Mondo assicurativo 3 Novembre 2015

Il bollettino del Ministero

Una corretta igiene delle mani aiuta a combattere le infezioni

di Ministero della Salute
Probabilmente molte persone non sanno che le mani sono un vero e proprio ricettacolo di germi: circa il 20% di essi è rappresentato da microrganismi innocui, vale a dire che risiedono normalmente sulla cute senza creare danni, altri invece possiedono caratteristiche patogene. A questi possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto toccando le più diverse superfici o oggetti, come ad esempio banconote, giocattoli, sostegni dei mezzi pubblici, tastiere dei computer, maniglie delle porte, pulsanti degli ascensori, tanto per citarne alcuni. Con le mani possiamo poi trasferire i germi sul nostro corpo: pensiamo ad esempio a quante volte durante la giornata ci tocchiamo il naso, la bocca o gli occhi, per capire con quanta facilità ciò possa avvenire. Inoltre, attraverso mani non pulite diffondiamo a nostra volta i germi sugli oggetti che tocchiamo aumentando la possibilità di trasmissione di infezioni. Vediamo allora come effettuare correttamente il lavaggio delle mani in modo che divenga uno strumento di prevenzione e un alleato per la salute.
Impariamo a lavarci correttamente le mani:
• Utilizziamo sempre il sapone, preferendo quello liquido alla saponetta perché questa  può trattenere i germi sulla sua superficie. Usiamo acqua corrente preferibilmente calda.
• Insaponiamo entrambi i palmi delle mani e strofiniamo per almeno 40-60 secondi il dorso, gli spazi tra le dita e sotto le unghie  perché qui i germi si annidano più facilmente. Risciacquiamo abbondantemente con acqua corrente eliminando le parti insaponate che diventano appiccicose e trattengono batteri o virus con maggiore facilità.
• Se non abbiamo del sapone e/o dell’acqua, possiamo ricorrere alle soluzioni igienizzanti per le mani a base alcolica ricordandoci di usarle con le mani asciutte, altrimenti non sono efficaci.
• Asciughiamo le mani con carta usa e getta o con un dispositivo ad aria calda o con un asciugamano strettamente personale.
• Non toccchiamo rubinetti o maniglie con le mani appena lavate
• Per prevenire eventuali irritazioni dovuti a detergenti troppo aggressivi applichiamo una crema o una lozione idratante.
Laviamoci sempre le mani prima di:
• Toccare o medicare ferite o superfici corporee con la cute non integra
• Toccare alimenti, cibi e/o bevande
• Somministrare farmaci
• Applicare o rimuovere le lenti a contatto
Laviamoci sempre le mani dopo aver:
• Avuto contatto con persone malate
• Utilizzato il bagno
• Soffiato il naso, tossito o starnutito
• Toccato cibo crudo, in particolare carne, pesce, pollame e uova
• Toccato la spazzatura
• Cambiato un pannolino
• Toccato animali
• Usato un telefono pubblico, maneggiato soldi ecc.
• Usato un mezzo di trasporto (bus, metro, taxi, treno, ecc.)
• Soggiornato in luoghi molto affollati, come palestre, sale da aspetto di ferrovie, aeroporti, stadio, cinema ecc.
Articoli correlati
Salute, Pierpaolo Sileri (M5S) è il nuovo Vice Ministro: ecco le sue idee per la sanità
Insieme a Sileri arriva a Lungotevere Ripa come sottosegretario, in quota Pd, Sandra Zampa. Il Chirurgo romano ha guidato per 15 mesi la Commissione Sanità di Palazzo Madama. Dall'endometriosi ai contenziosi medico-paziente, idee e proposte per rilanciare la sanità
Governo, Sandra Zampa è il nuovo sottosegretario alla Salute
L'ex deputata del Partito Democratico, vicinissima a Romano Prodi, in passato si è occupata di sanità in relazione al suo impegno verso le fasce più deboli. Affiancherà il nuovo viceministro, Pierpaolo Sileri
Ospedale Fatebenefratelli di Erba: «Morire di dolcezza… Ecco la pericolosità delle bevande zuccherate»
Il consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici, può essere collegato a maggior rischio di morte per tutte le cause. Lo conferma la dietista dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como), Tiziana Casati, commentando lo studio condotto dallo IARC e pubblicato da JAMA Internal Medicine. Secondo lo studio, rispetto a un basso consumo […]
Malattie Mitocondriali, sabato 14 settembre parte la settimana di sensibilizzazione
Le malattie mitocondriali sono le patologie genetiche rare più diffuse al mondo. Si stima che in Europa colpiscano 1 persona su 5000, con importanti ripercussioni, data la gravità e complessità di queste patologie, su tutto il nucleo familiare. Le malattie mitocondriali sono un insieme di malattie ereditarie molto eterogenee tra di loro per le quali […]
Sifo al Governo: «Sanità e Salute siano sempre al centro delle riflessioni, delle scelte, delle programmazioni e degli investimenti»
«Buon lavoro al Ministro Speranza ed all’intero Governo Conte». E’ questo l’augurio che la Sifo (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie) rivolge a Roberto Speranza ed a tutti i componenti del Governo presentato dal Presidente del Consiglio incaricato. «Il compito del neo-ministro – che raccoglie il “testimone” da Giulia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali