Salute 10 Aprile 2019 10:25

Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»

Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»

di Isabella Faggiano
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»

«Sono poche le persone che ricorrono all’eutanasia o al suicidio medicalmente assistito, anche in quei Paesi in cui è stata approvata una legge in materia». Lo dice Italo Penco, presidente della Sicp, la Società Italiana di Cure Palliative, per sottolineare che «approvare una legge sull’eutanasia non è così importante per l’Italia. Piuttosto – aggiunge Penco – bisognerebbe impegnarsi affinché le normative vigenti trovino una piena applicazione».

Un parere completamente opposto a quello espresso di recente dal ministro della Salute, Giulia Grillo, che ha definito La legge sull’eutanasia «assolutamente prioritaria. Abbiamo aspettato tanto – aveva dichiarato, in occasione della presentazione del Rapporto al Parlamento sulle cure palliative – e ora c’è anche una sollecitazione dalla Corte Costituzionale. Non so cosa serva ancora per spingere il Parlamento a legiferare».

Eppure per il presidente della Sicp la soluzione sarebbe racchiusa proprio nelle cure palliative «ancora troppo poco conosciute dalla maggior parte dei cittadini. La formazione – commenta Italo Penco ai microfoni di Sanità Informazione – è ancora indietro rispetto a quanto previsto dalla legge e le reti di cure palliative non sono ancora sviluppate in maniera omogenea su tutto il territorio. È evidente che se il malato viene lasciato solo con la sua sofferenza sarà più facilmente indotto a chiedere di mettere fine alla sua vita. Una richiesta di eutanasia o di suicidio medicalmente assistito avviene laddove non ci sono alternative».

LEGGI ANCHE: FINE VITA, MAURIZIO MORI (CONSULTA BIOETICA): «LEGGE SUL TESTAMENTO BIOLOGICO E’ BUONA MA APPLICAZIONE ANCORA LONTANA»

Tuttavia, anche quando le cure palliative saranno pienamente disponibili su tutto il territorio nazionale, pur riducendo il ricorso all’eutanasia, non lo annullerebbero. «È indubbio – dice Itaolo Penco – che esistono delle situazioni particolari in cui, nonostante la possibilità di ricorrere alle cure palliative attive, il malato è talmente sofferente da non essere più in grado di tollerare il suo stato di malattia e pertanto richiederà di morire anticipatamente. Si tratta di casi che andrebbero studiati più attentamente da un punto di vista sia scientifico che epidemiologico per poter dare delle risposte. Questo perché le cure palliative per definizione “non prolungano la vita e non cercano nemmeno di ridurla”».

Una nuova legge creerebbe ulteriore confusione su un argomento già poco chiaro per molti cittadini. «Per il momento – sottolinea il presidente Sics – siamo contrari ad una legge così come è stata impostata: i primi due articoli relativi all’autodeterminazione del paziente sono stati già superati dalla Legge 219 sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat)».

La priorità dovrebbe essere provvedere all’applicazione delle leggi già in vigore anche per poter effettuare una reale analisi dei bisogni dei cittadini: «Solo quando le leggi saranno attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora, solo in quel momento – conclude Penco – sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia».

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Fine vita, Commissione Sanità Puglia approva proposta di legge regionale. Amati (Pd): «Siamo i primi in Italia, ora subito in Aula»
«Spero che le altre regioni seguano l’esempio italiano e mi attendo un immediato esame in Consiglio regionale, anche rinviando di qualche giorno le ferie» sottolinea il consigliere regionale dem Fabiano Amati
«Non serve una legge statale per garantire il suicidio assistito». La proposta del Pd pugliese per superare lo stallo
Una proposta di legge regionale di Fabiano Amati (Pd) punta a garantire in Puglia il suicidio medicalmente assistito. Spiega Amati: «L’aiuto alla morte per persone malate terminali è già una prestazione prevista dall’ordinamento in virtù della sentenza della Corte costituzionale 242 del 2019, le regioni hanno solo bisogno di norme organizzative». Nel testo viene garantita l’assistenza gratuita del SSN
Cure palliative: solo 1 paziente con ictus su 5 riceve consultazione
Rosaria Alvaro (SISI): «Necessaria maggiore cultura di questi trattamenti». Con il nuovo corso Consulcesi Club i camici bianchi ampliano il loro sguardo su cure palliative
Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»
La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...