Salute 22 Aprile 2014

Gli endocrinologi puntano su una FAD di qualità partendo dal provider 

Castello, presidente AME: “Importante per l’accreditamento ministeriale e per una grafica accattivante”

Immagine articolo

Nuove tecnologie e formazione a distanza in primo piano nell’azione dell’Associazione Medici Endocrinologi guidata dal presidente Roberto Castello. Proprio quest’ultimo sottolinea come “in tempi di spending review sia più difficile organizzare convegni e coinvolgere soci anche in funzione dei loro impegni lavorativi.

Dare continuità da un punto di vista di tipo assistenziale, pratico, clinico, attraverso una serie di immagini come può essere una FAD costruita ad esempio con un PowerPoint o attraverso una serie di dati bibliografici, può allora essere di particolare utilità. Su questo l’Ame ha investito, creando una FAD ad hoc per i propri soci”.

L’Age.na.s  di recente oltre a rifare il trucco al proprio sito, ha annunciato e ha applicato dei controlli sui provider che offrono servizi di formazione a distanza. Controlli utili affinché ci sia un riferimento preciso ad una FAD di qualità. “Su questo l’Ame da subito si è posta il problema di selezionare un provider. Si tratta di un cuneo indispensabile per poter avviare una FAD, sia in termini di accreditamento ministeriale sia da un punto di vista di presentazione grafica;  perché oltre ai contenuti scientifici – sottolinea ancora Castello – deve contenere una formattazione adeguata. La scelta del provider diventa dunque un elemento indispensabile”.

Un altro problema è rappresentato della responsabilità professionale con l’obbligo del 14 agosto sempre più vicino. “Dobbiamo assolutamente confrontarci – commenta la massima carica dell’Ame –  tutti devono dotarsi di un’assicurazione di responsabilità civile, anche chi opera in un’azienda. Stiamo lavorando su una convenzione per assicurare una polizza che offra le migliori garanzie ai nostri soci. Penso sia, però,  anche compito delle associazioni scientifiche dover affrontare questo tema e offrire valutazioni sulle varie offerte sul mercato”.

Altro tema caldo è quello dei rimborsi agli ex specializzandi. È notizia di pochi giorni fa la presentazione di un nuovo Ddl per un accordo transattivo che eviti allo Stato di pagare oltre cinque miliardi di euro. “Adesso, progressivamente, attraverso una serie di sentenze e azioni portate avanti, il problema sta diventando sempre più sentito. La nostra associazione – anticipa Castello –  proprio per cercare di sollecitare l’attenzione dei soci e migliorare la loro conoscenza sulla questione, ha stipulato una convenzione con Consulcesi,  attraverso la quale gli iscritti dell’Ame potranno accedere alle azioni collettive a costi ridotti”. In conclusione Castello sottolinea l’importanza proprio di ricorrere per far valere il loro diritto. “Un diritto – afferma –  sancito dalla corte europea e che deve essere rispettato”.

Articoli correlati
Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»
«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi
Endocrinologia, il 3 ottobre a Perugia Simedet e Usl Umbria 1 chiamano medici e infermieri a parlare di come affrontare l’urgenza
Il Congresso “Le Urgenze Endocrinologiche” si svolge al Centro di Formazione dell’Usl Umbria 1.  Responsabili scientifici Manuel Monti e Giuseppe Murdolo
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
«Non siamo un bancomat». Toti Amato (OMCeO Palermo) contro contenziosi temerari: «Premiare chi fa aggiornamento ECM»
Nuovo appuntamento degli Stati Generali FNOMCeO il 4 e 5 luglio. Ai microfoni di Sanità Informazione, Toti Amato, presidente Omceo Palermo e membro del Comitato Centrale FNOMCeO fa il punto della situazione e risponde agli attacchi contro i camici bianchi che arrivano dalle associazioni dei pazienti: «Con FNOMCeO siamo al lavoro per rafforzare il rapporto medico-paziente anche attraverso incentivi per chi adempie all’aggiornamento professionale, una garanzia per i cittadini»
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...