Salute 18 Luglio 2018

HPV, calano le coperture. De Vincenzo (Gemelli): «Estendere gratuità e più promozione nelle scuole»

Profilassi contro il Papillomavirus sotto il 50% per i giovani. L’allarme del Ministero della Salute seguito alla relazione sulle coperture vaccinali 2017. «Vaccino preventivo per tumore cervice ma anche per altre malattie oncologiche» così Rosa De Vincenzo, ginecologa Policlinico Gemelli

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

La vaccinazione anti-Hpv mostra un decremento nell’ultimo anno. Lo rileva il Ministero della Salute, nella relazione sui dati nazionali al 2017 sulle coperture vaccinali per Papillomavirus umano dove risulta che la profilassi scende sotto il 50% tra i più giovani. «Sarebbero necessari interventi in specifici contesti geografici tenendo presente che la vaccinazione anti-Hpv, pur non rientrando tra quelle obbligatorie secondo la legge Lorenzin, è un Lea (Livello essenziale di assistenza)» fa sapere il Ministero della Salute che fa notare quanto i dati italiani «siano discreti a confronto con le altre nazioni europee, ma ben al di sotto della soglia ottimale prevista dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (95%)». Sull’importanza della profilassi per il Papilloma virus Sanità Informazione ha intervistato la Dottoressa Rosa De Vincenzo, ginecologa presso il Policlinico Gemelli di Roma specializzata in lesioni HPV.

LEGGI ANCHE: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUL PAPILLOMA VIRUS

Perché è consigliabile effettuare il vaccino contro il Papillomavirus?

«Si tratta di una vaccinazione assolutamente da consigliare perché esistono patologie correlate all’HPV che con l’adeguata profilassi possono essere prevenute. Prima di tutto il vaccino previene il tumore del collo dell’utero ed ogni eventuale lesione pre-tumorale e tumorale di tutto il tratto genitale. Questo è un impatto importante di prevenzione anche per altre malattie oncologiche».

Per quale fascia di età è consigliata la vaccinazione?

«La vaccinazione deve essere consigliata soprattutto per il target primario, si tratta delle bambine al 12° anno di età. M a è importante sottolineare che il vaccino è diventato universale non più mono-genere ma rivolto anche agli adolescenti maschi».

Qual è finora l’impatto del vaccino sul target maschile?

«Per quanto riguarda la popolazione maschile siamo ancor all’inizio. La vaccinazione contro l’HPV è stata inserita nel Piano di Prevenzione Nazionale Vaccini 2017-2019 soltanto a fine 2017, dunque siamo all’inizio del monitoraggio. Tuttavia posso dire che i migliori risultati in termini di coperture – in tutti i programmi di vaccinazione non solo per l’HPV – si ottengono quando viene fatta una corretta informazione a livello scolastico, quindi ritengo sia assolutamente consigliabile fare una promozione efficace nelle classi».

Il vaccino è gratuito?

«Per adesso il vaccino è gratuito per le ragazze entro il 12° anno di età, altre Regioni hanno ampliato il raggio offrendo la copertura anche ad altre fasce di età. Per i maschi il vaccino è gratuito fino ai 14 anni di vita anche se estendibile fino a 26 anni di età. In futuro vedremo se verrà discussa la questione gratuità per incentivare la profilassi».

Ci sono controindicazioni?

«Le controindicazioni sono pochissime. Ovviamente il vaccino è sconsigliato agli stessi soggetti che non hanno potuto fare le vaccinazioni pediatriche infantili, quindi mi riferisco a casi eccezionali, situazioni in cui alla profilassi è seguito shock anafilattico o altro genere di reazioni. Da sconsigliare il vaccino per chi sta seguendo terapie impegnative come la chemio o la radioterapia. In altri casi, meno gravi, può insorgere della febbre – come succede in alcuni casi con le vaccinazioni infantili – ma le controindicazioni, ci tengo a sottolineare, sono veramente poche».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, scatta obbligo certificazione: due bambini allontanati nel Lazio da scuola. Grillo: «Numeri della copertura vaccinale sono alti, il dibattito ha funzionato»
I presidi: «Rischiamo denunce per abuso di atti d’ufficio ma applichiamo soltanto la legge». Nel Movimento Cinque Stelle fronda chiede che i ragazzi siano fatti entrare a scuola
di Isabella Faggiano
Vaccini, scatta l’ora x: niente scuola per bambini 0-6 anni senza certificazione. Grillo: «Tutti hanno avuto il tempo per mettersi in pari»
Multe ai genitori, invece, per i bambini di elementari, medie e superiori fino a 16 anni. Intanto vaccinati in aumento secondo i dati del Ministero: in molti casi superata soglia del 95%
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Giappone, emergenza morbillo per colpa di religione no-vax
Dall’inizio dell’anno, in Giappone sono stati registrati oltre 170 nuovi casi di morbillo. È la crisi peggiore che il Paese è chiamato ad affrontare nell’ultimo decennio, che coinvolge 20 delle 47 prefetture nipponiche, e tra le cause c’è anche la religione. Quasi tutti i 49 casi registrati nella prefettura di Mia riguardano infatti membri del […]
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone