Salute 8 Febbraio 2022 15:49

«Il paracetamolo aumenta il rischio infarto e ictus in chi soffre di pressione alta», l’allarme in uno studio

Uno studio ha dimostrato che le persone con pressione alta che assumono paracetamolo per lunghi periodi di tempo potrebbero essere più a rischio di infarti e ictus.

«Il paracetamolo aumenta il rischio infarto e ictus in chi soffre di pressione alta», l’allarme in uno studio

Chi soffre di pressione alta dovrebbe fare attenzione al paracetamolo. Uno studio dell’Università di Edimburgo ha scoperto che nei soggetti ipertesi l’assunzione di paracetamolo per lunghi periodi può aumentare il rischio infarto e ictus. I risultati, pubblicati sulla rivista Circulation, sono un avvertimento per i medici che dovrebbero pensare ai rischi e ai benefici per i pazienti che assumono per molti mesi il paracetamolo.

Il paracetamolo aumenta la pressione sanguigna

Si tratta di un comune antidolorifico usato per gestire sintomi comuni come il mal di testa e la febbre. Viene anche prescritto per gestire il dolore cronico, nonostante le evidenze sulla sua efficacia sul lungo periodo sono piuttosto scarse. Nello studio i ricercatori hanno monitorati 110 volontari, due terzi dei quali assumevano farmaci per la pressione alta. Ai soggetti è stato chiesto di assumere 1 g di paracetamolo 4 volte al giorno per due settimana – una dose molto comune per i pazienti che soffrono di dolore cronico. E per altre due settimane hanno assunto due pillole «finte», ovvero placebo. Ebbene, lo studio ha mostrato che il farmaco ha aumentato la pressione sanguigna, «uno dei fattori di rischio più importanti per infarto e ictus», molto più di un placebo, riferisce James Dear, farmacologo clinico dell’Università di Edimburgo.

I ricercatori avvertono i medici: «Valutate bene rischi e benefici»

I ricercatori hanno quindi consigliato ai medici di iniziare a prescrivere ai pazienti con dolore cronico la dose più bassa possibile di paracetamolo e di tenere d’occhio particolarmente i soggetti con pressione alta e a rischio di malattie cardiache. I risultati valgono principalmente per chi, a causa di problematiche come l’artrite, responsabili di dolore cronico, assumono grandi quantità di paracetamolo per molto tempo. Mentre non dovrebbero esserci problemi per coloro che ne fanno un uso occasionale.

Ci sono ancora molte incognite sul legame tra paracetamolo e pressione alta

Inoltre, alcuni scienziati invitano alla cautela. Dipender Gill, docente di farmacologia clinica presso la St George’s, University of London, sottolinea che «rimangono molte incognite». Spiega: «In primo luogo, non è chiaro se l’aumento osservato della pressione sanguigna sarebbe sostenuto con l’uso a lungo termine del paracetamolo. In secondo luogo, non è noto con certezza se un aumento della pressione sanguigna attribuibile all’uso di paracetamolo porterebbe a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari». In passato un ampio studio statunitense aveva trovato un legame tra l’uso a lungo termine del paracetamolo e l’aumento del rischio di attacchi di cuore, ma non è stato possibile dimostrare che l’uno causasse l’altro. E altri studi minori non sono stati in grado di confermare il collegamento. La British Heart Foundation, che ha finanziato quest’ultimo studio, ha affermato che medici e pazienti dovrebbero riconsiderare l’uso regolare anche qualcosa di «relativamente innocuo come il paracetamolo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infarto: come riconoscerlo e cosa fare
Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo occidentale. In Europa sono oltre 4 milioni le persone che ogni anno perdono la vita a causa di esse. Tra queste l’infarto rappresenta oggi la principale causa di morte anche in Italia. L’infarto del miocardio si verifica quando si ha un’occlusione parziale o totale […]
di dottoressa Laura Limardo, NurseLifeApp
Rischio cardiovascolare, anche in pandemia resta il killer più pericoloso
Indolfi (Sic) sul rischio cardiovascolare: «Grave gap nella formazione specialistica dei cardiologi, impatto su nuove generazioni»
Il paracetamolo solubile può far male al cuore, contiene più sale di un Big Mac
Uno studio cinese ha concluso che alcune versioni di paracetamolo solubile contengono un elevato consumo di sale nascosto che possono far male al cuore, aumentando il rischio infarto, ictus e insufficienza cardiaca
Long Covid e cuore, l’esperto: «Controlli a tre mesi per i guariti, poi monitorare la situazione»
Tanti i segni dell’infezione sul cuore: dolore al petto, palpitazioni e alterazioni del battito. Ma anche stanchezza, indebolimento generale, affaticabilità e difficoltà respiratorie. L’intervista al professor Gianfranco Parati su Long Covid e coinvolgimento cardiaco
Il colesterolo alto è nemico del cuore. Mor: «Non esiste un valore al di sotto del quale il rischio cardiovascolare si azzera»
«L’ipercolesterolemia è stata promossa da fattore di rischio a causa dell’aterosclerosi – spiega la dottoressa Donata Mor – gli studi dimostrano che alla riduzione del colesterolo si genera una riduzione delle malattie cardiovascolari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali