Salute 18 Dicembre 2019 08:40

Il Buon Natale “spaziale” dell’astronauta Parmitano ai piccoli pazienti dell’ospedale Bambino Gesù

I bambini riuniti in ludoteca, entusiasti per l’avvenimento, hanno posto al Comandante della Missione spaziale una tempesta di domande per cercare di capire com’è la vita degli astronauti

Il Buon Natale “spaziale” dell’astronauta Parmitano ai piccoli pazienti dell’ospedale Bambino Gesù

“Da grande voglio fare l’astronauta, ma ho anche altre opzioni!”. Letizia è piccola, ma ha le idee chiare sul suo futuro. Ora lo sa anche l’astronauta Luca Parmitano che ha voluto regale un momento speciale ai piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con un video-collegamento dalla stazione spaziale internazionale.

I bambini riuniti in ludoteca, entusiasti per l’avvenimento, hanno posto al Comandante della Missione spaziale una tempesta di domande per cercare di capire com’è la vita degli astronauti. “Babbo Natale viene anche da voi a portare i regali? Quando non lavorate, cosa fate? Com’è la terra da lassù? Hai visto gli alieni? Qual è la cosa più bella della tua giornata? Come sono le stelle cadenti viste da lassù”. Nei 30 minuti di videochiamata organizzata dall’Agenzia Spaziale Europea, Parmitano ha risposto ad ogni quesito mostrando tanti dettagli della Stazione orbitante, compresa una splendida vista della Terra, attraverso uno degli oblò.

Già in clima natalizio, i bambini hanno fatto domande su Babbo Natale e su cosa avessero chiesto gli astronauti come regalo. «Babbo Natale può arrivare ovunque, anche se non è facile raggiungerci perché viaggiamo spediti» ha detto Parmitano spostandosi, “volando”, per la stazione orbitante per mostrare gli addobbi come le calze appese e l’albero di Natale a testa in giù. «Per regalo ho chiesto di poter essere vicino alle persone a cui voglio bene – ha proseguitpo l’astronauta – e ho scoperto che se vuoi bene a una persona le sei sempre vicino».

Quindi le domande sulla vita a bordo della stazione. «La nostra attività principale e fare scienza, abbiamo diversi laboratori, oggi ad esempio ho finito di installare una struttura per riciclare l’acqua a bordo – ha spiegato Parmitano -. Quando non lavoriamo, invece, scattiamo molte foto alla Terra, che è sempre meravigliosa, facciamo videochiamate, come questa, ai nostri famigliare e amici. Facciamo anche attività fisica. Comandare una Stazione spaziale è una grande responsabilità. C’è tanto da fare. Fortunatamente ho dei compagni eccezionali».

LEGGI: MORTALITÀ NEONATALE, 40% PIÙ ALTA NEL SUD. A RISCHIO ANCHE MINORI FIGLI DI STRANIERI

Prima di chiudere il collegamento, è stato Parmitano a chiedere ai bambini se qualcuno di loro volesse fare l’astronauta. A Letizia che ha alzato la mano, precisando però di star valutando anche altre opzioni, il comandante della missione ha risposto in questo modo: «La mia collega Samantha Cristoforetti è ingegnere, pilota e astronauta, quindi anche tu puoi fare tante cose e poi diventare astronauta».

Dopo aver ricevuto il ringraziamento della Presidente dell’Ospedale, Mariella Enoc, i bambini hanno mostrato a Parmitano un disegno realizzato per lui, con la richiesta di venire al Bambino Gesù una volta tornato sulla Terra. «Quando rientro e passo per Roma verrò a trovarvi» ha detto Parmitano. «Ho voluto fare questo collegamento perché vedere questi bambini e la loro resilienza è per me una vera fonte di ispirazione, mi aiuta a lavorare meglio». Quello di oggi è il secondo collegamento tra Parmitano e i pazienti del Bambino Gesù. La prima volta, il 10 luglio del 2013, fu un collegamento solo audio a cui fece seguire una visita di persona qualche mese più tardi (dicembre 2013).

Articoli correlati
Trapianti, Spada (Bambino Gesù): «Nel 2020 flessione del 10%. Ora vaccinare chi è in lista d’attesa»
Il professor Spada, responsabile della Chirurgia epato-bilio-pancreatica al Bambino Gesù, parla dell'attività di trapianti in Italia durante la pandemia e dell'importanza che ha avuto l'organizzazione per non ritardare le operazioni salvavita
Trapianti, da Biotest Italia 100mila euro per sostenere donazione di organi e tessuti ai tempi del Covid
I fondi serviranno a supportare i pazienti attraverso progetti delle associazioni della Rete trapianti. L’azienda ha poi donato il LegoWall “Be a donor. Be a hero” dell’artista Ale Giorgini, che rappresenta simbolicamente il valore della donazione, all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
Bambino Gesù, dopo 21 giorni il 99% degli operatori sanitari vaccinati ha gli anticorpi
Positivo il bilancio del nosocomio romano. Dopo la seconda dose il 100% dei vaccinati aveva anticorpi mille volte superiori alla soglia di negatività
Bambino Gesù: primo caso di fegato diviso con macchina di perfusione epatica
Si è verificato un doppio trapianto da un unico donatore straniero. Il fegato è stato diviso con un macchinario e le tecnica di split liver
Bambin Gesù, trapianto di midollo riuscito per il bimbo positivo al Covid-19
Il bambino di 6 anni, affetto da leucemia linfoblastica acuta, era stato sottoposto al trattamento con plasma ottenuto da un soggetto guarito dall’infezione virale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM