Salute 20 Febbraio 2020 13:47

Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»

Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»

«Avere una normativa sul fine vita da un lato può dare nuove certezze a pazienti e operatori ma dall’altro può irrigidire i processi. Per questo parlarne è fondamentale per trovare il giusto equilibrio». Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università La Sapienza di Roma, ha presenziato a una delle giornate più significative del corso di formazione “Il rischio clinico e la gestione del contenzioso” organizzato dai professori Paola Frati, Vittorio Fineschi, Emanuela Turillazzi in collaborazione con Consulcesi e Sanità In-Formazione.

Il tema dell’incontro è di quelli caldi: “Il fine vita fra legge 219 e sentenza della Corte Costituzionale” e tra i relatori c’era una delle caregiver più famose d’Italia, Valeria Imbrogno, compagna di Dj Fabo, il ragazzo tetraplegico e cieco che scelse di morire con il suicidio assistito in Svizzera nel febbraio 2017.

«Da tempo – sottolinea Gaudio – anche quando ero presidente del corso di laurea in Medicina e Chirurgia avevo istituito dei corsi su questo perché chi si occupa scientificamente e professionalmente di queste materie, dal bioeticista al giurista all’anestesista rianimatore, che poi sono quelli che si trovano a diretto contatto con questi casi, vengano in aula a parlarne in maniera seria ai nostri studenti e ai nostri specializzandi».

La necessità per Gaudio è avere un serio dibattito a livello scientifico perché altrimenti il rischio è quello di essere in balìa delle informazioni, non sempre precise, dei mass media: «Il pericolo è che una informazione più superficiale e generica che viene trasmessa tramite i mezzi di comunicazione di massa non dia poi spazio a chi deve vivere di queste problematiche e ha il diritto di avere una formazione corretta. Credo sia molto importante fare questi convegni, aggiornare tutta la platea medica e gli operatori di settore con le ultime novità, come le sentenze della Corte Costituzionale e della Cassazione che portano nuovi elementi di dibattito che è importante conoscere».

Gaudio però è più cauto sulla necessità di un intervento normativo sul fine vita, come invece auspicato da Valeria Imbrogno: «Il problema è dibattuto. Da un lato queste tematiche sono in realtà sempre state affrontate nella pratica medica. Ogni giorno un rianimatore che si trova in un reparto con dei posti letto limitati deve fare le sue scelte e quindi fino ad ora tutto ciò è stato affidata alla coscienza e alla scienza del medico, dell’operatore. Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro. È giusto dibatterne e capire quale è la via migliore nell’interesse unico del malato».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Condivisione, formazione e aggiornamento: cos’è il portale “Cuore e…”
Ambrosio (AO Perugia): «Dopo l’eccellente riscontro di “Covid e Cuore”, estendiamo l’approfondimento a contenuti nuovi e diversi»
Ortottisti. Fiore (Aiorao): «Puntiamo alla presenza sul territorio, accanto a pediatri e medici di famiglia»
Dalla pandemia gli insegnamenti per un anno migliore, la presidente Aiorao: «L’emergenza ci ha mostrato il significato dell’aggregazione con le altre professioni, il ritrovarsi tutti sotto uno stesso ordine, pur mantenendo ognuno le proprie specificità professionali»
di Isabella Faggiano
Partito il corso TO CONVEY per insegnare la comunicazione digitale agli oncologi millennial
Del Mastro (Università Genova): «Nei corsi di laurea manca formazione su comunicazione, fondamentale per il rapporto medico-paziente»
Posticipare l’orario di ingresso a scuola: il rendimento degli studenti ci guadagna
Dormire di più aumenta il livello di attenzione e migliora le prestazioni scolastiche. È quanto ha dimostrato lo studio pilota coordinato dal Dipartimento di Psicologia della Sapienza Università di Roma e pubblicato sulla rivista Nature and Science of Sleep
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Lavoro

Vaccino anti-Covid a medici e operatori sanitari, in caso di scarsa adesione ci sarà l’obbligo?

Ricciardi e Anelli favorevoli all'obbligatorietà del vaccino se la risposta della categoria non dovesse essere adeguata. Ma è possibile imporlo? L’opinione di due costituzionalisti
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...