mi danno di tanto in tanto notizie del collega che, per quello che mi è dato sapere, sta relativamente bene».

Al di là del decorso della malattia, la sua esperienza è stata significativa, deve essere particolarmente difficile questo periodo di isolamento totale.

«È l’aspetto più difficile nella gestione della malattia, al di là del malessere, che io ho potuto provare e sperimentare sulla mia pelle, ho passato in isolamento 5 settimane della mia vita e sono davvero tante perché il tempo non passa mai e comunque non puoi uscire dalla stanza in cui ti trovi per il rischio di contagio per gli altri operatori. Quindi è un aspetto anche psicologico che bisogna tenere in considerazione».

Lo sviluppo di Ebola sembra sempre in qualche modo sul punto di essere arginato ma ogni volta ci sono nuovi focolai, nuovi casi. Ci accennava a una ricerca da lei condotta con riscontri interessanti.

«Io ho ripreso alcuni studi che sono stati fatti qualche anno fa e ho confrontato le mappe della deforestazione in Africa con le mappe di insorgenza dei primi focolai di epidemia. È impressionante notare quanto siano assolutamente sovrapponibili. Ebola compare laddove la foresta viene a mancare perché la deforestazione avvicina i centri urbani alla fauna selvatica e questo probabilmente è quello che fa scattare i primi focolai epidemici, ma questo già a partire dal 1976. Poi, di anno in anno, si sono ripetuti piccoli focolai epidemici ed è veramente impressionante mettere le mappe a confronto».

Nel trattamento, nella diagnosi e nel contenimento dell’epidemia, un ruolo sempre fondamentale è quello della formazione, essere in grado di diagnosticare Ebola e di adottare provvedimenti e linee guida che assicurino il massimo della protezione. Su questo forse si potrebbe fare ancora di più?

«Credo che davanti ad una patologia molto grave come è l’infezione da Ebola gli operatori debbano essere tecnicamente ben preparati, non ci si può improvvisare operatori, è necessario un training prima di entrare in zona rossa ma è necessario anche un training per gestire il caso che arriva in occidente: in Italia, così come negli Stati Uniti o in Francia. Io, se mi è consentito dirlo, ho visto le immagini del trasferimento del collega di Emergency da Sassari e francamente sono impressionanti. Vedere le persone che in abiti civili stanno praticamente attaccate alla barella di alto contenimento biologico è strano, ecco…».

Proprio il caso dell’infermiere di Sassari fa pensare come una formazione di base almeno su questi temi sia indispensabile un po’ per tutti gli operatori sanitari. Abbiamo letto come i tecnici di laboratorio che si sono trovati a Sassari ad analizzare il sangue, solo in un secondo momento si siano resi conto di quali potessero essere i rischi.

«Nel momento in cui il collega è arrivato in Italia e ha avvertito i sintomi sarebbe forse stata necessaria una maggiore formazione del personale. Non entro però nel merito della questione perché non conosco i parametri e i criteri adottati».

Articoli correlati
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone