Salute 19 gennaio 2016

Formazione e informazione, ecco le armi per combattere malasanità e calo vaccini

Piernicola Pedicini, capodelegazione del Movimento 5 Stelle a Bruxelles: «Ripristinare fiducia tra classe medica e cittadini»

Immagine articolo

Il dato di fatto c’è, incontrovertibile e allarmante. L’OMS, numeri alla mano, ha denunciato il calo a livello internazionale delle vaccinazioni più importanti». A parlare è Piernicola Pedicini, capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.


Mentre la battaglia ideologica tra favorevoli e contrari ai vaccini si fa sempre più accesa e scuote l’opinione pubblica, le istituzioni, nazionali e internazionali, non possono e non restano a guardare. La posta in gioco è infatti troppo alta: invece di debellare definitivamente alcuni virus si rischia che altri, da tempo sopiti, tornino a mietere vittime.

«Il calo ha come prima conseguenza quella di ostacolare il raggiungimento di un obiettivo comune: debellare determinate malattie – attacca Pedicini -. Una situazione originata da tanti fattori, tra cui una cattiva o parziale informazione, cui gli Stati membri dovranno far fronte. Il punto, però – continua -, è che ogni Stato membro ha un approccio diverso per raggiungere l’obiettivo di copertura vaccinale. In Italia si è adottato, ad esempio, il metodo della obbligatorietà per quattro vaccini: la poliomielite, la difterite, l’epatite B e il tetano, su altri c’è una forte raccomandazione, e su quello contro l’influenza c’è una raccomandazione solo per le categorie più a rischio. Altri Stati europei – aggiunge il capodelegazione – tra cui Germania, Svezia, Inghilterra e Spagna, non adottano affatto l’obbligatorietà ma solo la forte raccomandazione. La questione è: qual è lo strumento politico più idoneo per ottenere una copertura vaccinale in linea con quanto dettato dall’OMS? L’Italia, abbiamo detto, contempla sia l’obbligatorietà che la raccomandazione, ma di fatto si vendono e si somministrano vaccini, come quello esavalente, che comprende non solo i quattro obbligatori ma anche quelli raccomandati. Questo – spiega – genera una mancanza di fiducia che a sua volta si traduce nel calo delle vaccinazioni. Noi puntiamo a ricostruire quel rapporto di fiducia tra i pazienti e il mondo della medicina, e difendendolo dalle ingerenze, troppo spesso interessate, delle case farmaceutiche».

Determinante in questo senso il ruolo del personale sanitario e di una sua corretta formazione e informazione. Lei al Parlamento europeo è stato autore insieme ad altri di un atto importante, nei mesi scorsi, su un’assistenza sanitaria più sicura in Europa.
«Nell’atto che abbiamo presentato – illustra Pedicini – i pilastri fondamentali sono la sicurezza in sanità e la lotta agli eventi avversi in sanità, quella contro la resistenza agli antibiotici e agli antimicrobici in generale, e a tutto il contesto che in Italia riassumiamo con “malasanità”. Sicuramente trascurare il criterio della meritocrazia in sanità aumenta le probabilità di evento avverso, così come lo aumentano le politiche di austerity. Il fattore che incide di più, tuttavia, è indubbiamente la formazione del personale sanitario e l’informazione della popolazione».

A proposito di formazione, emblematico il caso di Ebola… Proprio in questi giorni è arrivato l’annuncio ufficiale: l’OMS, dopo oltre due anni, ha dichiarato la fine dell’epidemia in Africa. Ma come è noto, Ebola è un virus che dal 1976 fa ritorno periodicamente sul territorio africano. Questa consapevolezza impone, per il futuro, di non abbassare mai la guardia. Sul tema è stato realizzato anche un film formativo – intitolato e-bola – per insegnare, con un metodo innovativo, come gestire questo tipo di pandemie.
«Spesso le situazioni d’emergenza – spiega il parlamentare – costringono a prendere contromisure che poi fanno scuola, e diventano un modello da utilizzare anche nella normalità. Ebola è stato combattuto attraverso la formazione del personale medico e paramedico, ma anche informando la popolazione. Questa sinergia – conclude – ha dato i suoi frutti ed ha insegnato a gestire meglio anche le situazioni di non-emergenza».

Articoli correlati
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...