Salute 3 Settembre 2018 17:25

Il 13 settembre a Bari la giornata nazionale contro le violenze agli operatori sanitari. FNOMCeO: «Forma di violenza due volte cieca»

Sarà dedicata a Paola Labriola, la psichiatra barese uccisa da un suo paziente nel 2013. Il Presidente della Federazione dell’Ordine dei Medici Anelli annuncia una campagna di sensibilizzazione

Una giornata nazionale contro la violenza sugli operatori sanitari al quale è stato invitato anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. L’ha indetta la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e si svolgerà a Bari il prossimo 13 settembre. Sarà dedicata alla memoria di Paola Labriola, la psichiatra barese uccisa da un suo paziente nel settembre 2013. L’obiettivo è sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni ad un problema che ha visto una impennata di casi, oltre 1200 l’anno secondo i dati FNOMCeO, una vera e propria emergenza nazionale.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, I DATI DELL’OMCEO ROMA: PUGLIA REGIONE PIU’ COLPITA, 30 MLN IL COSTO PER IL SSN. MAGI CONVOCA ASL E OSPEDALI DEL LAZIO

«L’escalation di violenza contro i medici e gli altri operatori sanitari è una vera emergenza di sanità pubblica – spiega Filippo Anelli, nella doppia veste di Presidente della Fnomceo e dell’Omceo di Bari – Per questo abbiamo voluto che la giornata che purtroppo ormai da cinque anni dedichiamo al ricordo di Paola Labriola diventasse una giornata simbolo, intitolata alle tante vittime di questa forma di violenza due volte cieca. La prima, perché la furia è sempre irrazionale e ingiustificata; la seconda, perché, come ricordiamo nella campagna in atto a Bari, e che in quell’occasione presenteremo ufficialmente alla stampa, alle Autorità locali e al Ministro della Salute, Giulia Grillo, colpisce un professionista che è lì per te, per difendere la tua salute, per salvarti la vita, a costo, come è accaduto alla nostra Paola, di sacrificare la sua».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, CDM APPROVA DISEGNO DI LEGGE: PREVISTA AGGRAVANTE E OSSERVATORIO ANTI-VIOLENZA. GRILLO: «SEGNALE FORTE»

LA CAMPAGNA ANTI-VIOLENZE DELLA FNOMCEO

Il 13 settembre sarà anche l’occasione per presentare la campagna di contrasto alla violenza sugli operatori sanitari dal titolo “Prima di aggredire, pensa” promossa dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) e dall’Ordine di Bari. Sono in affissione da questa settimana i cartelloni voluti dall’Ordine dei medici di Bari per abbassare il livello di conflittualità che si registra soprattutto all’interno delle strutture di urgenza e di continuità assistenziale. La campagna intende presentare ai cittadini la ‘doppia faccia’ del servizio sanitario, senza eludere le inefficienze del sistema – che causano insoddisfazione – ma evidenziando accanto ad essi l’importanza e i risultati del lavoro dei medici che operano nei pronto soccorso, per il 118 o come guardie mediche. Per questo i cartelloni sono divisi in due metà, così come il viso dei soggetti protagonisti, arrabbiati nella prima parte, sorridenti nella seconda. La campagna, sottolinea Filippo Anelli, «fa parte di una più ampia azione culturale di ‘riconciliazione’ con i cittadini che insieme ai medici sono le vittime delle inefficienze del sistema sanitario. Per contrastare la violenza non basta rendere più sicuri i luoghi di lavoro, ma bisogna recuperare quel rapporto di fiducia medico-paziente che si è incrinato negli anni».

Articoli correlati
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...