Salute 10 Ottobre 2022 12:33

Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia

Nata nel secolo scorso negli Stati Uniti è oggi una pratica diffusa in tutto il mondo. In Italia la SIMont crea una rete di psichiatri che lavorano in sinergia con guide alpine. Brega (direttore psichiatria Feltre): «Camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo e superare la paura di non farcela»

Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia

È la montagnaterapia la nuova frontiera per “allenare” bene la salute mentale. A riferirlo è la società italiana di montagnaterapia (SIMont). Questa pratica, nata agli inizi del secolo scorso negli Stati Uniti, si è diffusa intorno agli anni ‘30 anche in nord Europa, per arrivare ad essere strutturata alla fine degli anni ’80. Nel 1994 negli Usa si diffonde una copiosa letteratura sui benefici della montagna dove la Wilderness Therapy o l’Outdoor Behavioral Healthcare via via assurgono a vere e proprie discipline sanitarie o educative per una varietà di popolazioni, come dipendenti da sostanze, persone con disabilità o malattia psichiatrica, e giovani problematici. In Italia si comincia a parlarne alla fine degli anni ’90 in ambito psichiatrico, ma occorre attendere il nuovo secolo perché si diffonda anche in altri settori di patologia, come dipendenze, minori problematici, disabili fisici e mentali. Nel 2006 si crea una rete di operatori e istruttori su tutto il territorio nazionale e viene adottato il termine di montagnaterapia. Solo in tempi più recenti (2018) però nasce un’ampia produzione scientifica e la SIMont diventa il punto di riferimento di quanti, in ambito medico, scelgono di intraprendere percorsi in quota per migliorare la condizioni di pazienti affetti da patologie della mente.

Un ascolto del proprio io per superare le paure

Oggi è praticata su tutto il territorio nazionale, anche se il primato spetta sempre alle Dolomiti. Ed è proprio su queste montagne, a Feltre, in provincia di Belluno che opera Angelo Brega, direttore di psichiatria dell’ospedale cittadino che fa della montagnaterapia un punto di forza nella cura della salute mentale. «Ha una valenza riabilitativa molto varia con diversi ambiti di applicazione – spiega Brega – camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo, sentirsi immersi in una natura accogliente, ma anche scoprire con umiltà e piccoli passi che certi limiti si possono superare, mentre altri devono essere rispettati. Per alcuni le barriere sono fisiche, per altri sono interiori come la paura di non farcela, la solitudine, l’incomunicabilità, il disagio psichico, ma quando a fatica si raggiunge la vetta si ha la possibilità di guardare il mondo da un’altra prospettiva».

Trekking, arrampicata sportiva e sci di fondo la montagna per ogni patologia

Conoscere e vivere la montagna per imparare a gestire le emozioni che attraversano la mente. Con questo obiettivo il dottor Brega e i colleghi psichiatri che si riferiscono a SIMont formano gruppi dai sei ai dodici partecipanti e scelgono percorsi che vanno dalle due alle sei ore. «L’attività è molto varia, ci sono diversi ambiti in cui la montagnaterapia si applica – ammette -. A seconda della tipologia di utenti la montagna offre diverse possibilità che vanno dal trekking, all’arrampicata sportiva, fino allo sci da fondo. La montagna è un ambito che può essere sperimentato e declinato in modi molto diversi».

«Un percorso di cura non una gita in montagna»

Da non confondere la gita in quota con la montagnaterapia, un progetto strutturato che prevede un certo numero di uscite con una cadenza regolare. «Più è frequente, regolare e programmata la cura, e maggiori saranno i benefici – tiene a precisare Brega –. La prassi più abituale prevede che ci siano incontri preliminari e incontri di restituzione per misurare gli effetti della montagna sulla salute mentale».

Uscite di gruppo guidate per circa un anno

Il percorso di cura si articola con più uscite a cadenza regolare per almeno un anno e l’accompagnamento è affidato a tecnici della montagna e agli operatori della salute mentale o delle dipendenze. «Una collaborazione che permette da un lato di avere un controllo costante del paziente e dall’altra di sfruttare le competenze degli esperti della montagna (guide alpine, volontari del CAI) per conoscere al meglio il territorio da esplorare – rimarca il direttore di psichiatria dell’ospedale di Feltre -. I gruppi sono omogenei, costituiti sulla base delle motivazioni, fanno riferimento ad un servizio di salute mentale o di dipendenze, ma hanno comunque obiettivi personalizzati». Il futuro sembra essere sempre più blu e non solo in senso metaforico. «Allo scetticismo inziale, è seguito un consenso diffuso tanto che oggi alla proposta di un percorso di montagnaterapia la risposta è sempre favorevole», conclude Brega.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa