Salute 10 Aprile 2019 10:25

Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»

Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»

di Isabella Faggiano
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»

«Sono poche le persone che ricorrono all’eutanasia o al suicidio medicalmente assistito, anche in quei Paesi in cui è stata approvata una legge in materia». Lo dice Italo Penco, presidente della Sicp, la Società Italiana di Cure Palliative, per sottolineare che «approvare una legge sull’eutanasia non è così importante per l’Italia. Piuttosto – aggiunge Penco – bisognerebbe impegnarsi affinché le normative vigenti trovino una piena applicazione».

Un parere completamente opposto a quello espresso di recente dal ministro della Salute, Giulia Grillo, che ha definito La legge sull’eutanasia «assolutamente prioritaria. Abbiamo aspettato tanto – aveva dichiarato, in occasione della presentazione del Rapporto al Parlamento sulle cure palliative – e ora c’è anche una sollecitazione dalla Corte Costituzionale. Non so cosa serva ancora per spingere il Parlamento a legiferare».

Eppure per il presidente della Sicp la soluzione sarebbe racchiusa proprio nelle cure palliative «ancora troppo poco conosciute dalla maggior parte dei cittadini. La formazione – commenta Italo Penco ai microfoni di Sanità Informazione – è ancora indietro rispetto a quanto previsto dalla legge e le reti di cure palliative non sono ancora sviluppate in maniera omogenea su tutto il territorio. È evidente che se il malato viene lasciato solo con la sua sofferenza sarà più facilmente indotto a chiedere di mettere fine alla sua vita. Una richiesta di eutanasia o di suicidio medicalmente assistito avviene laddove non ci sono alternative».

LEGGI ANCHE: FINE VITA, MAURIZIO MORI (CONSULTA BIOETICA): «LEGGE SUL TESTAMENTO BIOLOGICO E’ BUONA MA APPLICAZIONE ANCORA LONTANA»

Tuttavia, anche quando le cure palliative saranno pienamente disponibili su tutto il territorio nazionale, pur riducendo il ricorso all’eutanasia, non lo annullerebbero. «È indubbio – dice Itaolo Penco – che esistono delle situazioni particolari in cui, nonostante la possibilità di ricorrere alle cure palliative attive, il malato è talmente sofferente da non essere più in grado di tollerare il suo stato di malattia e pertanto richiederà di morire anticipatamente. Si tratta di casi che andrebbero studiati più attentamente da un punto di vista sia scientifico che epidemiologico per poter dare delle risposte. Questo perché le cure palliative per definizione “non prolungano la vita e non cercano nemmeno di ridurla”».

Una nuova legge creerebbe ulteriore confusione su un argomento già poco chiaro per molti cittadini. «Per il momento – sottolinea il presidente Sics – siamo contrari ad una legge così come è stata impostata: i primi due articoli relativi all’autodeterminazione del paziente sono stati già superati dalla Legge 219 sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat)».

La priorità dovrebbe essere provvedere all’applicazione delle leggi già in vigore anche per poter effettuare una reale analisi dei bisogni dei cittadini: «Solo quando le leggi saranno attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora, solo in quel momento – conclude Penco – sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia».

Articoli correlati
Eutanasia, raggiunte le 500mila firme per il referendum. Speranza chiede alle Asl di applicare la sentenza della Consulta
L’ultimo appello pro eutanasia del cantautore Amedeo Grisi, affetto da Sla. Intanto prosegue l’iter del Ddl all’esame delle commissioni Affari sociali e Giustizia della Camera. Insorge il mondo cattolico, Mons. Paglia: «Una nuova forma di eugenetica»
di Francesco Torre
Cure palliative, AISLA Firenze: «Un diritto del malato grave»
Il racconto di un malato grave di SLA che ha scelto le Cure Palliative è disponibile al sito di AISLA Firenze 
Cure palliative pediatriche, in Italia trattato solo il 5% dei bambini con malattie incurabili
Elena Castelli (Fondazione Maruzza): «Se non possiamo guarire un bimbo dalla sua malattia, allora abbiamo il dovere di “curare” i sintomi che gli impediscono di vivere serenamente i suoi giorni»
di Isabella Faggiano
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
Eutanasia, Dl Riaperture e Sostegni bis, la settimana in Parlamento
Importanti audizioni in Commissione Affari Sociale sul disegno di legge sull’eutanasia: tra gli auditi il presidente del Comitato nazionale per la Bioetica Lorenzo D’Avack. Arriva in Aula alla Camera il Dl Riaperture
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco