Salute 18 luglio 2018

HPV, calano le coperture. De Vincenzo (Gemelli): «Estendere gratuità e più promozione nelle scuole»

Profilassi contro il Papillomavirus sotto il 50% per i giovani. L’allarme del Ministero della Salute seguito alla relazione sulle coperture vaccinali 2017. «Vaccino preventivo per tumore cervice ma anche per altre malattie oncologiche» così Rosa De Vincenzo, ginecologa Policlinico Gemelli

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

La vaccinazione anti-Hpv mostra un decremento nell’ultimo anno. Lo rileva il Ministero della Salute, nella relazione sui dati nazionali al 2017 sulle coperture vaccinali per Papillomavirus umano dove risulta che la profilassi scende sotto il 50% tra i più giovani. «Sarebbero necessari interventi in specifici contesti geografici tenendo presente che la vaccinazione anti-Hpv, pur non rientrando tra quelle obbligatorie secondo la legge Lorenzin, è un Lea (Livello essenziale di assistenza)» fa sapere il Ministero della Salute che fa notare quanto i dati italiani «siano discreti a confronto con le altre nazioni europee, ma ben al di sotto della soglia ottimale prevista dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (95%)». Sull’importanza della profilassi per il Papilloma virus Sanità Informazione ha intervistato la Dottoressa Rosa De Vincenzo, ginecologa presso il Policlinico Gemelli di Roma specializzata in lesioni HPV.

LEGGI ANCHE: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUL PAPILLOMA VIRUS

Perché è consigliabile effettuare il vaccino contro il Papillomavirus?

«Si tratta di una vaccinazione assolutamente da consigliare perché esistono patologie correlate all’HPV che con l’adeguata profilassi possono essere prevenute. Prima di tutto il vaccino previene il tumore del collo dell’utero ed ogni eventuale lesione pre-tumorale e tumorale di tutto il tratto genitale. Questo è un impatto importante di prevenzione anche per altre malattie oncologiche».

Per quale fascia di età è consigliata la vaccinazione?

«La vaccinazione deve essere consigliata soprattutto per il target primario, si tratta delle bambine al 12° anno di età. M a è importante sottolineare che il vaccino è diventato universale non più mono-genere ma rivolto anche agli adolescenti maschi».

Qual è finora l’impatto del vaccino sul target maschile?

«Per quanto riguarda la popolazione maschile siamo ancor all’inizio. La vaccinazione contro l’HPV è stata inserita nel Piano di Prevenzione Nazionale Vaccini 2017-2019 soltanto a fine 2017, dunque siamo all’inizio del monitoraggio. Tuttavia posso dire che i migliori risultati in termini di coperture – in tutti i programmi di vaccinazione non solo per l’HPV – si ottengono quando viene fatta una corretta informazione a livello scolastico, quindi ritengo sia assolutamente consigliabile fare una promozione efficace nelle classi».

Il vaccino è gratuito?

«Per adesso il vaccino è gratuito per le ragazze entro il 12° anno di età, altre Regioni hanno ampliato il raggio offrendo la copertura anche ad altre fasce di età. Per i maschi il vaccino è gratuito fino ai 14 anni di vita anche se estendibile fino a 26 anni di età. In futuro vedremo se verrà discussa la questione gratuità per incentivare la profilassi».

Ci sono controindicazioni?

«Le controindicazioni sono pochissime. Ovviamente il vaccino è sconsigliato agli stessi soggetti che non hanno potuto fare le vaccinazioni pediatriche infantili, quindi mi riferisco a casi eccezionali, situazioni in cui alla profilassi è seguito shock anafilattico o altro genere di reazioni. Da sconsigliare il vaccino per chi sta seguendo terapie impegnative come la chemio o la radioterapia. In altri casi, meno gravi, può insorgere della febbre – come succede in alcuni casi con le vaccinazioni infantili – ma le controindicazioni, ci tengo a sottolineare, sono veramente poche».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»
«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
“Vaccinarsi in gravidanza è un atto d’amore”. Al via campagna Fnopo-Fimmg per promuovere i vaccini
La presidente Fnopo Maria Vicario: «Oggi più che mai noi ostetriche e i medici di famiglia riteniamo fondamentale fornire informazioni scientificamente provate per rassicurare le donne sulla validità e soprattutto sulla sicurezza delle vaccinazioni»
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano