Salute 19 aprile 2018

Giornata Nazionale della Salute della Donna, Fabi (oncologa): «Prevenire significa guarire. Curare una donna vuol dire tutelare la società»

Iniziative in programma fino al 22 aprile. «Il tumore della mammella, primo per incidenza tra le neoplasie femminili, può insorgere a qualsiasi età». Alessandra Fabi, oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma, invita tutta la popolazione femminile a partecipare alla giornata di prevenzione

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Tutelare la salute della donna significa tutelare la salute di un’intera comunità». Sono chiare le parole dello slogan scelto per promuovere la Giornata nazionale della Salute della Donna che, quest’anno, giunge alla sua terza edizione.

Che “la donna sia il fulcro della vita quotidiana” ne è convinta anche Alessandra Fabi, oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma che, insieme al San Gallicano e a tutti gli ospedali con il Bollino Rosa, offre gratuitamente servizi clinici, diagnostici e informativi nell’ambito della senologia, neurofisiologia, psichiatria, fisioterapia riabilitativa e alimentazione nelle donne con tumore al seno. Le iniziative di diagnosi e prevenzione continueranno fino al 22 aprile, data scelta per celebrare l’edizione 2018 dell’iniziativa nazionale.

«Si è deciso di dedicare un’intera giornata alla salute della donna – ha spiegato la dottoressa Fabi – per due fondamentali motivi. Innanzitutto perché il tumore della mammella, primo per incidenza tra le neoplasie femminili, può insorgere a qualsiasi età. Secondo, perché la donna ha un ruolo fondamentale non solo all’interno del suo nucleo familiare, ma anche a livello sociale».

La settimana è ricca di appuntamenti, dal nord al sud della penisola (tutti consultabili sul sito http://www.giornatasalutedonna.it/), incontri che culmineranno il 21 aprile, a Roma, con il Villaggio della Salute della Donna, allestito al Ministero della Salute (sede di Viale Giorgio Ribotta, 5), dalle 9.30 alle 17.

«Questa iniziativa – ha aggiunto l’oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma – vuole sottolineare l’importanza di un approccio multidisciplinare, soprattutto per il trattamento delle patologie oncologiche. Per affrontare un percorso di cura l’intervento dell’oncologo e dello psicologo non sono sufficienti. Ci vuole il supporto anche di un’altra figura che sia addetta alle cure supplementari. Uno specialista che sostenga il paziente durante il follow-up, quando cioè non è più malato ma è considerato un “paziente oncologico sano”, guarito.  Ed è proprio a tale scopo che indirizziamo i nostri pazienti verso dei centri specializzati in terapie complementari. Oggi, una donna che riceve una diagnosi di tumore fa delle richieste specifiche: vuole continuare a vivere e vuole farlo con dignità, mantenendo una certa qualità del quotidiano, non trascurando né i rapporti interpersonali, né quelli sociali».
Ma la Giornata nazionale della Salute della Donna non è nata solo per sostenere coloro che stanno già lottando contro la propria malattia. È dedicata anche alla prevenzione, a quelle donne che ancora non sanno di avere un male da sconfiggere. «Prevenire, sottoponendosi agli screening radiologi e sierologici, che vanno dall’ecografia, alla mammografia, fino al pap test – ha sottolineato Alessandra Fabi – significa guarire la paziente, precocizzare un processo tumorale. Con la prevenzione primaria, poi, che comprende l’adozione di stili di vita adeguati, si può addirittura evitare la comparsa della neoplasia. Sane abitudini – come smettere di fumare, seguire un’alimentazione corretta, fare attività fisica adeguata – che non vanno mai perse di vista». Nessuno deve abbassare la guardia, nemmeno chi la sua battaglia l’ha già vinta da tempo: «Una donna che ce l’ha fatta perché è guarita da un tumore, anche dopo 10 anni – ha concluso l’oncologa – deve continuare a volersi bene».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»
Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
Sesso e alimentazione, Esposito (Università Vanvitelli): «La dieta mediterranea combatte la disfunzione erettile»
La prescrizione della professoressa, ordinario di Endocrinologia: «L’eros nasce a tavola. Per avere una buona qualità di vita e un buon vissuto sessuale, scegliamo i piatti della nostra tradizione»
Prevenzione, Aurelio De Laurentiis: «Vorrei un Napoli Lab con medici a disposizione di tutti i napoletani»
«Combattiamo il turismo sanitario sfruttando l’attrattività del Napoli all’estero». Così il presidente del club partenopeo e proprietario del Bari, intervenuto all’Andro Day, che propone: «Insegniamo a fare prevenzione sin dalle scuole elementari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano