Salute 20 Aprile 2020

Fase 2, come riprogrammare gli interventi rimandati a causa dell’emergenza? Le proposte della Fondazione Bietti

«Puntare su urgenza, semplificazione e sicurezza»

«La particolare condizione che stiamo vivendo in questo periodo, oltre agli evidenti aspetti riguardanti la prevenzione dei contagi da Covid-19, ci pone davanti ad un altrettanto importante e forse meno considerato aspetto dell’emergenza sanitaria. Infatti, si sta assistendo ad una riduzione verticale degli interventi chirurgici e della diagnostica urgente che inevitabilmente porterà, nei mesi a venire, alla necessità di una riprogrammazione dell’attività sanitaria di routine». Così l’IRCCS Fondazione Bietti per lo Studio e la Ricerca in Oftalmologia in una nota.

«Questa problematica – prosegue – va affrontata tenendo conto di due differenti fattori: da un lato i danni, spesso irreparabili, che si stanno accumulando; secondo, il carico di lavoro che dovrà essere affrontato nel tentativo di recuperare. In oculistica come altrove abbiamo bisogno di affrontare le urgenze, di semplificare le procedure e di un quadro della sicurezza, anche normativa, che risponda all’eccezionalità del momento».

«Sappiamo di chirurgie – spiega la Fondazione – nelle quali gli interventi di distacco di retina sono diminuiti di dieci volte. E non certo perché siano diminuiti i distacchi stessi. Non sappiamo quanti danni irreparabili si stiano accumulando per la ritrosia delle persone ad andare in ospedale e degli ospedali ad esser pronti a riceverle con sicurezza in un momento così delicato. Tuttavia, possiamo farci un’idea dell’ordine di grandezza».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, GAUDIOSO (CITTADINANZATTIVA): «MALATI ONCOLOGICI E CRONICI LASCIATI SOLI. NECESSARIO SVILUPPARE ASSISTENZA DOMICILIARE»

«Che lo stare a casa sia un danno e un beneficio simultaneamente per la salute è un paradosso indiscutibile e comprensibile al tempo stesso – sottolinea il professor Mario Stirpe, Presidente della IRCCS Fondazione Bietti – considerando quanto dissimili siano le precauzioni per scongiurare l’epidemia da quelle che contrastano l’insorgere delle cecità. Eppure, è un paradosso che la Fase 2 dovrà risolvere e lasciarsi alle spalle».

«E l’urgenza sarà il principale criterio – prosegue il professor Stirpe – sul quale si dovrà basare la riapertura e l’organizzazione dei reparti non Covid-19. Tutta la programmazione operatoria dovrà essere impostata per ordine di gravità e difficoltà, concentrando nei centri specialistici i (tanti) casi difficili e rimandando ai centri più periferici gli interventi meno gravi e impellenti».

«Per quanto fondata, però, l’urgenza non potrà essere l’unico orizzonte nel quale orientarsi. Dopo almeno due mesi di assoluto squilibrio nella destinazione e nell’impiego delle risorse, lo stesso personale sanitario che ha arginato l’epidemia sarà chiamato, esausto, a riprendere i propri posti originali e sobbarcarsi dell’arretrato accumulatosi», continua la Fondazione in un comunicato.

«La semplificazione delle pratiche sarà un altro criterio necessario e così, sarà, ovviamente, la sicurezza: sicurezza per i pazienti, sicurezza per gli operatori, sicurezza per le strutture sanitarie e gli stessi operatori di erogare cure all’interno di un quadro normativo e organizzativo che riconosca l’eccezionalità del momento».

«Da tutto questo appare chiaro come l’ormai celebre Fase 2 non possa essere improvvisata né, tantomeno, sviluppata in maniera fortemente diseguale nelle varie parti d’Italia. Né possiamo lasciare, come è successo e succede tuttora in quelle stesse parti d’Italia, al coraggio e all’abnegazione dei singoli di rispondere al bisogno di salute decidendo, sulla propria responsabilità, cosa sia urgente, quale rischio si possa correre e come intervenire per scongiurarne uno ancora maggiore».

«Non devono più essere i singoli, nella loro generosa abnegazione, a correre rischi. Il momento di far accader qualcosa domani nel Paese è programmarlo oggi a tutti i livelli istituzionali. Possibilmente in una sola versione che valga per tutti», conclude la nota.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
FVM incontra Speranza: «Piena sintonia sui temi più attuali»
FVM ha presentato al Ministro 5 Azioni per il rafforzamento e la riforma del sistema sanitario e 9 obiettivi più urgenti
Covid-19, identificati gli anticorpi più efficaci per combatterlo: mortalità ridotta del 60%
Analizzando il sangue di oltre 500 pazienti, un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele ha identificato una classe di anticorpi per SARS-CoV-2 associati a una ridotta mortalità
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 1 ottobre, sono 33.976.447 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.014.266 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 314.861 (1.851 in più rispetto a ieri). 105.564 i […]
Report Gimbe, il contagio corre ancora e al Sud i primi valori in rosso
I numeri del contagio salgono ancora. Gimbe comunica +444 pazienti ricoverati e +32 in terapia intensiva. In sei regioni dati sopra la media
Quali sono i trattamenti più efficaci contro il Covid-19? Intervista esclusiva alla Presidente del CTS AIFA Patrizia Popoli
Dagli anticorpi monoclonali al remdesivir, dal tocilizumab all'idrossiclorochina, una panoramica dei trattamenti utilizzati e in corso di sperimentazione
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 ottobre, sono 33.976.447 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.014.266 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...