Salute 14 Maggio 2021 16:40

Hiringchain: basta un click per avviare la catena mondiale di assunzione di lavoratori con sindrome di Down

La casa di moda italiana Salvatore Ferragamo è la prima azienda che, attraverso hiringchain.org, ha deciso di assumere una persona con sindrome di Down, rispondendo all’appello della campagna globale. Dal 21 marzo, oltre 5 milioni di visualizzazioni e più di 900 contatti da aziende internazionali che hanno richiesto informazioni per avviare nuove assunzioni

di Isabella Faggiano

Simone è una giovane con sindrome di Down. Mentre, come di consueto, lavora dal fornaio, mostrando ai clienti le sue capacità, attira l’attenzione di un’avvocatessa. La donna rimane talmente colpita da Simone che decide di assumere, a sua volta, un ragazzo con sindrome di Down. Da qui si crea una reazione a catena, un circolo virtuoso di inclusione lavorativa: dal fornaio all’avvocato, al dentista, al contadino, fino al barbiere. Questa è la storia raccontata nel videoclip, sulle note di una canzone originale interpretata da Sting, lanciato in occasione della Giornata Mondiale sulla sindrome di Down 2021 da CoorDown, il  Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down. Una storia che, ora, grazie al sito www.hiringchain.org potrebbe trasformarsi in realtà.

Che cos’è Hiringchain

«È una piattaforma che permette l’incontro tra i datori di lavoro e le associazioni di tutto il mondo – spiega Martina Fuga, vice presidente nazionale CoorDown e delegata alla comunicazione -, garantendo informazioni e il supporto necessario per sostenere gli inserimenti lavorativi delle persone con sindrome di Down».

Dal 21 marzo il video ha già superato i 5 milioni di visualizzazioni online e le aziende, da tutto il mondo, che hanno richiesto informazioni per avviare nuove assunzioni sono oltre 900. “The Hiring Chain” ha ricevuto il supporto di LinkedIn che ha promosso l’iniziativa verso i suoi 15 milioni di follower.

La prima assunzione è made in Italy

Il primo risultato concreto è arrivato in occasione della Festa dei Lavoratori: «Il primo maggio, la casa di moda Salvatore Ferragamo ha deciso di assumere la prima persona con sindrome di Down – racconta Fuga -, rispondendo all’appello della campagna globale». L’azienda verrà seguita da CoorDown, tramite l’associazione Trisomia 21 di Firenze, per l’affiancamento formativo e il tutoraggio necessari all’inserimento lavorativo di una persona con sindrome di Down, presso una delle sedi fiorentine dell’azienda.

«Speriamo che questa stretta di mano possa attivare lo stesso circolo virtuoso mostrato nel video della campagna di sensibilizzazione, aprendo nuove opportunità – dice la vice presidente di CoorDown -. Più le persone con sindrome di Down vengono viste al lavoro, tanto più sono riconosciute come dipendenti di valore, sfatando pregiudizi e stereotipi».

L’iter di assunzione

Ogni persona con la sindrome di Down ha la capacità di lavorare secondo le sue possibilità. «Il nostro obiettivo – continua Fuga – è trovare un ruolo che si adatti al singolo individuo, creando le condizioni affinché possa svolgere il suo lavoro con successo. Per questo i datori di lavoro, consultando il sito, non entreranno mai in contatto diretto con chi è alla ricerca di un’occupazione. Si confronteranno con l’associazione di riferimento che, a sua volta, sentite le esigenze aziendali, cercherà la persona più adatta a ricoprire quella mansione». Cosicché gli incontri combinati saranno sempre perfetti: le persone giuste, al momento e nel luogo giusto.

Dopo questa fase di conoscenza, nel caso di esito positivo, l’associazione guiderà l’azienda nella formazione del nuovo assunto e lo seguirà fino all’inserimento lavorativo completo. «Quando viene offerta un’opportunità adeguata, le persone con sindrome Down possono raggiungere grandi risultati e avere un impatto positivo sui colleghi, sulla soddisfazione del cliente, sulla cultura e sulla motivazione di tutta l’azienda. La diversità – conclude Fuga – rafforza tutti i luoghi di lavoro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Grazie all’intelligenza artificiale 1 persona su 2 potrebbe lavorare solo 4 giorni a settimana
Secondo un nuovo studio incentrato sulla forza lavoro britannica e americana, l’intelligenza artificiale potrebbe consentire a milioni di lavoratori di passare alla settimana lavorativa di quattro giorni entro il 2033
Tumori: 1 paziente su 6 abbandona il lavoro. Dalla Rete ROPI 3 proposte «salva-posto»
La ROPI ha analizzato 4 proposte di legge su congedi e indennizzi sul lavoro per i pazienti oncologici,, facendo emergere per ognuna di esse «luci e ombre». Si è arrivati così a individuare alcune proposte chiave per migliorare le regole a tutela dei lavoratori con tumore che Stefania Gori, presidente ROPI, ha presentato oggi in audizione alla XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) alla Camera dei Deputati
di Redazione
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Storia, valori e sguardo sul futuro, a Bologna il XLIII Congresso Nazionale SIFO
Attese oltre 2500 presenze. Il presidente Arturo Cavaliere: «Il Congresso sarà per tutti noi farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali l'occasione privilegiata per condividere strategie, progetti e best practice con tutti gli stakeholder della sanità»
Task shifting da medici a personale sanitario? I sindacati: «Rischio contenziosi»
ANAAO-ASSOMED e CIMO-FESMED scrivono alla Corte dei Conti. I due sindacati della dirigenza medica intendono chiedere un interpello all’ARAN
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...