Salute 28 Febbraio 2019

Giornata dell’udito, la onlus “Nonno Ascoltami! – Udito Italia” celebra l’evento al Ministero della Salute

In occasione del World Hearing Day promosso dall’Oms, “Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus” organizza per il quarto anno consecutivo la Giornata dell’Udito venerdì 1 marzo al Ministero della Salute. Un meeting tra i maggiori esperti del settore per mettere a punto strategie di sensibilizzazione e prevenzione dell’ipoacusia

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) lancia l’allarme: il 50% delle persone di età compresa tra i 12 e i 35 anni, ovvero oltre un miliardo di giovani, rischia danni all’udito a causa della prolungata esposizione a suoni forti, compresa la musica ascoltata in cuffia.

In occasione del World Hearing Day che l’OMS celebra in tutto il mondo ogni 3 marzo e recependo l’esortazione dell’OMS, “Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus” organizza per il quarto anno consecutivo, la Giornata dell’Udito venerdì 1 marzo 2019 al Ministero della Salute di via G. Ribotta in Roma. L’evento sarà un importante momento di studio con i maggiori esperti del settore, che si confronteranno sulle gravi patologie del nostro orecchio, per mettere a punto strategie di sensibilizzazione e prevenzione. L’incontro sarà moderato dal giornalista del TG5 Salute, Luciano Onder, spiegando l’importanza della prevenzione e di azioni mirate e tempestive contro l’ipoacusia.

Tutto il mondo dell’udito (l’OMS, le istituzioni politiche, le società scientifiche di Otorinolaringoiatria, le associazioni di pazienti, il mondo della scuola) saranno presenti, per portare il proprio contributo e per elaborare progetti condivisi. I lavori saranno aperti dai saluti istituzionali dei rappresentanti del Ministero della Salute, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dall’intervento dell’OMS sul tema del World Hearing Day 2019: “Check your Hearing”.

Durante la giornata, sarà consegnato il riconoscimento di “Ambasciatore della Prevenzione 2019” al noto attore Antonello Fassari, che grazie alla sua sensibilità, contribuirà a diffondere il messaggio di prevenzione di “Nonno Ascoltami!”. L’impegno di Fassari si aggiunge a quello di Lino Banfi e Bruno Vespa, già ambasciatori delle campagne della onlus. Saranno presentate tutte le iniziative di prevenzione dei disturbi uditivi: tra tutte, la campagna “L’Ospedale in Piazza” che quest’anno taglia l’importante traguardo delle dieci edizioni, con oltre 40 città coinvolte in tutta Italia e circa 10.000 persone che hanno eseguito screening uditivi. Nel corso della giornata sarà inoltre sottoscritto il Manifesto della prevenzione, promosso dall’OMS che sarà poi consegnato a Ginevra, nella sede dell’Organizzazione ed il professor Gaetano Paludetti, ordinario di Otorinolaringoiatria all’Università Cattolica e direttore dell’Area Testa Collo della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCSS, insieme alla sua equipe, effettuerà controlli gratuiti dell’udito ai dipendenti del Ministero della Salute.

Secondo gli esperti dell’Oms, oltre il 5% della popolazione mondiale – circa 466 milioni di persone – ha una riduzione dell’udito che incide sulla qualità della vita e si stima che entro il 2050 oltre 900 milioni di persone (ovvero 1 su 10) avrà una perdita uditiva disabilitante. La metà di tutti i casi di ipoacusia può però essere prevenuta, attraverso misure di sanità pubblica.

«È per questo – spiega Valentina Faricelli, presidente di “Nonno Ascoltami! – Udito Italia Onlus – che siamo impegnati in campagne di informazione, educazione e responsabilizzazione dei cittadini per diffondere l’importanza della prevenzione dei disturbi uditivi, avvicinando la sanità alla gente». «Quest’anno raggiungeremo – ha aggiunto il fondatore della Onlus, Mauro Menzietti – l’importante traguardo della decima edizione della nostra campagna di prevenzione in piazza, che ha ottenuto anche il prestigioso riconoscimento della Medaglia della Presidenza della Repubblica».

Dai dati Censis – OMS – Eurotrack, risulta che in Italia sono 7 milioni le persone con problemi di udito, corrispondenti all’11,7% della popolazione. Nel nostro Paese l’ipoacusia riguarda una persona su tre tra gli over 65: solo il 31% della popolazione ha effettuato un controllo dell’udito negli ultimi 5 anni, mentre il 54% non l’ha mai fatto. Solo il 25% di coloro che potrebbero averne beneficio usa l’apparecchio acustico, nonostante l’87% di chi ne fa uso, dichiari migliorata la propria qualità di vita.

Articoli correlati
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
Cina, una misteriosa epidemia di polmonite virale spaventa l’Oriente
Cinquantanove le persone contagiate in pochi giorni: la causa sembra essere un nuovo ceppo di coronavirus della stessa famiglia della Sars e della Mers. Allertati aeroporti e stazioni, l'Oms monitora la situazione
#UnGiornoCon | l’audioprotesista: il rapporto con il paziente inizia con l’applicazione del presidio
Qual è la giornata tipo di un audioprotesista? Lo abbiamo chiesto al dottor Emanuele Lucci, audioprotesista da più di trent’anni e direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti "Tecniche audioprotesiche" all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma
di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
Malattie rare, il 96,5% dei neonati ha avuto lo screening metabolico: nel 2012 erano il 25%
In Italia vengono ricercate oltre 40 malattie: Regno Unito, Francia e Spagna non arrivano a 10. Tutte le Regioni sono state veloci nell’adeguarsi alla legge 167/2016, manca solo la Calabria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...