Salute 3 Novembre 2015 15:59

«I medici devono essere convinti dei vaccini, ma niente sanzioni»

Intervista al senatore Maurizio Romani, vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità«Sì alla corretta informazione e comunicazione, ma sanzionare sarebbe un ricatto»
 

«I medici devono essere convinti dei vaccini, ma niente sanzioni»

Dogmi e assolutismo fanno danni almeno quanto la disinformazione». Parola del senatore Maurizio Romani (Gruppo Misto – Italia dei Valori), vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità, all’indomani del question time del ministro Lorenzin sul preoccupante calo delle vaccinazioni.


Sul tema è allarme rosso, soprattutto all’avvicinarsi della stagione influenzale, ma lo spauracchio delle sanzioni ai medici che ne sconsigliano l’uso rischia di rivelarsi un vero e proprio boomerang. Ce lo conferma, ai microfoni di Sanità informazione, il senatore Romani.

Un tema sulla bocca di tutti, e una disinformazione che può costare cara…
«Sicuramente, ma le sanzioni non sono una soluzione al problema. Il compito di una corretta informazione spetta al medico, ma il medico, se propone un vaccino, deve farlo per convinzione e non perché in caso contrario rischia una multa. Si tratterebbe di un messaggio perverso, nonché un vero e proprio ricatto. Quello che va spiegato è: perché fare i vaccini, perché farne sei insieme, perché iniziare a farli a 3 mesi e non più tardi, e che cosa vuol dire fare un richiamo a 5 mesi con 9 vaccini contemporaneamente. Va contrastata la convinzione che i figli degli extracomunitari contagino i bambini italiani nelle scuole: se un bambino è vaccinato non può essere contagiato. Se invece non lo è, sarebbe lui stesso veicolo di contagio, dando vita ad un circolo vizioso. E’ fondamentale attuare una giusta comunicazione, ed eliminare i dogmi sia di chi vuole vaccinare tutti indiscriminatamente, sia di chi sostiene correlazioni tra vaccini ed autismo».

Lei è anche medico e come tale è cosciente dell’importanza, per la classe medica, di essere formata ed informata nel migliore dei modi per gestire queste tematiche…
«Il medico agisce sempre per il bene del paziente. Un medico che dice “io aspetterei la fine dell’allattamento prima di vaccinare” non è un medico che ha perso di vista la sua missione, ma è un medico che compie una valutazione. Ci sono infatti vaccini obbligatori e vaccini facoltativi, e inoltre i protocolli vaccinali differiscono di regione in regione».

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Ma le campagne vaccinali funzionano sui social?
Con l’espressione shitstorm (letteralmente “tempesta di cacca”) si intende quel fenomeno con il quale un numero piuttosto consistente di persone manifesta il proprio dissenso nei confronti di un’altra persona (o di un gruppo), di una organizzazione o di una azienda. Questa tempesta di insulti e/o commenti denigratori si realizza in rete, generalmente sui social media, sui blog o su altre piattaforme che consentono l’interazione
di Nicola Draoli, Consigliere Comitato Centrale FNOPI
Una “gara” di disinformazione su salute e ambiente: l’Intelligenza Artificiale batte gli umani
Un modello di Intelligenza artificiale (IA), chiamato GPT-3, diffonde disinformazione in modo più credibile degli esseri umani. A dimostrarlo è uno studio di Giovani Spitale dell’Università di Zurigo, pubblicato sulla rivista Science Advances
di Cesare Buquicchio
Settimana Immunizzazione: corsie preferenziali per i pazienti oncologici nel post Covid
Dall’incontro al ministero della salute emerge la necessità di imprimere un’accelerazione alla vaccinazione come strumento di salute pubblica per i pazienti fragili, in primis oncologici. Non solo quarta dose per il Covid ma anche tutte le altre somministrazioni
Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni
Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...