Salute 23 novembre 2018

Farmacie italiane: molte potenzialità, troppe inespresse. I risultati del “I rapporto annuale”

Il presidente di Federfarma-Sunifar: «Grazie ai grandi sforzi compiuti dai titolari delle farmacie rurali il servizio è omogeneo su tutto il territorio nazionale»

di Isabella Faggiano

Il 63% delle farmacie offre il servizio Cup pubblico, gratuito nell’85% dei casi. Quasi 9 su 10 partecipano alle campagne di prevenzione promosse da Asl e Regioni, il 44% ad iniziative  per pazienti cronici. È questa la fotografia scattata da Cittadinanzattiva, in partnership con Federfarma e con il supporto non condizionato di Teva, attraverso il “I rapporto annuale sulla Farmacia”.

Per tutto il 2018,  1.275 farmacie italiane, di cui una su quattro dislocata in aree interne, hanno partecipato ad un’indagine volta a chiarire alcune questioni fondamentali: la percezione dei cittadini e dei farmacisti rispetto ai servizi offerti,  il ruolo reale della farmacia all’interno del SSN e quello a cui ambiscono i professionisti del settore.

«Dal Rapporto emerge un servizio farmaceutico piuttosto omogeneo su tutto il territorio nazionale – ha commentato Silvia Pagliacci, presidente di Federfarma-Sunifar -. Una soddisfazione anche per i titolari delle farmacie delle aree più interne, ai quali vengono riconosciuti gli sforzi compiuti per offrire prestazioni analoghe a quelle delle farmacie di città».

Le pagine del Rapporto rivelano una categoria di professionisti piuttosto giovane:  la fascia di età più rappresentativa va dai 25 ai 34 anni. Il 97% dei lavoratori segue in modo regolare corsi di aggiornamento per svolgere con il massimo delle competenze un ruolo che non si limita più alla sola dispensazione dei farmaci.

LEGGI ANCHE: FARMACIE SOTTO ATTACCO, CONTARINA: «ASSALTI NOTTURNI ALLE CASSE BLINDATE: NELL’ULTIMO MESE 1 FURTO OGNI 2 GIORNI»

Glicemia, colesterolo totale, trigliceridi, sono le analisi più diffuse in farmacia. Più in generale, il 78% fornisce prestazioni analitiche, come test e esami diagnostici e nel 64% anche accertamenti di secondo livello con dispositivi strumentali.

Accanto ai farmacisti è possibile, anche se non frequentemente, trovare altri  professionisti come infermieri e fisioterapisti (in 6 farmacie su 100)  e degli psicologi (nel 12% delle farmacie).

Un capitolo è stato dedicato all’analisi delle farmacie delle aree interne: la comunicazione diretta con il medico, in caso di criticità o scostamento dal piano terapeutico definito, è risultata maggiore che in altre zone. Ma proprio per la loro collocazione geografica non mancano le difficoltà: «La prima criticità emersa – ha spiegato Pagliacci – è legata alle problematiche che il farmacista deve affrontare. I titolari rurali vivono in queste zone interne a volte per scelta, altre anche per obbligo, perché la farmacia non può essere spostata. E quindi, si ritrovano con tutta la famiglia a condurre una vita lontano dai  centri maggiori. La seconda criticità – ha aggiunto la presidente di Federfarma-Sunifar – riguarda l’approvvigionamento dei farmaci. Il farmacista rurale deve avere un’oculatezza maggiore al momento dell’approvvigionamento per evitare che le popolazioni delle aree interne restino sprovviste di alcuni farmaci. La terza criticità riguarda la connessione internet: dove manca, la ricetta dematerializzata fatica un pochino di più a viaggiare, ma grazie all’impegno dei titolari anche questo ostacolo viene il più delle volte sormontato».

LEGGI ANCHE: FARMACIA, IL FUTURO DELLA PROFESSIONE. MANDELLI (FOFI): «LEGGE 2009 HA POSTO BASI, ORA LAVORARE SU DEOSPEDALIZZAZIONE E RETE TRA ATTORI SISTEMA»

Questo primo Rapporto mette in luce anche delle contraddizioni: le farmacie rappresentano un punto di riferimento soprattutto per malati cronici o anziani e, nonostante questo, sono spesso escluse o poco coinvolte nei servizi territoriali. Le Asl che si fanno supportare dalla professionalità dei farmacisti per il servizio di assistenza domiciliare integrata (ADI) ) rappresentano solo il 7% del totale.

Già nel 2009, con la normativa sulla farmacia dei servizi, si puntava verso una farmacia in grado di garantire la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, di diminuire le diseguaglianza territoriali in termini di erogazione dei servizi e di portare la sanità più vicina alle persone. Oggi, a distanza di quasi un decennio, così come rilevato da questo primo Rapporto, molte di queste potenzialità restano inespresse.

Articoli correlati
Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno
“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare […]
Cittadinanzattiva: «Bene “Arbitrato della salute” ma lavorare su prevenzione rischi e corretta comunicazione»
Così si è espressa l'organizzazione in merito alla proposta di Consulcesi volta a trovare una soluzione alle troppe controversie in ambito sanitario. La vicesegretaria Moccia: «Necessario lavorare per ridurre la conflittualità»
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Farmacie e Nuova Remunerazione: riaperto il confronto nella filiera; obiettivo sostenibilità ed efficienza
Le parole d’ordine sono Sostenibilità ed Efficienza, sostenibilità per il SSN e la filiera distributiva del farmaco ed efficienza per il cittadino. Queste le conclusioni a cui è arrivato il Tavolo della filiera distributiva, al suo primo incontro dopo la mancata proroga alla legge 135/2012 in materia di remunerazione. L’incontro tenutosi nella sede di Assofarm, […]
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...