Salute 10 Aprile 2019

Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»

Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Sono poche le persone che ricorrono all’eutanasia o al suicidio medicalmente assistito, anche in quei Paesi in cui è stata approvata una legge in materia». Lo dice Italo Penco, presidente della Sicp, la Società Italiana di Cure Palliative, per sottolineare che «approvare una legge sull’eutanasia non è così importante per l’Italia. Piuttosto – aggiunge Penco – bisognerebbe impegnarsi affinché le normative vigenti trovino una piena applicazione».

Un parere completamente opposto a quello espresso di recente dal ministro della Salute, Giulia Grillo, che ha definito La legge sull’eutanasia «assolutamente prioritaria. Abbiamo aspettato tanto – aveva dichiarato, in occasione della presentazione del Rapporto al Parlamento sulle cure palliative – e ora c’è anche una sollecitazione dalla Corte Costituzionale. Non so cosa serva ancora per spingere il Parlamento a legiferare».

Eppure per il presidente della Sicp la soluzione sarebbe racchiusa proprio nelle cure palliative «ancora troppo poco conosciute dalla maggior parte dei cittadini. La formazione – commenta Italo Penco ai microfoni di Sanità Informazione – è ancora indietro rispetto a quanto previsto dalla legge e le reti di cure palliative non sono ancora sviluppate in maniera omogenea su tutto il territorio. È evidente che se il malato viene lasciato solo con la sua sofferenza sarà più facilmente indotto a chiedere di mettere fine alla sua vita. Una richiesta di eutanasia o di suicidio medicalmente assistito avviene laddove non ci sono alternative».

LEGGI ANCHE: FINE VITA, MAURIZIO MORI (CONSULTA BIOETICA): «LEGGE SUL TESTAMENTO BIOLOGICO E’ BUONA MA APPLICAZIONE ANCORA LONTANA»

Tuttavia, anche quando le cure palliative saranno pienamente disponibili su tutto il territorio nazionale, pur riducendo il ricorso all’eutanasia, non lo annullerebbero. «È indubbio – dice Itaolo Penco – che esistono delle situazioni particolari in cui, nonostante la possibilità di ricorrere alle cure palliative attive, il malato è talmente sofferente da non essere più in grado di tollerare il suo stato di malattia e pertanto richiederà di morire anticipatamente. Si tratta di casi che andrebbero studiati più attentamente da un punto di vista sia scientifico che epidemiologico per poter dare delle risposte. Questo perché le cure palliative per definizione “non prolungano la vita e non cercano nemmeno di ridurla”».

Una nuova legge creerebbe ulteriore confusione su un argomento già poco chiaro per molti cittadini. «Per il momento – sottolinea il presidente Sics – siamo contrari ad una legge così come è stata impostata: i primi due articoli relativi all’autodeterminazione del paziente sono stati già superati dalla Legge 219 sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat)».

La priorità dovrebbe essere provvedere all’applicazione delle leggi già in vigore anche per poter effettuare una reale analisi dei bisogni dei cittadini: «Solo quando le leggi saranno attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora, solo in quel momento – conclude Penco – sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia».

Articoli correlati
Suicidio assistito, perché no/ Garavaglia (Com. Bioetica): «Consulta è entrata in campo ‘etico’, così rende inutile Servizio sanitario»
L’ex ministro della Salute, membro del Comitato dio Bioetica, contesta la decisione della Corte Costituzionale sul fine vita: «La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini»
Eutanasia, 4mila medici cattolici pronti all’obiezione di coscienza. Attesa per la decisione della Consulta
«Il codice deontologico e la prassi medica - ricorda il vicepresidente Amci Giuseppe Battimelli - non prevedono di favorire in qualsiasi caso la richiesta di morte del paziente». Prevista per oggi pomeriggio la decisione dei giudici della Consulta sulla punibilità dell'aiuto al suicidio
Papa Francesco incontra FNOMCeO: «Non perdere di vista dignità e fragilità del malato». E lancia appello contro eutanasia
Delegazione della Federazione dei Medici e Odontoiatri ricevuta dal Pontefice. Sul fine vita cita la Nuova Carta per gli Operatori Sanitari e chiede di «respingere la tentazione di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato»
Governo, Trizzino (M5S): «Bene Conte. Cure palliative e riorganizzazione medicina territoriale tra le mie priorità»
L’ex Direttore dell’Ospedale Civico di Palermo, deputato Cinque Stelle della Commissione Affari Sociali, si dice «profondamente convinto» dalle parole del Presidente del Consiglio. Nei mesi scorsi aveva contribuito a far bloccare lo spot contro i medici andato in onda sulle reti Rai. Ora è candidato per un posto da sottosegretario alla Salute
Governo, De Filippo (PD): «Bene Conte e Speranza, ci sarà attenzione in Bilancio per la sanità»
L'ex sottosegretario, capodelegazione dem in Commissione Affari sociali, promuove il discorso del premier in Aula. Sui lavori in Commissione, annuncia, si riparte da «eutanasia, caregiver, assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...