Salute 14 febbraio 2017

ECM, anche farmacisti in ritardo: aggiornato solo il 40%. Procaccini (Unifaro): «Formazione baluardo professionalità»

Alfredo Procaccini Presidente dell’Unione Farmacisti Romani: «Certamente l’importanza di aggiornarsi è fondamentale per confermare il ruolo del farmacista nel panorama sanitario»

Solo 4 farmacisti su 10 sono in regola con la formazione continua. Questo il risultato emerso alla conclusione del triennio formativo. Tra le categorie di professionisti sanitari, quella dei farmacisti sembrerebbe essere quella meno incline all’aggiornamento. Abbiamo chiesto il motivo a Alfredo Procaccini Presidente di Unifaro (Unione Farmacisti Romani), la realtà alla quale fanno capo 140 farmacie della Capitale.

«La formazione continua è il baluardo che ci tiene attivi sulla barriera della professionalità – prosegue -. Bisogna essere sempre aggiornati per dare risposte giuste e certe, come il cittadino ancora si aspetta dalla nostra categoria».

«Come FederfarmaRoma abbiamo creduto subito nella formazione – spiega Procaccini –  siamo stati tra i primi provider e questo testimonia il nostro impegno. Le motivazioni della scarsa affluenza sono molteplici ma credo che all’inizio ci sia stata una corsa per raccogliere tutti i crediti previsti seguendo anche corsi che erano solo dei “creditifici”, cosa che peraltro accade ancora oggi, ed abbia determinato un allontanamento dei colleghi».

La debole inclinazione dei farmacisti all’aggiornamento può essere collegata ad una scarsa offerta? «Attualmente i corsi sono tantissimi e bisogna analizzare con maggiore impegno quelli che sono veramente utili per la professione – prosegue Procaccini – . Il tempo a disposizione è sempre meno perché la professione, in ogni sfaccettatura, richiede tanta dedizione ma sicuramente è necessario anche trovare lo spazio per essere al corrente con le informazioni e non rimanere ancorati a nozioni di base».

Dunque uno degli ostacoli che incontrano i professionisti sanitari per aggiornarsi è la mancanza di tempo, in particolare i farmacisti dovendo presiedere delle attività commerciali ed è essendo soggetti a turni spesso vincolanti, sono in particolare difficoltà. «Per quanto riguarda la FAD sicuramente può essere un mezzo utilissimo soprattutto per quei colleghi che hanno difficoltà a spostarsi magari da centri più piccoli – fa notare Procaccini -. Naturalmente incontri collegiali non possono che essere positivi per scambiarsi idee e sensazioni anche su altri argomenti. Entrambe i mezzi a loro modo e con differenti motivazioni sono utili per l’aggiornamento. Certamente l’importanza di aggiornarsi è fondamentale per confermare il ruolo del farmacista nel panorama sanitario».

Articoli correlati
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»
Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano