Salute 1 Ottobre 2019 17:50

Fibrillazione atriale, 96% dei pazienti a rischio ictus. L’elettrofisiologo Botto: «Telemedicina e nuovi anticoagulanti per affrontarla»

I costi di gestione di questa patologia ammontano a circa 5mila euro per paziente all’anno. Il Direttore di Elettrofisiologia e Aritmologia Clinica Ospedale Rho-Garbagnate spiega: «Innovazione tecnologica consente di gestire il paziente a casa sua. Questo facilita anche i caregiver che sono sollevati da tutta una serie di compiti»

Non tutti sanno che la fibrillazione atriale è una delle patologie più diffuse tra gli anziani. Un dato importante, che può avere ripercussioni serie se pensiamo che il 96% dei pazienti affetti da FA (questa la sua abbreviazione) è a rischio ictus, terza causa di morte e prima di invalidità, senza contare i costi di gestione che ammontano a circa 5mila euro per paziente all’anno. Intervenire tempestivamente su questa patologia è dunque essenziale, come spiega a Sanità Informazione Giovanni Luca Botto, Direttore di Elettrofisiologia e Aritmologia Clinica Ospedale Rho-Garbagnate tra i protagonisti dell’evento “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” promosso da Onda e Daiichi Sankyo: «La fibrillazione atriale è una delle patologie che più frequentemente incontriamo nella pratica clinica dell’anziano con tutti i problemi connessi con la gestione di questo tipo di paziente. La difficoltà a seguire la terapia idonea, la difficoltà a fare le visite. Adesso abbiamo a disposizione sistemi di telemedicina che consentono di gestire il paziente a casa sua. Questo facilita il paziente ma anche i caregiver che ovviamente sono sollevati da tutta una serie di compiti».

Per Botto peró la vera novità di questi ultimi anni sono i DOACS, gli anticoagulanti orali di ultima generazione, più sicuri per questa tipologia di pazienti. Non bisogna infatti dimenticare che il paziente con fibrillazione atriale o ictus è ad alto rischio di recidiva ischemica ma nello stesso tempo ad alto rischio emorragia più frequente nel paziente anziano.

LEGGI ANCHE: TERAPIE PIU’ SICURE, NUOVE TECNOLOGIE E SUPPORTO AI CAREGIVER PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA DEGLI ANZIANI

«La vera innovazione – sottolinea Botto – è la terapia farmacologica, il salto in avanti che gli anticoagulanti diretti hanno prodotto rispetto al Warfarin dimostrano come si possa curare questi pazienti di più: la forbice di aventi indicazione e effettivamente trattati è aumentata del 50%, si può curare i pazienti in maniera più efficace. Può sembrare un ossimoro ma l’efficacia della terapia nel paziente anziano è il doppio rispetto al paziente non anziano ed è sicura. In epoca Warfarin il rischio ha sempre atterrito i medici, perché ovviamente l’anticoagulante può essere foriero di emorragie anche gravi».

 

Articoli correlati
Cancro e impatto sulla famiglia: come gestire e comunicare la diagnosi ai figli
«Il cancro si impone come “membro aggiunto” della famiglia: è importante che tutti si impegnino a tenere aperto il canale della comunicazione - spiega Flavia Vicinanza, psiconcologa a Sanità Informazione - non lasciare i nostri figli da soli e accompagnarli in questo cammino difficile ma percorribile»
Carcinoma mammario HER2-positivo, il CHMP raccomanda l’approvazione in un UE dell’anticorpo monoclonale Daiichi-Astrazeneca
Il CHMP esprime parere positivo per l’approvazione di trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato di Daiichi Sankyo e AstraZeneca. La raccomandazione si basa sui risultati positivi di DESTINY-Breast01, il trial che ha dimostrato risposte durature in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo precedentemente trattato
Denatalità record in Italia, Istat: «Causa Covid-19 ulteriore crollo nascite di oltre 10 mila unità»
Il 2019 conferma il trend negativo degli ultimi anni: la popolazione italiana continua a invecchiare e fa sempre meno figli. Aumenta l’età delle donne al parto, mentre il numero di figli medio per donna si attesta a 1,29. Alcuni degli aspetti emersi nel corso della presentazione del Libro bianco realizzato da Fondazione Onda
Comunicazione medico-paziente, un italiano su tre cerca informazioni sul web. Ecco perché
L’esperta: «Mancano i corsi di formazione su counselling e comunicazione e durante la visita c’è poco tempo per parlare. Quando il malato nega la diagnosi, è portato a cercare affannosamente altrove conferme»
Daiichi Sankyo crea la nuova Business Unit Oncology per unificare i principali mercati di USA ed Europa
Daiichi Sankyo ha creato una nuova Business Unit di oncologia che servirà ad allineare, in un unico team dedicato ai pazienti oncologici, tutte le attività statunitensi ed europee del settore, le funzioni oncologiche di marketing a livello globale, l’accesso al mercato e i prezzi, nonché i dipartimenti medici e la gestione delle alleanze strategiche. Ken […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...