Salute 17 Luglio 2022 18:15

«Ho un disturbo cognitivo?»: il paziente chiede, DIGICOG-MS risponde

Podda (neuropsicologa): «DIGICOG-MS è un’app innovativa che permette di effettuare un’autovalutazione del proprio funzionamento cognitivo tramite smartphone e tablet in modo facile e veloce, per monitorare in maniera continuativa e precisa nel tempo gli effetti delle malattie neurodegenerative, in particolare della Sclerosi Multipla»

Fino a che punto la sclerosi multipla sta compromettendo le mie abilità cognitive? Se il paziente chiede, DIGICOG-MS risponde. «DIGICOG-MS è il nome di un’app innovativa che permette di effettuare un’autovalutazione del proprio funzionamento cognitivo tramite smartphone e tablet in modo facile e veloce, per monitorare in maniera continuativa e precisa nel tempo gli effetti della patologia sulle abilità cognitive e permettere quindi di pianificare strategie di gestione personalizzate», spiega Jessica Podda neuropsicologa, ricercatrice FISM presso il Centro di Riabilitazione AISM di Genova e ideatrice e coordinatrice del progetto DIGICOG-MS. Questo strumento digitale per il monitoraggio costante e continuo del declino cognitivo in tutti i pazienti affetti da malattie neurodegenerative, in particolare con Sclerosi Multipla (SM), è stato messo a punto dai ricercatori di AISM e la sua Fondazione in collaborazione con Ct Solution di Genova, grazie al supporto legale dello studio “FMS tax & Law firm avvocati e associati”.

Come funziona DIGICOG-MS

«La prima fase dell’app DIGICOG-MS contiene, al momento, uno dei 4 test previsti, nello specifico il test di memoria visuo-spaziale (disponibile al link https://digicog-ms.aism.it/) a cui si può accedere richiedendo un codice – aggiunge Podda -. Seguirà lo sviluppo di altri test che intendono valutare memoria verbale, velocità di elaborazione dell’informazione e linguaggio, le aree cognitive maggiormente colpite dalla SM. L’idea, inoltre, è quella di mettere a punto due modalità di autovalutazione diverse: una che possa essere eseguita dalla persona con SM in completa autonomia, l’altra guidata e supportata da remoto da un clinico, così da venire incontro anche alle esigenze di chi è poco pratico di nuove tecnologie».

DIGICOG-MS nasce durante il lockdown.

DIGICOG-MS è a tutti gli effetti uno strumento di telemedicina ideato, non a caso durante la pandemia da Covid-19, per agevolare i contatti tra i pazienti con SM e gli specialisti di riferimento. «Il Covid-19 ci ha obbligato ad un cambio di paradigma: il numero delle soluzioni tecnologiche per lo screening, il monitoraggio e la riabilitazione da remoto dei disturbi cognitivi come software computerizzati, app e videogiochi è cresciuto in maniera esponenziale, con risultati decisamente incoraggianti. Tuttavia, la complessa eterogeneità dei sintomi e delle caratteristiche cliniche di questa patologia ci ha spinto a progettare una soluzione personalizzata. Attraverso DIGICOG-MS è possibile comprendere come il singolo paziente percepisce la sua patologia, attraverso strumenti di reportistica di valore scientifico come i Patient Reported Outcomes», aggiunge la neuropsicologa.

Una malattia invisibile

I disturbi cognitivi, detti anche sintomi invisibili, sono spesso difficili da riconoscere e comprendere. Svogliata, disattenta, inaffidabile sono gli aggettivi più comuni attribuiti a una persona che presenta deficit cognitivi di attenzione e/o memoria. Ma dietro queste etichette si nascondono difficoltà reali che impattano negativamente sulla qualità di vita. Colpiscono dal 40 al 75% delle persone con SM. Possono emergere anche in assenza di evidenti disturbi motori e sono spesso correlati a disturbi dell’umore come ansia e depressione. Le funzioni maggiormente colpite sono velocità di elaborazione delle informazioni provenienti dall’ambiente circostante, attenzione e concentrazione, memoria e funzioni esecutive. Necessitano di una diagnosi precoce e, a seguire, di un intervento di potenziamento personalizzato e mirato per funzionare meglio nel proprio ambiente di vita.

La tecnologia che sostiene i caregiver

DIGICOG-MS potrà essere un ottimo alleato non solo di medici e pazienti, ma anche dei caregiver. «Clinico, persona con SM e caregiver giocano nella stessa squadra – continua la neuropsicologa -. Ad esempio, se si ritiene opportuno modificare ed adattare il contesto in cui vive il paziente inserendo aiuti esterni, quali calendari, lavagne o contenitori personalizzati per le medicine, il caregiver deve essere a conoscenza del quadro clinico della persona con SM e dei suoi bisogni riabilitativi. E tutto questo potrà essere predisposto proprio badandosi sui risultati raccolti attraverso l’applicazione. Uno strumento, che seppur ideato per il paziente con SM, potrà senza dubbio essere adattato a tutti coloro che presentano un decadimento cognitivo causato da altre patologie». Ma non è tutto: DIGICOG-MS potrebbe essere utilizzato anche come strumento di prevenzione, permettendo di monitorare in modo agevole ed efficace tutti coloro che sono potenzialmente “candidati” allo sviluppo di disturbi cognitivi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale