Salute 23 novembre 2018

Farmacie italiane: molte potenzialità, troppe inespresse. I risultati del “I rapporto annuale”

Il presidente di Federfarma-Sunifar: «Grazie ai grandi sforzi compiuti dai titolari delle farmacie rurali il servizio è omogeneo su tutto il territorio nazionale»

di Isabella Faggiano

Il 63% delle farmacie offre il servizio Cup pubblico, gratuito nell’85% dei casi. Quasi 9 su 10 partecipano alle campagne di prevenzione promosse da Asl e Regioni, il 44% ad iniziative  per pazienti cronici. È questa la fotografia scattata da Cittadinanzattiva, in partnership con Federfarma e con il supporto non condizionato di Teva, attraverso il “I rapporto annuale sulla Farmacia”.

Per tutto il 2018,  1.275 farmacie italiane, di cui una su quattro dislocata in aree interne, hanno partecipato ad un’indagine volta a chiarire alcune questioni fondamentali: la percezione dei cittadini e dei farmacisti rispetto ai servizi offerti,  il ruolo reale della farmacia all’interno del SSN e quello a cui ambiscono i professionisti del settore.

«Dal Rapporto emerge un servizio farmaceutico piuttosto omogeneo su tutto il territorio nazionale – ha commentato Silvia Pagliacci, presidente di Federfarma-Sunifar -. Una soddisfazione anche per i titolari delle farmacie delle aree più interne, ai quali vengono riconosciuti gli sforzi compiuti per offrire prestazioni analoghe a quelle delle farmacie di città».

Le pagine del Rapporto rivelano una categoria di professionisti piuttosto giovane:  la fascia di età più rappresentativa va dai 25 ai 34 anni. Il 97% dei lavoratori segue in modo regolare corsi di aggiornamento per svolgere con il massimo delle competenze un ruolo che non si limita più alla sola dispensazione dei farmaci.

LEGGI ANCHE: FARMACIE SOTTO ATTACCO, CONTARINA: «ASSALTI NOTTURNI ALLE CASSE BLINDATE: NELL’ULTIMO MESE 1 FURTO OGNI 2 GIORNI»

Glicemia, colesterolo totale, trigliceridi, sono le analisi più diffuse in farmacia. Più in generale, il 78% fornisce prestazioni analitiche, come test e esami diagnostici e nel 64% anche accertamenti di secondo livello con dispositivi strumentali.

Accanto ai farmacisti è possibile, anche se non frequentemente, trovare altri  professionisti come infermieri e fisioterapisti (in 6 farmacie su 100)  e degli psicologi (nel 12% delle farmacie).

Un capitolo è stato dedicato all’analisi delle farmacie delle aree interne: la comunicazione diretta con il medico, in caso di criticità o scostamento dal piano terapeutico definito, è risultata maggiore che in altre zone. Ma proprio per la loro collocazione geografica non mancano le difficoltà: «La prima criticità emersa – ha spiegato Pagliacci – è legata alle problematiche che il farmacista deve affrontare. I titolari rurali vivono in queste zone interne a volte per scelta, altre anche per obbligo, perché la farmacia non può essere spostata. E quindi, si ritrovano con tutta la famiglia a condurre una vita lontano dai  centri maggiori. La seconda criticità – ha aggiunto la presidente di Federfarma-Sunifar – riguarda l’approvvigionamento dei farmaci. Il farmacista rurale deve avere un’oculatezza maggiore al momento dell’approvvigionamento per evitare che le popolazioni delle aree interne restino sprovviste di alcuni farmaci. La terza criticità riguarda la connessione internet: dove manca, la ricetta dematerializzata fatica un pochino di più a viaggiare, ma grazie all’impegno dei titolari anche questo ostacolo viene il più delle volte sormontato».

LEGGI ANCHE: FARMACIA, IL FUTURO DELLA PROFESSIONE. MANDELLI (FOFI): «LEGGE 2009 HA POSTO BASI, ORA LAVORARE SU DEOSPEDALIZZAZIONE E RETE TRA ATTORI SISTEMA»

Questo primo Rapporto mette in luce anche delle contraddizioni: le farmacie rappresentano un punto di riferimento soprattutto per malati cronici o anziani e, nonostante questo, sono spesso escluse o poco coinvolte nei servizi territoriali. Le Asl che si fanno supportare dalla professionalità dei farmacisti per il servizio di assistenza domiciliare integrata (ADI) ) rappresentano solo il 7% del totale.

Già nel 2009, con la normativa sulla farmacia dei servizi, si puntava verso una farmacia in grado di garantire la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, di diminuire le diseguaglianza territoriali in termini di erogazione dei servizi e di portare la sanità più vicina alle persone. Oggi, a distanza di quasi un decennio, così come rilevato da questo primo Rapporto, molte di queste potenzialità restano inespresse.

Articoli correlati
Cittadinanzattiva e SIFO lanciano il progetto di monitoraggio civico delle farmacie ospedaliere
Un’osservazione sul campo delle attività delle farmacie ospedaliere, con il fine di misurare dal punto di vista dei cittadini l’accessibilità e la qualità dei servizi offerti, la loro capacità di garantire i diritti del malato, nonché individuare possibili azioni di miglioramento per una organizzazione più a misura di cittadino, valorizzandone al contempo il ruolo fondamentale […]
Farmacia, il futuro della professione. Mandelli (FOFI): «Legge 2009 ha posto basi, ora lavorare su deospedalizzazione e rete tra attori sistema»
«Basta aprire una porta per trovare dietro al bancone un professionista che ti ascolta, questo è il farmacista, sempre sul territorio e accanto al cittadino». L’intervista a Andrea Mandelli in occasione dei 40 anni del SSN
Verona, il Diaday di Federfarma durerà un’altra settimana
È stata prorogata per un’altra settimana, fino a sabato 24 novembre, la campagna sanitaria “DiaDay” contro il diabete in 157 farmacie di Federfarma Verona. I cittadini potranno, in questo modo, continuare ad usufruire gratuitamente della misurazione gratuita della glicemia e conoscere qual è il proprio rischio di contrarre il diabete nei prossimi dieci anni. LEGGI ANCHE: […]
Diabete: Federfarma Roma, Regione Lazio e Asl portano la guida nelle farmacie
Dalla collaborazione tra le principali istituzioni sanitarie della Regione nasce un documento informativo destinato ai pazienti con valori glicemici alterati o a rischio malattia. Vittorio Contarina (Pres. Federfarma Roma): “Grande iniziativa che completa il DiaDay. In questo modo il paziente non viene lasciato solo dopo lo screening". Alessio D’Amato (Assessore Sanità Regione Lazio): “Poter fare uno screening gratuito è una opportunità importante per individuare malattia”
Omicidio Desirée Mariottini, spacciatore arrestato grazie a numero di targatura di un farmaco
Il 36enne romano che ha portato farmaci nell’edificio abbandonato di Via dei Lucani è stato arrestato dalla Squadra Mobile grazie al numero di targatura riportato sulla scatola di un medicinale. «L’arresto dello spacciatore che ha rifornito gli stupratori e assassini di Desirée Mariottini di un medicinale che questi hanno utilizzato per drogare la ragazza è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...