Salute 25 Gennaio 2018 16:40

Al Gemelli nel 2017 oltre 46mila pazienti oncologici, 2mila in più rispetto al 2016. I numeri del Libro Bianco

Un e-book multimediale con filmati, storie e informazioni costantemente aggiornate per rispondere alle domande che si pongono i pazienti oncologici nel percorso quotidiano all’interno del Policlinico

Nel 2017 oltre 46mila persone malate di tumore, soprattutto donne (63,22%) hanno scelto di curarsi al Policlinico universitario Gemelli di Roma, dove sono state eseguite più di un milione di prestazioni ambulatoriali e 22mila ricoveri. Il 49,92% delle prestazioni ambulatoriali ha interessato l’attività di laboratorio, il 24,72% la radioterapia, il 9,74% l’oncologia medica e la radioterapia, il 4,53% la radiologia, l’11,08% altre branche cliniche.

Dal 2011 al 2015 il personale docente e non della Fondazione Gemelli ha pubblicato 648 articoli in campo oncologico sui più importanti siti scientifici, con 16.383 citazioni. Dal 2013 al 2017 sono stati sottoposti a valutazione più di 350 studi clinici in ambito oncologico, 72 solo nel 2017, di cui 27 di natura profit, finanziati da aziende farmaceutiche, e 45 di natura non profit, finanziati da enti o istituzioni pubblici e/o privati

Sono i numeri del ‘Libro Bianco dell’oncologia del Gemelli‘, arrivato alla seconda edizione, presentato oggi al Policlinico. Si tratta di un e-book multimediale, consultabile e scaricabile dal sito

www.policlinicogemelli.it , che descrive tutte le attività nell’ambito della cura e della ricerca contro i tumori sviluppate presso il Gemelli. È un libro elettronico che raccoglie filmati, è facilmente aggiornabile con ogni informazione che verrà messa a disposizione e racconta storie di pazienti, di sanitari e volontari che intorno alla problematica oncologica si impegnano ogni giorno per dare una risposta esaustiva e accogliente ai pazienti che lottano con questa malattia.

«Quando si parla di oncologia – spiega Vincenzo Valentini, Direttore del Polo scienze oncologiche ed ematologiche della Fondazione policlinico universitario Gemelli e ordinario di Radioterapia all’Università Cattolica – si avverte subito la necessità di doversi relazionare con esigenze molto complesse di uomini, donne, giovani e anziani che sentono minacciata la loro vita e cercano un aiuto affidabile e accogliente alla loro inquietudine. Con questo Libro Bianco si è realizzato uno strumento di comunicazione per cercare di rispondere alle domande che si pongono i pazienti oncologici nel percorso quotidiano che un volume rilevante e crescente di persone compie nel Policlinico».

Per l’occasione Monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano e Presidente dell’Istituto Giuseppe Toniolo di studi superiori, ha tenuto una lectio mentre, ad aprire e concludere i lavori sono intervenuti il Presidente della Fondazione Gemelli Giovanni Raimondi e il Rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli.

Articoli correlati
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
La vita oltre il cancro: le piccole pazienti guardano al futuro e sognano la maternità
All’ambulatorio di Oncofertilità del Gemelli di Roma il primo prelievo di tessuto ovarico per la crioconservazione su paziente minorenne, Nanni (chirurgo pediatrico): «La chemioterapia può compromettere la fertilità, così è stata offerta alla bambina ed alla sua famiglia la possibilità di accedere a questo programma di crioconservazione»
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Tumore al seno e oncologia territoriale: le dieci priorità delle associazioni dei pazienti alle istituzioni
Il documento riunisce per la prima volta le proposte di A.N.D.O.S. onlus, Europa Donna Italia, F.A.V.O. Donna Incontra Donna onlus e Salute Donna onlus, per una presa in carico territoriale più vicina alle pazienti e alle loro famiglie
Tumori, presto nuovo reparto di radioterapia all’Asl Roma 4
Fra 2-3 anni verrà aperto nell'Asl Roma 4 un nuovo servizio di radioterapia per i pazienti oncologici
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi