Salute 31 maggio 2017

Gli 80 anni dell’Istituto Spallanzani, eccellenza italiana

«Lo Spallanzani cura da 80 anni malati con patologie sempre diverse e lo fa attraverso strategie di cura e tecnologie diagnostiche sempre nuove e avanzate. Il tutto sempre nella massima attenzione delle persone e affrontando malattie anche molto delicate attraverso la massima attenzione etica». Lo ha dichiarato ai nostri microfoni il Professor Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dell’ “Istituto Spallanzani”

«Questo Istituto ha avuto ed ha un ruolo sociale molto importante, e lo ha dimostrato nella gestione di tutte le emergenze, in particolare nell’epatite e nelle tossicodipendenze. Accogliamo tutti, i diseredati, gli ultimi, gli immigrati, quelli che nessuno vuole. Le patologie che hanno bisogno di un lungo ricovero, quelle che non troverebbero spazio né nelle case né nelle società». Lo ha detto il direttore generale dell’Istituto nazionale per le malattie infettive ‘Lazzaro Spallanzani di Roma, Marta Branca, in occasione della celebrazione degli 80 anni dell’ospedale che si è svolta oggi nella Capitale. «Da sempre – ha ricordato Branca – siamo in prima linea per la lotta alle emergenze sanitarie e sociali delle grandi malattie infettive, che cambiano nel corso degli anni. Adesso siamo protesi ancora ad occuparci di Ebola, specialmente nei paesi in cui è ancora presente, in particolare Sierra Leone, e siamo pronti alle grandi emergenze che possono capitare. In questa fase – ha aggiunto – ci stiamo occupando in maniera particolare del morbillo e della tubercolosi, per i quali c’è stata una recrudescenza, in particolare nelle Regione Lazio, ma siamo anche impegnati per migliorare le prospettive di umanizzazione di questo ospedale: abbiamo un grande progetto di barriere architettoniche, sia per le persone portatrici di handicap sia per i non vedenti, e vorremmo creare dei percorsi agevolati e una migliore accoglienza ai luoghi di cura per queste persone».

Il Dg dello Spallanzani ha voluto sottolineare l’impegno dell’Istituto nel campo della ricerca, che lo rende punto di riferimento fondamentale del sistema sanitario laziale: «Il nostro impegno è ancora sul piano della ricerca applicata all’assistenza. I nostri ricercatori non fanno ricerca teorica, ma trovano delle metodologie che consentono poi la cura delle patologie. Naturalmente continuiamo il nostro impegno su tutti gli altri fronti su cui siamo già eccellenza, come l’Aids, di cui siamo centro di riferimento, e per tutte le altre patologie infettive che mano a mano si vengono presentando». Branca ha poi evidenziato l’accoglienza e l’umanità riservata a tutti gli ospiti dell’ospedale da parte degli operatori sanitari dello Spallanzani: «I nostri pazienti sono particolari, perché spesso e volentieri sono persone che vivono un disagio sociale, per cui il nostro personale è addestrato non solo dal punto di vista delle competenze mediche, ma anche dal punto di vista dell’accoglienza e dell’umanità”. “Da noi vengono persone che non hanno neanche il pigiama, quindi è fondamentale avere personale in grado di far fronte a queste emergenze, alle esigenze di queste persone che sono sole, e hanno bisogno di tutto. Nei nostri reparti si crea come una seconda famiglia, tant’è vero che poi questi pazienti ritornano e cercano gli stessi infermieri e medici che li hanno curati», conclude il Dg, che ha voluto ringraziare le Istituzioni che nel corso degli anni «hanno saputo modulare la propria azione fornendo allo Spallanzani l’attenzione che meritava».

Il Direttore Scientifico Ippolito: «Ecco quali saranno le nostre prossime sfide…»

«Lo Spallanzani cura da 80 anni malati con patologie sempre diverse e lo fa attraverso strategie di cura e tecnologie diagnostiche sempre nuove e avanzate. Il tutto sempre nella massima attenzione delle persone e affrontando malattie anche molto delicate attraverso la massima attenzione etica». Lo ha dichiarato ai nostri microfoni il Professor Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dell’ “Istituto Spallanzani”, che ha aggiunto: «Siamo stati in prima fila nella lotta ad Ebola e continuiamo a farlo: stiamo completando lo studio dei sopravvissuti in Sierra Leone e andremo in Congo per l’epidemia. Siamo già stati in Congo un anno fa per la febbre gialla e la situazione è davvero drammatica». Ma quali sono le sfide che l’Istituto deve affrontare nei prossimi anni per mantenere alto il livello dei suoi interventi? «Dovremo vedercela con la resistenza agli antibiotici, la diffusione dei virus, sviluppare un modello per identificare velocemente le malattie e utilizzare al meglio le strutture di laboratorio. Saranno queste le scommesse che l’Istituto dovrà affrontare ma ha le persone giuste per farlo».

Articoli correlati
Spallanzani, arriva il murales in occasione degli 80 anni dell’Istituto
Si inaugura giovedì 3 maggio, alle ore 11, l’imponente murales creato per onorare la Hall of Fame della Scienza in occasione degli 80 anni dell’INMI “Lazzaro Spallanzani”. Sono stati tre artisti, Andrea Marrapodi, in arte KIV, Gregorio Pampinella e Daniele Tozzi, scelti dopo accurata selezione, a lavorare per più di un mese lungo il muro […]
Chikungunya, Cappellano (OMCeO Roma): «Occorre riconoscere sintomi rapidamente, i virus esotici possono essere letali»
È allarme Chikungunya a Roma e nel Lazio: 102 casi accertati finora e il numero, a detta degli esperti, è destinato a crescere. «Fronte unito sanità e istituzioni per combattere emergenza» l'intervista a Ernesto Cappellano, Coordinatore Commissione Prevenzione OMCeO Roma
Malaria, «In Italia centinaia di casi l’anno: in troppi partono senza profilassi» l’intervista al dottor Ippolito (Spallanzani)
«Il 25 e il 26 settembre l’Istituto Nazionale Malattie Infettive organizzerà una riunione per dettare linee guida di gestione della malaria in tutti i principali centri clinici del Paese» lo dichiara all’indomani della morte della piccola Sofia, il Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani
Lazio: conti degli ospedali sempre più in rosso, un buco da oltre 380 milioni
I principali ospedali del Lazio chiudono i bilanci in territorio profondamente negativo, peggiorando una situazione economica tutt’altro che solida. Il San Camillo, che aveva già chiuso il 2014 con un deficit di 158,6 milioni, soffre le condizioni economiche peggiori – il suo bilancio riporta un buco di -161 milioni. Seguono il San Giovanni con un […]
Quando il cinema mette in scena la medicina…
La corsia diventa un set cinematografico con il film formazione 'e-bola' di indiscussa utilità sociale. I protagonisti sei ricercatori eroi che combattono la lotta contro la diffusione del virus ebola in Sierra Leone, cercandone una cura. Haber: «Una storia avvincente e istruttiva». Moccia: «Un progetto unico». Poggi: «La nostra dedica ai medici coinvolti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...