Salute 22 Marzo 2018

Giornata Mondiale Acqua, Lucentini (Iss): «Rubinetto o bottiglia, quelle italiane sono sicure. Beviamo in tranquillità»

Il direttore del Reparto Igiene Acque Interne dell’Istituto Superiore di Sanità rassicura dopo la ricerca che ha individuato microplastiche in alcune marche straniere: «Sistemi di controllo e dati di riscontro epidemiologico affermano il contrario»

Immagine articolo

Il 22 marzo non è un giorno come un altro. È il giorno della Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dall’Onu nel 1992 per celebrare quella che è la principale fonte di vita del pianeta, sempre più minacciata dall’inquinamento e dalla crescente siccità. Quello che per noi occidentali è un bene ormai quasi dato per scontato, è invece ancora causa di morte nel terzo mondo: l’Unicef ha calcolato che ogni giorno oltre 700 bambini muoiono per malattie legate ad acqua non pulita e scarse condizioni igienico-sanitarie. E ancora oggi nel mondo circa 2,1 miliardi di persone non hanno accesso ad acqua pulita. L’acqua dunque resta un ‘lusso’ per miliardi di persone in tutto il mondo. Un motivo in più per prendersi cura dell’acqua ‘nostrana’, quella di mari e fiumi ma anche quella della disastrata rete idrica italiana che, nonostante tutto, garantisce una delle migliori acque del mondo. «L’acqua di rubinetto proviene per l’85% da giacimenti sotterranei e quindi è sicura nell’ambiente di produzione. Abbiamo dei meccanismi che ne salvaguardano la qualità fino al rubinetto di utenza. Beviamo in tranquillità e soprattutto beviamo», afferma a Sanità Informazione Luca Lucentini, Direttore Reparto Igiene Acque Interne Istituto Superiore di Sanità.

Dottor Lucentini, l’acqua è fonte di vita ma può essere anche fonte di problemi. La rete idrica italiana com’è messa?

«È vero. Una delle maggiori forme di prevenzione sanitaria collettiva è la protezione della qualità dell’acqua al consumo. La rete italiana è messa a livello infrastrutturale abbastanza male. Sappiamo tutti di una media che arriva in qualche caso al 50% di perdite e quindi gestire in sicurezza questa infrastruttura non è sempre facile. Si sono perciò adottati dei criteri che vanno in prevenzione assoluta e controllano anche i rischi connessi alla distribuzione. Però è un elemento di rischio essenziale».

Acqua e salute è un binomio inscindibile. Eppure nell’acqua si annidano dei batteri formidabili come ad esempio la legionella. Cosa si sta facendo per prevenire queste infezioni?

«Si sta facendo molto. Si sono compresi i meccanismi che presiedono la presenza e la proliferazione di questi microrganismi e sono state messe a punto tecniche di disinfezione. Ma attualmente c’è un’attenzione proprio alla sicurezza della rete di distribuzione dalla progettazione alla gestione. Normative specifiche sono in piedi, quindi siamo confidenti che questi rischi siano considerevolmente mitigati nel breve-medio periodo».

LEGGI ANCHE: ACQUA DI CASA: I DIECI CONSIGLI PER MIGLIORARNE LA QUALITÀ E NON SPRECARLA

Negli ultimi tempi si è tornato a parlare di questo grande binomio acqua di rubinetto – acqua nelle bottiglie di plastica. Il tema è tornato di grande attualità perché una ricerca americana ha rilevato la presenza di microplastiche in diverse marche straniere di acqua. È rischioso bere acqua dalla bottiglia di plastica?

«Assolutamente no. Questo tipo di informazioni, anche se non sono ancora passate al vaglio della letteratura scientifica specializzata, sono indicazioni sulla ricerca. Che poi questo si trasformi in rischio per la popolazione è assolutamente tutto da dimostrare. Direi che possiamo bere in tranquillità perché i sistemi di controllo e i dati di riscontro epidemiologico affermano assolutamente il contrario. Che poi dobbiamo ricercare sempre nuove potenziali fonti di rischio, questo è innegabile».

L’acqua di rubinetto italiana com’è? È sicura, fa bene?

«È ottima. L’acqua di rubinetto proviene per l’85% da giacimenti sotterranei e quindi è sicura nell’ambiente di produzione e poi abbiamo dei meccanismi che ne salvaguardano la qualità fino al rubinetto di utenza. Beviamo in tranquillità e soprattutto beviamo».

Parliamo delle acque di balneazione. La situazione è forse più critica su questo fronte…

«C’è un’attenzione importante alla depurazione perché la qualità delle acque di balneazione dipende da quella. Per questo spostiamo l’attenzione da tempo a questo tipo di sistemi. Oltre che a controllare devo dire capillarmente le acque di balneazione. Anche lì i progressi sono notevoli anche se permangono delle sacche che necessitano di miglioramento».

Ma ci si può ammalare facendo il bagno nell’acqua sbagliata?

«È molto raro. Sono comunque in genere danni transitori che comunque è bene evitare».

Articoli correlati
Milano, il SiMPeF presenta l’evento “Adolescenza quella terra di nessuno”
L’adolescenza rappresenta il passaggio dallo stato infantile a quello adulto. È una fase caratterizzata dal cambiamento e, come ogni periodo di transizione, rappresenta un periodo critico nella vita di ogni individuo, in cui ansia e senso di inadeguatezza sono all’ordine del giorno. Per questo, il SiMPeF (Sindacato Medici Pediatri di Famiglia) ha organizzato l’evento “Adolescenza […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone