Salute 22 Aprile 2014

Gli endocrinologi puntano su una FAD di qualità partendo dal provider 

Castello, presidente AME: “Importante per l’accreditamento ministeriale e per una grafica accattivante”

Immagine articolo

Nuove tecnologie e formazione a distanza in primo piano nell’azione dell’Associazione Medici Endocrinologi guidata dal presidente Roberto Castello. Proprio quest’ultimo sottolinea come “in tempi di spending review sia più difficile organizzare convegni e coinvolgere soci anche in funzione dei loro impegni lavorativi.

Dare continuità da un punto di vista di tipo assistenziale, pratico, clinico, attraverso una serie di immagini come può essere una FAD costruita ad esempio con un PowerPoint o attraverso una serie di dati bibliografici, può allora essere di particolare utilità. Su questo l’Ame ha investito, creando una FAD ad hoc per i propri soci”.

L’Age.na.s  di recente oltre a rifare il trucco al proprio sito, ha annunciato e ha applicato dei controlli sui provider che offrono servizi di formazione a distanza. Controlli utili affinché ci sia un riferimento preciso ad una FAD di qualità. “Su questo l’Ame da subito si è posta il problema di selezionare un provider. Si tratta di un cuneo indispensabile per poter avviare una FAD, sia in termini di accreditamento ministeriale sia da un punto di vista di presentazione grafica;  perché oltre ai contenuti scientifici – sottolinea ancora Castello – deve contenere una formattazione adeguata. La scelta del provider diventa dunque un elemento indispensabile”.

Un altro problema è rappresentato della responsabilità professionale con l’obbligo del 14 agosto sempre più vicino. “Dobbiamo assolutamente confrontarci – commenta la massima carica dell’Ame –  tutti devono dotarsi di un’assicurazione di responsabilità civile, anche chi opera in un’azienda. Stiamo lavorando su una convenzione per assicurare una polizza che offra le migliori garanzie ai nostri soci. Penso sia, però,  anche compito delle associazioni scientifiche dover affrontare questo tema e offrire valutazioni sulle varie offerte sul mercato”.

Altro tema caldo è quello dei rimborsi agli ex specializzandi. È notizia di pochi giorni fa la presentazione di un nuovo Ddl per un accordo transattivo che eviti allo Stato di pagare oltre cinque miliardi di euro. “Adesso, progressivamente, attraverso una serie di sentenze e azioni portate avanti, il problema sta diventando sempre più sentito. La nostra associazione – anticipa Castello –  proprio per cercare di sollecitare l’attenzione dei soci e migliorare la loro conoscenza sulla questione, ha stipulato una convenzione con Consulcesi,  attraverso la quale gli iscritti dell’Ame potranno accedere alle azioni collettive a costi ridotti”. In conclusione Castello sottolinea l’importanza proprio di ricorrere per far valere il loro diritto. “Un diritto – afferma –  sancito dalla corte europea e che deve essere rispettato”.

Articoli correlati
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Telemedicina, in Lombardia nasce il primo ambulatorio virtuale di endocrinologia targato Politecnico e AME
«Si tratta di un cambiamento prima di tutto culturale – commenta Edoardo Guastamacchia, Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) –, sentire la digital trasformation alleata, possibilmente amica, consente di fare un’esperienza impegnativa, capace di portare qualità ed innovazione nella sanità, senza i timori del passato»
di Federica Bosco
Endocrinologia, l’ambulatorio virtuale è una realtà
L’atteggiamento che i professionisti della sanità hanno nei confronti della trasformazione digitale è estremamente discordante: «C’è chi la subisce, chi la considera una perdita di tempo, chi ha un atteggiamento rassegnato consapevole della fatica di rincorrere un mondo che corre veloce, c’è chi sa che il suo impatto è destinato a ridefinire il proprio modo […]
ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»
L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»
di Isabella Faggiano
La blockchain a Striscia La Notizia, Marco Camisani Calzolari spiega agli italiani la tecnologia del futuro (anche per la salute…)
VIDEO | Dalla formazione medica alla patient satisfaction, l’esperto digitale di Canale 5 illustra i nuovi campi di applicazione della ormai celebre tecnologia della “catena a blocchi”. A Tirana l'evento Consulcesi con Marco Camisani Calzolari proprio su blockchain e formazione medica. E il 5 giugno a Milano appuntamento su blockchain e sanità all’Ordine dei Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...