Salute 30 Maggio 2019 15:45

Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»

Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore

di Isabella Faggiano
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»

«Se avete dei sogni non permettete alla sclerosi multipla di essere un limite o una scusa per non realizzarli». Eleonora ha 25 ed ha ricevuto la sua diagnosi quando ne aveva 20. Oggi, mentre racconta la sua storia non smette mai di guardarti dritto negli occhi: «La sclerosi multipla – dice -, a cinque anni dalla sua comparsa, è riuscita addirittura a migliorare la mia vita. Ho scoperto di possedere delle qualità finora sconosciute anche a me stessa: la forza e la determinazione». Doti, che con quel suo modo di fare, sicuro di sé, riesce a dimostrare sin dal primo incontro.

«Certo – confessa – ho vissuto anche dei momenti di debolezza, soprattutto all’inizio. Quando ho ricevuto la diagnosi ho avuto molta paura, ho cominciato a piangere un po’ come quando ero bambina: era la cosa più grande e difficile che mi fossi trovata a gestire nei miei 20 anni di vita». Ed Eleonora, per affrontare ed accettare la sua malattia, ha avuto pochissimo tempo a disposizione: dal primo malessere all’amara sentenza dei medici sono trascorse solo tre settimane.

«Anche io sono stata colpita da quei sintomi cosiddetti invisibili, gli stessi al centro della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla 2019». Per l’occasione, quest’anno è stata lanciata la campagna #MyInvisibileMS, per sensibilizzare sull’invisibilità dei sintomi della Sclerosi Multipla, per contrastare i luoghi comuni e aiutare le persone a fornire il giusto supporto (worldmsday.org).

Vista appannata e poi sdoppiata, in termini tecnici neurite ottica e diplopia, sono stati i primi segnali della malattia di Eleonora. Inizialmente, è stata formulata una diagnosi di disturbo oculare, poi, con la comparsa di una parestesia alla gamba sinistra è subentrato il sospetto che potesse trattarsi di un disturbo neurologico. La risonanza magnetica ha confermato la temuta diagnosi: sclerosi multipla.

Questa grave malattia del sistema nervoso centrale è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali. Cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante, colpisce una persona ogni 3 ore, soprattutto tra i 20 e i 40, in maggioranza donne con un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini. Le persone affette da questa patologia nel mondo sono 3 milioni, 700 mila in Europa e 122 mila in Italia. Tutti individui che, come Eleonora, dovranno fare i conti con la propria malattia per tutta la vita: «Dopo il primo mese di difficoltà – racconta la giovane – ho cominciato ad accettare l’idea che la sclerosi multipla non mi avrebbe mai più abbandonata». Così da questo “nemico” inatteso ha imparato molte cose: «La mia malattia mi ha insegnato a dare importanza solo alle cose che realmente lo meritano – dice Eleonora -. A 20 anni ce la prendiamo per nulla e dedichiamo troppo tempo a situazioni che non ne meriterebbero, ci arrabbiamo troppo spesso, perdiamo troppe energie in discussioni futili».

LEGGI: SCLEROSI MULTIPLA E OROLOGIO CIRCADIANO: SCOPERTO UN POSSIBILE LEGAME NELL’INSORGENZA DELLA MALATTIA

Ed è in questo stesso periodo che Eleonora ha incontrato Aism, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla: «Cercavo delle informazioni affidabili sulla mia patologia e mi sono imbattuta nel blog “Giovani oltre la SM”, nato da un gruppo di ragazzi con voglia di raccontarsi, di condividere le proprie vite ed accoglierne altre. Ho deciso di lasciare la mia testimonianza, rispondendo così a quell’esigenza di dar voce alla mia sofferenza. Ho ricevuto molte risposte che mi hanno aiutato a superare questo momento molto complicato della mia esistenza: parlare e scrivere è il primo passo per affrontare la malattia e per accettarla, farlo poi con persone che hanno il tuo stesso problema ti fa sentire compresa».

Ma l’impegno di Eleonora è andato oltre: ha deciso di diventare una volontaria a tutti gli effetti, prima collaborando con la sezione giovani di Aism, poi con la sede territoriale romana, fino all’incarico di membro del consiglio direttivo provinciale. «Il volontariato ti dona più dell’impegno personale che offri. Vedi con i tuoi occhi come la sclerosi multipla, colpisca le persone in modo differente. Io, ad esempio, ultimamente ho iniziato a fare i conti con un po’ di problemi di memoria, difficoltà raccontata anche sul blog in maniera ironica: spesso giro con l’agenda che mi aiuta a ricordare, ma altrettanto spesso dimentico l’agenda stessa. Ne ho parlato anche con i miei cari in modo che possano essere i miei promemoria viventi. Più in generale, mi ritrovo ad affrontare un senso di fatica maggiore nei periodi di forte stress, ma nonostante ciò non mi risparmio e non rinuncio alla mia vita». Ovviamente, anche grazie alle cure periodiche: «Mi sottopongo ad una terapia infusionale ogni 40 giorni che – assicura – non ha alcun impatto negativo sulla mia vita, né da un punto di vista psicologico, né fisico».

Anzi, tutto questo le offre la forza di andare avanti, di progettare e sognare: «Dal mese di luglio sono stata assunta in un’azienda farmaceutica e vorrei continuare la mia carriera nel marketing. Contemporaneamente, sono certa di voler essere una volontaria a vita. Dal punto di vista personale, invece, sono diventata molto più fatalista: mi affido al caso senza progettare troppo, perché la vita è imprevedibile nel bene e nel male».

E tutta questa voglia di vivere Eleonora non può che trasmetterla agli altri: «Se mi dovessi trovare di fronte ad una persona che ha appena ricevuto una diagnosi penserei alla me di 5 anni fa e le direi: “Tu non sei la sclerosi multipla, tu non sei la tua patologia. Devi continuare a seguire i tuoi progetti e ad impegnarti per realizzarli. Non devi permettere alla patologia di definire chi sei perché, prima ancora di essere paziente, sei una persona, ricca di emozioni, sogni e sentimenti».

Articoli correlati
“Emergenza Covid e diritto al welfare”: il 10 marzo giornata di ascolto della associazioni organizzata dall’Ordine TSRM PSTRP di Roma
L'evento è in programma dalle 16 su piattaforma Gotowebinar. Tra gli ospiti dell’incontro Elena Patrizia Improta, Presidente Onlus Oltre Lo Sguardo e Giampiero Griffo, Coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
Piano vaccinale anti-Covid, a che punto siamo su disabilità e RSD
Il punto della situazione su Lombardia e Veneto. Uneba: «Attenzione dalle istituzioni, ma la campagna va a rilento». IRPEA: «Si procede a macchia di leopardo, soffriamo mancanza di coordinamento regionale»
Disabilità, Falabella (FISH): «Ora vaccini a disabili e caregiver. Con l’emergenza famiglie abbandonate»
La Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap ha incontrato il neo Ministro alla Disabilità Erika Stefani. Sul piano vaccinale la proposta di dare priorità ai disabili attraverso la legge 104 che delinea lo stato di gravità. Il Presidente Falabella: «Occorre passare da un sistema di protezione a un sistema di riconoscimento dei diritti e di inclusione»
Dopo di noi, a Roma la legge diventa realtà: 4 villette e un immenso giardino
Il presidente della Spes contra Spem: «Siamo nella fase iniziale del progetto. Operatori qualificati incontrano, di pomeriggio e nei weekend, alcuni disabili per guidarli nel raggiungimento della maggiore autonomia consentita dalla loro personale condizione. Entro un anno, sarà formato il gruppo finale che vivrà stabilmente all’interno di uno degli appartamenti»
di Isabella Faggiano
Trial clinici, la storia di Daniele: paure e speranze di chi mette la propria vita nelle mani della ricerca
Daniele ha 14 anni. Ha ricevuto la diagnosi definitiva di distrofia muscolare di Duchenne quando ne aveva soltanto uno. Ha dovuto compierne dieci per avere la possibilità di partecipare ad un trial clinico. A Sanità Informazione, il racconto di papà Fabio: «Un trial non è la soluzione, ma un’opportunità a cui non ci si può sottrarre»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...