Salute 19 Aprile 2018

Giornata Nazionale della Salute della Donna, Fabi (oncologa): «Prevenire significa guarire. Curare una donna vuol dire tutelare la società»

Iniziative in programma fino al 22 aprile. «Il tumore della mammella, primo per incidenza tra le neoplasie femminili, può insorgere a qualsiasi età». Alessandra Fabi, oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma, invita tutta la popolazione femminile a partecipare alla giornata di prevenzione

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Tutelare la salute della donna significa tutelare la salute di un’intera comunità». Sono chiare le parole dello slogan scelto per promuovere la Giornata nazionale della Salute della Donna che, quest’anno, giunge alla sua terza edizione.

Che “la donna sia il fulcro della vita quotidiana” ne è convinta anche Alessandra Fabi, oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma che, insieme al San Gallicano e a tutti gli ospedali con il Bollino Rosa, offre gratuitamente servizi clinici, diagnostici e informativi nell’ambito della senologia, neurofisiologia, psichiatria, fisioterapia riabilitativa e alimentazione nelle donne con tumore al seno. Le iniziative di diagnosi e prevenzione continueranno fino al 22 aprile, data scelta per celebrare l’edizione 2018 dell’iniziativa nazionale.

«Si è deciso di dedicare un’intera giornata alla salute della donna – ha spiegato la dottoressa Fabi – per due fondamentali motivi. Innanzitutto perché il tumore della mammella, primo per incidenza tra le neoplasie femminili, può insorgere a qualsiasi età. Secondo, perché la donna ha un ruolo fondamentale non solo all’interno del suo nucleo familiare, ma anche a livello sociale».

La settimana è ricca di appuntamenti, dal nord al sud della penisola (tutti consultabili sul sito http://www.giornatasalutedonna.it/), incontri che culmineranno il 21 aprile, a Roma, con il Villaggio della Salute della Donna, allestito al Ministero della Salute (sede di Viale Giorgio Ribotta, 5), dalle 9.30 alle 17.

«Questa iniziativa – ha aggiunto l’oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma – vuole sottolineare l’importanza di un approccio multidisciplinare, soprattutto per il trattamento delle patologie oncologiche. Per affrontare un percorso di cura l’intervento dell’oncologo e dello psicologo non sono sufficienti. Ci vuole il supporto anche di un’altra figura che sia addetta alle cure supplementari. Uno specialista che sostenga il paziente durante il follow-up, quando cioè non è più malato ma è considerato un “paziente oncologico sano”, guarito.  Ed è proprio a tale scopo che indirizziamo i nostri pazienti verso dei centri specializzati in terapie complementari. Oggi, una donna che riceve una diagnosi di tumore fa delle richieste specifiche: vuole continuare a vivere e vuole farlo con dignità, mantenendo una certa qualità del quotidiano, non trascurando né i rapporti interpersonali, né quelli sociali».
Ma la Giornata nazionale della Salute della Donna non è nata solo per sostenere coloro che stanno già lottando contro la propria malattia. È dedicata anche alla prevenzione, a quelle donne che ancora non sanno di avere un male da sconfiggere. «Prevenire, sottoponendosi agli screening radiologi e sierologici, che vanno dall’ecografia, alla mammografia, fino al pap test – ha sottolineato Alessandra Fabi – significa guarire la paziente, precocizzare un processo tumorale. Con la prevenzione primaria, poi, che comprende l’adozione di stili di vita adeguati, si può addirittura evitare la comparsa della neoplasia. Sane abitudini – come smettere di fumare, seguire un’alimentazione corretta, fare attività fisica adeguata – che non vanno mai perse di vista». Nessuno deve abbassare la guardia, nemmeno chi la sua battaglia l’ha già vinta da tempo: «Una donna che ce l’ha fatta perché è guarita da un tumore, anche dopo 10 anni – ha concluso l’oncologa – deve continuare a volersi bene».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Defibrillatori e Pacemaker impiantabili, una cuffia abbatte fino al 90% le infezioni CIED ospedaliere
Nell’impianto di pacemaker e defibrillatori (Cied) le infezioni batteriche nella tasca chirurgica vengono abbattute al 61% se i dispositivi vengono prima avvolti in una membrana hi tech, impregnata da antibiotici a rilascio controllato, del costo di 1.000 euro. Un risultato enorme per vite umane salvabili (in Italia alcune migliaia di morti all’anno) e per abbattimento […]
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Glaucoma, per la Settimana mondiale visite gratuite. Otto persone a rischio su dieci non vanno dall’oculista
Il messaggio del ministro Grillo: «Bene la task force creata dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI) e la Società Italiana Glaucoma (SIGLA) per “combattere il ladro silente della vista”»
Labbro leporino, la missione umanitaria in Senegal diventa un docu-film. Il chirurgo Maestrini: «Così regaliamo un sorriso ai più piccoli»
Il giovane medico è il protagonista della pellicola “Sulla strada giusta - rinascere medico in Senegal”, dedicata alla missione chirurgica della Onlus Emergenza Sorrisi e prodotta in collaborazione con il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione ed il sostegno di Consulcesi Onlus. Il 7 marzo a Roma la presentazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone