Salute 7 Marzo 2019

Donne, Margiotta (Farmaciste Insieme): «Con “Progetto Mimosa” aiutiamo le vittime di violenza» »

La vincitrice del titolo “Farmacista dell’Anno” 2018 spiega ai nostri microfoni in cosa consiste il progetto a tutela delle donne maltrattate e quali sono le prossime iniziative dell’associazione

di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Immagine articolo

«L’80% della clientela delle farmacie è composto da donne. Entrano come madri, figlie e mogli. Quale miglior canale dunque della farmacia per veicolare informazioni che possono aiutare una donna in difficoltà ad uscire da una brutta situazione?». La dottoressa Angela Margiotta, Presidente dell’associazione “Farmaciste Insieme”, spiega così ai nostri microfoni l’idea nata alcuni anni fa di allestire nelle farmacie napoletane degli angoli informativi con brochure a disposizione di donne che subiscono violenza. Questi volantini informativi contengono indicazioni e contatti di associazioni che aiutano le donne ad uscire da situazioni del genere. Ma il “Progetto Mimosa” (questo il nome dell’iniziativa) è stato ormai esteso a tutto il territorio italiano ed ha riscosso così tanto successo da valere alla dottoressa Margiotta il titolo di “Farmacista dell’anno”, premio conferitole nel corso di Cosmofarma 2018.

Dottoressa, siamo agli Stati Generali della Farmacia per testimoniare l’importanza di trovarsi e comunicare con i colleghi e con le istituzioni…

«Sono venuta insieme ad un folto gruppo di “Farmaciste Insieme” perché credo che essere agli Stati Generali della Farmacia sia un momento di aggregazione in cui condividere idee e interfacciarci al direttivo nazionale, visto che spesso non è facile farlo se non in momenti come questi. Sono quindi onorata e contenta di essere qui anche per cercare di capire quello che sarà il futuro della farmacia».

Ha citato l’associazione di cui è Presidente, ovvero “Farmaciste Insieme”. Quali sono i progetti che state portando avanti e le priorità individuate?

«L’iniziativa principale della nostra associazione, nata in Campania ma che oggi opera a livello nazionale, è senza dubbio il “Progetto Mimosa” a favore delle donne che subiscono violenza. Ma l’associazione non fa solo questo. Ad esempio abbiamo organizzato per il prossimo 17 maggio una serata di beneficenza a Villa Doria d’Angri, un’antica villa napoletana, il cui ricavato sarà devoluto al Don Orione per costruire una saletta multisensoriale per i disabili gravi. Questo è l’anno dedicato proprio ai disabili e quindi ci faceva piacere scendere in campo e dare loro il nostro contributo».

Ecco, lei ha citato il “Progetto Mimosa”, in questi giorni di grande attualità. Si tratta di un’iniziativa molto importante in cui la farmacia diventa il punto di contatto con le donne e un presidio fondamentale per i cittadini sul territorio.

«La farmacia è ovunque, ma questo lo sappiamo. Come dico sempre, in farmacia non si entra chiedendo il permesso, non si entra bussando alla porta. Si tenga conto inoltre che circa l’80% dell’indotto in farmacia è formato da donne. Entrano come madri, come figlie, sorelle o mogli. Quindi quale miglior veicolo se non la farmacia per le donne? Loro sanno che di noi si possono fidare. Spesso ci è capitato di veder entrare in farmacia donne che chiedevano un cerone, affermando di essere cadute. Forse avevano avuto un pugno, noi non lo sappiamo. Quel che sappiamo con certezza è che siamo state di grande aiuto in tutti questi anni in cui il “Progetto Mimosa” è andato avanti. Di questo siamo orgogliose e ringraziamo sia la Federfarma Nazionale che la Fofi per il loro appoggio e il loro patrocinio».

Per i pochi che non dovessero sapere come funziona concretamente l’idea, cosa succede se una donna che ha subito violenza entra in farmacia?

«In farmacia ci sono delle brochure su cui sono stampati un vademecum molto semplice e alcuni numeri di telefono. Cosa succede? Che mettiamo queste brochure nelle nostre farmacie e in una ventina di giorni finiscono. Non ne troviamo più. Non sappiamo chi le ha prese ma sicuramente abbiamo informato. Questo è il nostro compito: passare alle donne vittime di violenza le informazioni necessarie per aiutarle ad uscirne».

Articoli correlati
DiaDay 2018: nella seconda edizione scoperti quasi 5.000 diabetici che non sapevano di esserlo
Oltre ai 130mila test effettuato anche il monitoraggio dell’aderenza alle terapie
La qualità dei servizi professionali nella farmacia di comunità deve essere certificata
Proseguono secondo il programma i lavori del Tavolo sulla farmacia dei servizi, istituito dal Ministero della salute, che si è riunito nuovamente ieri mattina  a Roma. Come si ricorderà, scopo del Tavolo, al quale partecipano autorevoli rappresentanze tra cui quelle delle Regioni, di medici, infermieri e cittadini, è definire concretamente l’operatività del nuovo modello di […]
Diminuiscono le rapine in farmacia, Contarina: “Dati reali ma non sottovalutare i furti notturni”
I numeri relativi alle rapine nelle farmacie italiane sono in calo, almeno per quanto riguarda gli ultimi 9 mesi. Si tratta di un decremento che però non si è verificato in maniera costante: dopo una crescita iniziale del numero di reati e fino al picco raggiunto nel 2013 con 1.256 rapine, vi è stata poi […]
‘Milano taking care’, consigli ed esami per migliorare gli stili di vita. La madrina Susanna Messaggio: «Prevenzione per invecchiare bene»
Nella città meneghina si è svolta la due giorni di esami e consulenze con professionisti della salute. Ruolo fondamentale delle farmacie, Vintani (Federfarma Milano, Monza e Lodi): «Con farmacia dei servizi esami per dare ‘alert’ al paziente». E Doc generici lancia l’avatar Mario per promuovere l’importanza della prevenzione e del monitoraggio della salute con il supporto di nuove tecnologie
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...