Salute 14 Febbraio 2017

ECM, anche farmacisti in ritardo: aggiornato solo il 40%. Procaccini (Unifaro): «Formazione baluardo professionalità»

Alfredo Procaccini Presidente dell’Unione Farmacisti Romani: «Certamente l’importanza di aggiornarsi è fondamentale per confermare il ruolo del farmacista nel panorama sanitario»

Solo 4 farmacisti su 10 sono in regola con la formazione continua. Questo il risultato emerso alla conclusione del triennio formativo. Tra le categorie di professionisti sanitari, quella dei farmacisti sembrerebbe essere quella meno incline all’aggiornamento. Abbiamo chiesto il motivo a Alfredo Procaccini Presidente di Unifaro (Unione Farmacisti Romani), la realtà alla quale fanno capo 140 farmacie della Capitale.

«La formazione continua è il baluardo che ci tiene attivi sulla barriera della professionalità – prosegue -. Bisogna essere sempre aggiornati per dare risposte giuste e certe, come il cittadino ancora si aspetta dalla nostra categoria».

«Come FederfarmaRoma abbiamo creduto subito nella formazione – spiega Procaccini –  siamo stati tra i primi provider e questo testimonia il nostro impegno. Le motivazioni della scarsa affluenza sono molteplici ma credo che all’inizio ci sia stata una corsa per raccogliere tutti i crediti previsti seguendo anche corsi che erano solo dei “creditifici”, cosa che peraltro accade ancora oggi, ed abbia determinato un allontanamento dei colleghi».

La debole inclinazione dei farmacisti all’aggiornamento può essere collegata ad una scarsa offerta? «Attualmente i corsi sono tantissimi e bisogna analizzare con maggiore impegno quelli che sono veramente utili per la professione – prosegue Procaccini – . Il tempo a disposizione è sempre meno perché la professione, in ogni sfaccettatura, richiede tanta dedizione ma sicuramente è necessario anche trovare lo spazio per essere al corrente con le informazioni e non rimanere ancorati a nozioni di base».

Dunque uno degli ostacoli che incontrano i professionisti sanitari per aggiornarsi è la mancanza di tempo, in particolare i farmacisti dovendo presiedere delle attività commerciali ed è essendo soggetti a turni spesso vincolanti, sono in particolare difficoltà. «Per quanto riguarda la FAD sicuramente può essere un mezzo utilissimo soprattutto per quei colleghi che hanno difficoltà a spostarsi magari da centri più piccoli – fa notare Procaccini -. Naturalmente incontri collegiali non possono che essere positivi per scambiarsi idee e sensazioni anche su altri argomenti. Entrambe i mezzi a loro modo e con differenti motivazioni sono utili per l’aggiornamento. Certamente l’importanza di aggiornarsi è fondamentale per confermare il ruolo del farmacista nel panorama sanitario».

Articoli correlati
Quali farmacie di Roma e del Lazio effettuano tamponi rapidi e test sierologici?
La Regione Lazio ha concesso alle farmacie la possibilità di effettuare tamponi rapidi e test sierologici. Quali sono le farmacie che aderiscono?
Provider ECM, Saccone (UDC): «Presentato emendamento al decreto Ristori per sostegno economico a settore»
«Dimenticare chi forma i nostri medici rischia di danneggiare anche chi si deve prendere cura di noi»
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Test sierologici e tamponi antigenici nelle farmacie del Lazio
Lo ha annunciato l'assessore alla Sanità e Integrazione socio sanitaria Alessio D'Amato nel bollettino quotidiano sull'andamento dell'epidemia a Roma e province. La soddisfazione di Federfarma Roma
I provider ECM incontrano Mantoan (Agenas). Colombati (Formazione nella Sanità): «Siamo esclusi dal Decreto Ristori»
L’associazione denuncia gravi perdite nel 2020: «Saltati 2 eventi formativi su 3: calo annuale del 67%». Altri temi a confronto: tavolo tecnico, programmazione, diversa rendicontazione e nuove tecnologie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli