Salute 13 Maggio 2020 11:00

Fase 2, l’ASST di Cremona avvia un percorso dedicato ai pazienti Covid dimessi dagli ospedali del territorio

Il direttore Rossi: «La novità sta nella gestione del percorso. Si comincia dai più gravi che saranno convocati da operatori del Centro servizi per effettuare una serie di esami e sostenere una visita specialistica»

di Federica Bosco

È partito lo scorso lunedì 11 maggio il progetto innovativo di follow up dell’ASST di Cremona per i pazienti Covid dimessi dagli ospedali del territorio e residenti in provincia che, come spiega il direttore Giuseppe Rossi, continueranno ad essere seguiti secondo il principio di “presa in carico” con modalità multidisciplinare rispettando il criterio di gravità. «Abbiamo sicuramente di fronte una malattia nuova e imprevedibile. Abbiamo avuto molti pazienti con compromissioni di organi; è chiaro che avendo tutti i dati e i centri servizi ci prendiamo l’incarico di chiamare tutti i pazienti secondo un concetto che non è quello delle liste d’attesa, ma della gravità nella fase acuta».

Questo avverrà attraverso gli operatori del Centro Servizi che contatteranno i pazienti dimessi per proporre una serie di controlli (Follow-up) funzionali alla fase post-acuta. Si tratta di persone colpite da infezione da coronavirus e ricoverate in ospedale in condizioni critiche. Per primi saranno contattati i pazienti che, durante la degenza, hanno avuto bisogno di supporto ventilatorio e di ossigeno-terapia ad alti flussi, a causa dell’importante compromissione polmonare.

LEGGI ANCHE: COME FUNZIONA LA TECNOLOGIA TELECOVID CHE MONITORA 3MILA PAZIENTI DA REMOTO

«Partiremo dai pazienti usciti dalla terapia intensiva – aggiunge il direttore dell’ASST Cremona –  a cui dedicheremo un percorso che prevede l’esecuzione di diversi esami: emocromo, elettrocardiogramma, saturazione, radiografia del torace o tac; dopodiché il paziente sarà visitato dallo specialista che, a sua volta, deciderà il percorso da seguire. La vera novità è la completa gestione organizzativa del servizio, che è a carico dell’ospedale».

Lo scopo è quello di individuare eventuali bisogni per offrire ai pazienti risposte socio-assistenziali integrate e multidimensionali. «Noi stimiamo circa 200 pazienti, che presentavano quadri molto gravi, da inserire nel protocollo e seguire con tempi ravvicinati. Inoltre, il centro servizi si raccorderà con la medicina territoriale e la medicina generale, perché oltre a quelli che sono stati nostri pazienti, ci sono anche malati residenti nella provincia di Cremona curati altrove, che hanno tutto il diritto di avere lo stesso tipo di follow up di quelli dimessi dalla nostra terapia».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Covid-19, Regimenti (Lega): «Sanitari non vaccinati svolgano altri servizi per evitare rischio contagio»
L'europarlamentare della Lega Luisa Regimenti condivide sul tema la posizione espressa dalla Presidente Aiop Barbara Cittadini
Covid-19, Speranza: «Situazione epidemiologica in peggioramento, non saranno allentate misure. Attivate 25 zone rosse»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza illustra al Senato la situazione sul fronte dell’emergenza Covid: quadro in peggioramento anche per colpa delle varianti. «In cinque regioni le terapie intensive sono occupate oltre il 30% e l’Rt nazionale sarà presto superiore a 1». Sul Cts: «Positiva l’idea di un portavoce unico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...