Salute 24 Giugno 2022 18:02

Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»

Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»

Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»

Il 25 giugno di tredici anni fa moriva Michael Jackson, icona della musica pop, ma anche tra le star più note a soffrire di vitiligine. E non è un caso, quindi, se per celebrare la Giornata mondiale della vitiligine è stata scelta proprio questa data, il 25 giugno.
La Giornata mondiale della vitiligine

«Informare i pazienti sulle nuove prospettive terapeutiche è l’obiettivo numero uno della Giornata 2022 – dice il professore Piergiacomo Calzavara Pinton, consigliere della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST) -. Presto, i farmaci anti JAK, già in fase avanzata di sperimentazione negli Stati Uniti e prossimi all’approvazione, potranno rivoluzionare il trattamento della vitiligine». I farmaci anti JAK, ovvero farmaci inibitori delle janus kinasi (JAK), sono già stati approvati da diversi anni (in particolare due inibitori delle janus chinasi, ruxolitinib e tofacitinib) dall’agenzia americana per il farmaco, FDA, per il trattamento dell’artrite reumatoide e dei disordini del midollo osseo.

Che cos’è la vitiligine

«La vitiligine – spiega Calzavara Pinton – è una malattia autoimmune cronica che si caratterizza per la depigmentazione della pelle, causata dalla perdita delle cellule produttrici di pigmenti, ovvero i melanociti. Colpisce tra lo 0,5 e il 2,0% della popolazione a livello globale e può verificarsi a qualsiasi età anche se, di frequente, i primi i sintomi compaiono prima dei 20-25 anni. Tuttavia, in alcuni casi può manifestarsi anche successivamente». Attualmente, non esistono farmaci indicati per il trattamento di questa malattia: tutti quelli che vengono abitualmente consigliati sono stati approvati con altre finalità e, solo successivamente, prescritti a pazienti che soffrono di vitiligine.

La fototerapia

«La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine», aggiunge il dermatologo. Si tratta di una tecnica terapeutica che sfrutta i benefici della luce per curare diverse malattie, specialmente quelle a carico del derma. Il trattamento medico, del tutto indolore, è effettuato sulla pelle mediante apparecchiature in grado di riprodurre artificialmente i raggi ultravioletti (UV). L’utilizzo di questi raggi sulle zone chiare è in grado di ridurre il contrasto cromatico, rendendole meno visibili.

Lo stigma

È proprio l’estrema visibilità della malattia, infatti, a trasformarla in un problema di notevole rilevanza sociale. «La vitiligine può colpire solo alcune zone del corpo, così come può estendersi su gran parte di esso. Ovviamente tanto più la persona che ne soffre avrà una carnagione scura, tanto più sarà evidente». Nonostante molti personaggi del mondo della moda e dello spettacolo che ne soffrono, come l’attrice Kasia Smutniak, la top model americana Winnie Harlow, Mara Maionchi, Luca Marin, abbiano contribuito a sensibilizzare l’intera popolazione, lo stigma è ancora molto forte. «Chi non conosce la vitiligine e si trova di fronte ad un paziente che ne è affetto teme immediatamente che possa trattarsi di una patologia contagiosa – dice lo specialista -. Reazione che non ha alcun fondamento scientifico e che può essere considerata ragionevole solo in quei Paesi dove è ancora diffusa la lebbra, patologia con cui, ad un primo colpo d’occhio, potrebbe essere erroneamente confusa. Per questo, in occasione della Giornata mondiale, e non solo, è necessario ricordare che la vitiligine non è una malattia trasmissibile. Così come è altrettanto doveroso ribadire l’importanza di supportare i pazienti anche da un punto di vista psicologico, soprattutto coloro che non riuscendo ad accettare la loro condizione – conclude il dermatologo – finiscono per preferire l’isolamento sociale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale