Salute 11 Dicembre 2019

Ictus, Osservatorio: «Servono più unità neurovascolari, grandi differenze tra nord e sud». Presentata call to action in 10 punti

Ogni anno colpite 120mila persone, ma sono solo 190 le Unità presenti invece delle 300 necessarie. Antonio Carolei, Past President Italian Stroke Organisation: «Esiste ancora una problematica di diffusione di quella che è la patologia vascolare cerebrale a livello degli utenti. Occorre colmare i ritardi»

Una call to action in dieci punti per chiedere alle istituzioni di agire sulla cura e la prevenzione dell’Ictus. La richiesta arriva dall’Osservatorio Ictus Italia che ha presentato alla Camera dei deputati l’iniziativa. Tra le richieste, quella di implementare le Unità Neurovascolari di I e II livello e una ricognizione delle risorse umane da destinare a queste unità.

La malattia è la terza causa di morte in Italia, la prima per invalidità e la seconda per la causa di stati di demenza con perdita di autosufficienza. Nel nostro Paese, si manifesta in circa 120mila nuovi casi ogni anno, un terzo dei quali genera decessi entro un anno mentre, in un terzo dei casi, produce forme invalidanti di diversa gravità. L’incidenza aumenta con l’età e i casi, su base annua, sono in progressivo aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione.

«Abbiamo fatto questa call perché ci siamo accorti che esiste ancora una problematica di diffusione di quella che è la patologia vascolare cerebrale a livello degli utenti – sottolinea a Sanità Informazione Antonio Carolei, Past President Italian Stroke Organisation -. Logico che tanto più si è informati tanto più si conoscono quelli che sono i sintomi precoci di questa patologia, tanto più facile è intervenire e prenderne coscienza in maniera immediata. L’immediatezza nel riconoscimento dei sintomi porta con sè un ricovero più precoce, il ricovero più precoce porta con se l’intervento terapeutico e diagnostico più precoce e quindi una migliore possibilità di superare l’ictus e di ridurre al massimo gli esiti che la mattia può comportare».

LEGGI ANCHE: FIBRILLAZIONE ATRIALE, 96% DEI PAZIENTI A RISCHIO ICTUS. L’ELETTROFISIOLOGO BOTTO: «TELEMEDICINA E NUOVI ANTICOAGULANTI PER AFFRONTARLA»

Purtroppo però sono molteplici le diversità sul territorio nella risposta che i servizi offrono per la cura e la prevenzione della malattia: rispetto alle 300 Unità Neurovascolari che sarebbero necessarie per assicurare copertura assistenziale ottimale su tutto il territorio ne sono attualmente disponibili 190, l’80% delle quali è al nord con gravi. Ciò provoca gravi conseguenze: in alcune regioni del sud, come la Sicilia, si registrano tassi di mortalità per le malattie cerebrovascolari più che doppi rispetto alle regioni del nord. Per questo motivo l’Osservatorio Ictus Italia chiede che le istituzioni intervengano la più presto.

«Alla politica chiediamo di riorganizzare tutto quello che è stato finora – aggiunge Carolei – ma soprattutto di colmare i ritardi che ci sono stati perché rispetto a quelle che sono le conoscenze che noi acquisiamo dal punto di vista scientifico pratico è difficile trovare una tempistica adeguata per la traduzione di questi punti di forza sulle realtà nazionali».

A presentare l’iniziativa anche il Vice Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Rossana Boldi (Lega): «Occorre agire sulla prevenzione ma potenziare anche l’assistenza post ictus: chi non muore rimane con strascichi motori e cerebrali che danno gravissimi problemi e che rappresentano un forte problema sociosanitario e di spesa».

Articoli correlati
Ipercolesterolemia, ulteriori dati dimostrano i benefici dell’acido bempedoico. I risultati presentati da Daiichi Sankyo
Due analisi combinate di quattro studi di fase III, che hanno arruolato oltre 3.600 pazienti, hanno mostrato che l'acido bempedoico riduce significativamente la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCRP) e il colesterolo LDL, e i dati dello studio di fase II mostrano una riduzione del 40% di C-LDL nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono ad alto rischio di eventi cardiovascolari. I risultati delle analisi sono stati presentati in streaming durante il Congresso annuale dell’American College of Cardiology che si è svolto congiuntamente al Congresso Internazionale di Cardiologia
Ictus cerebrale, la storia del giornalista Rai Andrea Vianello. «Non riuscivo più a parlare»
«Il 2 febbraio dello scorso anno ho avuto un ictus, ho subito un’operazione d’urgenza, e quando mi sono risvegliato non riuscivo più a parlare. Proprio io, che sapevo solo parlare: non potevo dire nemmeno i nomi dei miei figli». Ha affidato a Twitter il racconto dell’evento drammatico che lo ha colpito il giornalista Rai Andrea […]
Giornata mondiale Ictus, l’Osservatorio: «In Italia 120mila casi all’anno. Diminuiscono le morti ma aumentano le disabilità»
La Presidente Nicoletta Reale: «Rendere effettive le azioni della risoluzione sulla prevenzione e la diagnosi approvata nel 2017 dalla Commissione Affari Sociali della Camera
Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»
Pur non essendo un'aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n'è parlato al convegno "Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
CAR-T, Franco Locatelli (Bambin Gesù): «Prossima sfida estendere questa terapia alle neoplasie solide»
A Roma convegno per fare il punto sulla rivoluzionaria tecnica che consente di guarire linfomi e leucemie. Il senatore De Poli: «Serve sinergia creando dei protocolli d’intesa tra tutte le regioni. Oggi solo alcune regioni hanno questa sperimentazione, quindi il più presto possibile l’Aifa deve dare il suo parere positivo per poter mettere in rete tutte le regioni italiane»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...