Salute 25 Febbraio 2022 13:51

Gli Usa approvano il primo preservativo per il sesso anale

Per la prima volta la Food and Drug Administration ha autorizzato la commercializzazione di un preservativo per il sesso anale

Gli Usa approvano il primo preservativo per il sesso anale

È stato progettato esclusivamente per i rapporti anali e ora è ufficialmente il primo ad esser stato approvato per questo scopo dalla Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia americana che regolamenta farmaci e dispositivi destinati alla salute. Si chiama One Male ed è stato sviluppato dalla Global Protection Corp. È sicuro e offre protezione da diverse malattie sessualmente trasmissibili. Sebbene i normali preservativi vengano già raccomandati anche per il sesso anale, continuano a essere commercializzati specificamente per i rapporti vaginali. Con l’ok della FDA si dà ufficialità all’utilizzo di un preservativo appositamente per i rapporti anali.

L’ok a un preservativo per i rapporti anali è una vittoria per la salute sessuale

La notizia è stata accolta con entusiasmo dagli esperti, che la considerano una vittoria per la salute sessuale e può essere particolarmente importante per la comunità LGBT. Infatti, era già da moltissimo tempo che si sentiva l’esigenza di uno strumento specifico per favorire la sicurezza del sesso anale, i quali sono legati a un rischio maggiore di trasmissione dell’HIV. I dati di uno studio indicano che il 69% degli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini userebbero i preservativi più frequentemente se la FDA lo indicasse specificatamente.

Si previene la trasmissione dell’Hiv e di molte altre infezioni sessualmente trasmissibili

«L’autorizzazione della FDA di un preservativo che è specificamente indicato, valutato ed etichettato per i rapporti anali può aumentare la probabilità di utilizzo del preservativo durante questi rapporti», ha dichiarato in un comunicato stampa dell’FDA Courtney Lias, direttrice dell’Office of GastroRenal dell’agenzia americana. Anche il preservativo è raccomandato non solo per prevenire la trasmissione dell’Hiv, ma anche per prevenire le infezioni sessualmente trasmissibili – e come contraccettivo – durante il sesso vaginale.

I tassi di fallimento sono inferiori al 2%

La Global Protection Corp. ha condotto una sperimentazione clinica per testare la capacità dei loro preservativi di prevenire il trasferimento di fluidi corporei. Lo studio ha incluso 252 uomini di età compresa tra 18 e 54 anni. La FDA aveva indicato come limite massimo un tasso di fallimento del 5 per cento e i test su One Male hanno pienamente soddisfatto i requisiti con un tasso di fallimento dello 0,68% per i rapporti anali e dell’1,89% per i rapporti vaginali.

Il segreto del nuovo preservativo si cela nel lubrificante

I ricercatori dietro lo studio, che è stato pubblicato su eClinicalMedicine di The Lancet, hanno affermato che uno dei motivi per cui il processo ha avuto successo laddove altri hanno fallito in passato era probabilmente dovuto al lubrificante e all’inclusione di istruzioni su come utilizzare il prodotto. Il lubrificante riduce l’attrito, che a sua volta può provocare lo «slittamento» o la rottura del preservativo. Con risultati equivalenti, l’FDA pensa che anche altri produttori potrebbero presto richiedere l’approvazione di nuovi preservativi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Che cos’è il micropene, la condizione di cui si parla in Skam 5?
Nella quinta stagione di Skam Elia Santini, il personaggio interpretato Francesco Centorame, soffre di ipoplasia peniena, il disturbo del micropene che metterà a dura prova la sua vita sessuale. Lo specialista dell'Università Tor Vergata, Salvatore Sansalone, ci spiega di cosa si tratta
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
Vaccini anti-Covid, anche sesso e stile di vita influenzano l’efficacia
Un nuovo studio, promosso dalla Sapienza e dal Policlinico Umberto I, ha identificato i fattori demografici, clinici e sociali che interferiscono con la risposta immunitaria in seguito alla vaccinazione anti Covid-19. I risultati del lavoro, pubblicati sulla rivista Journal of Personalized Medicine, aprono la strada a programmi vaccinali personalizzabili
Il sesso (e i relativi problemi) nell’epoca del metaverso
Intervista alla dottoressa Annalisa Baldi, psicoterapeuta breve strategica: «A volte la realizzazione del piacere diventa una vera e propria dipendenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa