Salute 14 Maggio 2021 16:40

Hiringchain: basta un click per avviare la catena mondiale di assunzione di lavoratori con sindrome di Down

La casa di moda italiana Salvatore Ferragamo è la prima azienda che, attraverso hiringchain.org, ha deciso di assumere una persona con sindrome di Down, rispondendo all’appello della campagna globale. Dal 21 marzo, oltre 5 milioni di visualizzazioni e più di 900 contatti da aziende internazionali che hanno richiesto informazioni per avviare nuove assunzioni

di Isabella Faggiano

Simone è una giovane con sindrome di Down. Mentre, come di consueto, lavora dal fornaio, mostrando ai clienti le sue capacità, attira l’attenzione di un’avvocatessa. La donna rimane talmente colpita da Simone che decide di assumere, a sua volta, un ragazzo con sindrome di Down. Da qui si crea una reazione a catena, un circolo virtuoso di inclusione lavorativa: dal fornaio all’avvocato, al dentista, al contadino, fino al barbiere. Questa è la storia raccontata nel videoclip, sulle note di una canzone originale interpretata da Sting, lanciato in occasione della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down 2021 da CoorDown, il  Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down. Una storia che, ora, grazie al sito www.hiringchain.org potrebbe trasformarsi in realtà.

Che cos’è Hiringchain

«È una piattaforma che permette l’incontro tra i datori di lavoro e le associazioni di tutto il mondo – spiega Martina Fuga, vice presidente nazionale CoorDown e delegata alla comunicazione -, garantendo informazioni e il supporto necessario per sostenere gli inserimenti lavorativi delle persone con sindrome di Down».

Dal 21 marzo il video ha già superato i 5 milioni di visualizzazioni online e le aziende, da tutto il mondo, che hanno richiesto informazioni per avviare nuove assunzioni sono oltre 900. “The Hiring Chain” ha ricevuto il supporto di LinkedIn che ha promosso l’iniziativa verso i suoi 15 milioni di follower.

La prima assunzione è made in Italy

Il primo risultato concreto è arrivato in occasione della Festa dei Lavoratori: «Il primo maggio, la casa di moda Salvatore Ferragamo ha deciso di assumere la prima persona con sindrome di Down – racconta Fuga -, rispondendo all’appello della campagna globale». L’azienda verrà seguita da CoorDown, tramite l’associazione Trisomia 21 di Firenze, per l’affiancamento formativo e il tutoraggio necessari all’inserimento lavorativo di una persona con sindrome di Down, presso una delle sedi fiorentine dell’azienda.

«Speriamo che questa stretta di mano possa attivare lo stesso circolo virtuoso mostrato nel video della campagna di sensibilizzazione, aprendo nuove opportunità – dice la vice presidente di CoorDown -. Più le persone con sindrome di Down vengono viste al lavoro, tanto più sono riconosciute come dipendenti di valore, sfatando pregiudizi e stereotipi».

L’iter di assunzione

Ogni persona con la sindrome di Down ha la capacità di lavorare secondo le sue possibilità. «Il nostro obiettivo – continua Fuga – è trovare un ruolo che si adatti al singolo individuo, creando le condizioni affinché possa svolgere il suo lavoro con successo. Per questo i datori di lavoro, consultando il sito, non entreranno mai in contatto diretto con chi è alla ricerca di un’occupazione. Si confronteranno con l’associazione di riferimento che, a sua volta, sentite le esigenze aziendali, cercherà la persona più adatta a ricoprire quella mansione». Cosicché gli incontri combinati saranno sempre perfetti: le persone giuste, al momento e nel luogo giusto.

Dopo questa fase di conoscenza, nel caso di esito positivo, l’associazione guiderà l’azienda nella formazione del nuovo assunto e lo seguirà fino all’inserimento lavorativo completo. «Quando viene offerta un’opportunità adeguata, le persone con sindrome Down possono raggiungere grandi risultati e avere un impatto positivo sui colleghi, sulla soddisfazione del cliente, sulla cultura e sulla motivazione di tutta l’azienda. La diversità – conclude Fuga – rafforza tutti i luoghi di lavoro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Arrivano i nuovi bonus bebè Enpam: importi aumentati e work in progress per i papà
I sussidi bambino sono riservati ai nati nell’anno 2021 o 2022 e prevedono dei limiti di reddito familiare
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Condividere le esperienze in medicina d’urgenza. Parla il fondatore del blog Empills
Da undici anni sul blog notizie ed aggiornamenti sulla medicina d’urgenza rivolti soprattutto a medici e infermieri. Per Carlo D’Apuzzo la crisi dei Pronto soccorso nasce anche dall’organizzazione del lavoro: «Ho lavorato fino a 63 anni e fino alla fine ho continuato a fare le notti e turni disagiati di 12 ore»
di Francesco Torre
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...