Salute 20 Aprile 2020 09:17

Fase 2, come riprogrammare gli interventi rimandati a causa dell’emergenza? Le proposte della Fondazione Bietti

«Puntare su urgenza, semplificazione e sicurezza»

«La particolare condizione che stiamo vivendo in questo periodo, oltre agli evidenti aspetti riguardanti la prevenzione dei contagi da Covid-19, ci pone davanti ad un altrettanto importante e forse meno considerato aspetto dell’emergenza sanitaria. Infatti, si sta assistendo ad una riduzione verticale degli interventi chirurgici e della diagnostica urgente che inevitabilmente porterà, nei mesi a venire, alla necessità di una riprogrammazione dell’attività sanitaria di routine». Così l’IRCCS Fondazione Bietti per lo Studio e la Ricerca in Oftalmologia in una nota.

«Questa problematica – prosegue – va affrontata tenendo conto di due differenti fattori: da un lato i danni, spesso irreparabili, che si stanno accumulando; secondo, il carico di lavoro che dovrà essere affrontato nel tentativo di recuperare. In oculistica come altrove abbiamo bisogno di affrontare le urgenze, di semplificare le procedure e di un quadro della sicurezza, anche normativa, che risponda all’eccezionalità del momento».

«Sappiamo di chirurgie – spiega la Fondazione – nelle quali gli interventi di distacco di retina sono diminuiti di dieci volte. E non certo perché siano diminuiti i distacchi stessi. Non sappiamo quanti danni irreparabili si stiano accumulando per la ritrosia delle persone ad andare in ospedale e degli ospedali ad esser pronti a riceverle con sicurezza in un momento così delicato. Tuttavia, possiamo farci un’idea dell’ordine di grandezza».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, GAUDIOSO (CITTADINANZATTIVA): «MALATI ONCOLOGICI E CRONICI LASCIATI SOLI. NECESSARIO SVILUPPARE ASSISTENZA DOMICILIARE»

«Che lo stare a casa sia un danno e un beneficio simultaneamente per la salute è un paradosso indiscutibile e comprensibile al tempo stesso – sottolinea il professor Mario Stirpe, Presidente della IRCCS Fondazione Bietti – considerando quanto dissimili siano le precauzioni per scongiurare l’epidemia da quelle che contrastano l’insorgere delle cecità. Eppure, è un paradosso che la Fase 2 dovrà risolvere e lasciarsi alle spalle».

«E l’urgenza sarà il principale criterio – prosegue il professor Stirpe – sul quale si dovrà basare la riapertura e l’organizzazione dei reparti non Covid-19. Tutta la programmazione operatoria dovrà essere impostata per ordine di gravità e difficoltà, concentrando nei centri specialistici i (tanti) casi difficili e rimandando ai centri più periferici gli interventi meno gravi e impellenti».

«Per quanto fondata, però, l’urgenza non potrà essere l’unico orizzonte nel quale orientarsi. Dopo almeno due mesi di assoluto squilibrio nella destinazione e nell’impiego delle risorse, lo stesso personale sanitario che ha arginato l’epidemia sarà chiamato, esausto, a riprendere i propri posti originali e sobbarcarsi dell’arretrato accumulatosi», continua la Fondazione in un comunicato.

«La semplificazione delle pratiche sarà un altro criterio necessario e così, sarà, ovviamente, la sicurezza: sicurezza per i pazienti, sicurezza per gli operatori, sicurezza per le strutture sanitarie e gli stessi operatori di erogare cure all’interno di un quadro normativo e organizzativo che riconosca l’eccezionalità del momento».

«Da tutto questo appare chiaro come l’ormai celebre Fase 2 non possa essere improvvisata né, tantomeno, sviluppata in maniera fortemente diseguale nelle varie parti d’Italia. Né possiamo lasciare, come è successo e succede tuttora in quelle stesse parti d’Italia, al coraggio e all’abnegazione dei singoli di rispondere al bisogno di salute decidendo, sulla propria responsabilità, cosa sia urgente, quale rischio si possa correre e come intervenire per scongiurarne uno ancora maggiore».

«Non devono più essere i singoli, nella loro generosa abnegazione, a correre rischi. Il momento di far accader qualcosa domani nel Paese è programmarlo oggi a tutti i livelli istituzionali. Possibilmente in una sola versione che valga per tutti», conclude la nota.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 9 aprile: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...