Salute 3 novembre 2015

Il bollettino del Ministero

Una corretta igiene delle mani aiuta a combattere le infezioni

di Ministero della Salute
Probabilmente molte persone non sanno che le mani sono un vero e proprio ricettacolo di germi: circa il 20% di essi è rappresentato da microrganismi innocui, vale a dire che risiedono normalmente sulla cute senza creare danni, altri invece possiedono caratteristiche patogene. A questi possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto toccando le più diverse superfici o oggetti, come ad esempio banconote, giocattoli, sostegni dei mezzi pubblici, tastiere dei computer, maniglie delle porte, pulsanti degli ascensori, tanto per citarne alcuni. Con le mani possiamo poi trasferire i germi sul nostro corpo: pensiamo ad esempio a quante volte durante la giornata ci tocchiamo il naso, la bocca o gli occhi, per capire con quanta facilità ciò possa avvenire. Inoltre, attraverso mani non pulite diffondiamo a nostra volta i germi sugli oggetti che tocchiamo aumentando la possibilità di trasmissione di infezioni. Vediamo allora come effettuare correttamente il lavaggio delle mani in modo che divenga uno strumento di prevenzione e un alleato per la salute.
Impariamo a lavarci correttamente le mani:
• Utilizziamo sempre il sapone, preferendo quello liquido alla saponetta perché questa  può trattenere i germi sulla sua superficie. Usiamo acqua corrente preferibilmente calda.
• Insaponiamo entrambi i palmi delle mani e strofiniamo per almeno 40-60 secondi il dorso, gli spazi tra le dita e sotto le unghie  perché qui i germi si annidano più facilmente. Risciacquiamo abbondantemente con acqua corrente eliminando le parti insaponate che diventano appiccicose e trattengono batteri o virus con maggiore facilità.
• Se non abbiamo del sapone e/o dell’acqua, possiamo ricorrere alle soluzioni igienizzanti per le mani a base alcolica ricordandoci di usarle con le mani asciutte, altrimenti non sono efficaci.
• Asciughiamo le mani con carta usa e getta o con un dispositivo ad aria calda o con un asciugamano strettamente personale.
• Non toccchiamo rubinetti o maniglie con le mani appena lavate
• Per prevenire eventuali irritazioni dovuti a detergenti troppo aggressivi applichiamo una crema o una lozione idratante.
Laviamoci sempre le mani prima di:
• Toccare o medicare ferite o superfici corporee con la cute non integra
• Toccare alimenti, cibi e/o bevande
• Somministrare farmaci
• Applicare o rimuovere le lenti a contatto
Laviamoci sempre le mani dopo aver:
• Avuto contatto con persone malate
• Utilizzato il bagno
• Soffiato il naso, tossito o starnutito
• Toccato cibo crudo, in particolare carne, pesce, pollame e uova
• Toccato la spazzatura
• Cambiato un pannolino
• Toccato animali
• Usato un telefono pubblico, maneggiato soldi ecc.
• Usato un mezzo di trasporto (bus, metro, taxi, treno, ecc.)
• Soggiornato in luoghi molto affollati, come palestre, sale da aspetto di ferrovie, aeroporti, stadio, cinema ecc.
Articoli correlati
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...