Salute 23 Ottobre 2018

Esame della vista per patente, Mazzacane (Goal): «Necessario affidare compito ad oculisti per sicurezza di tutti»

In occasione del congresso Aimo, il Gruppo oculisti ambulatoriali liberi ha organizzato un simposio dedicato alla guida in sicurezza ed uno sul glaucoma. Il segretario Goal presenta il secondo congresso nazionale che si svolgerà a Roma il 29 e 30 marzo: «Sarà un congresso interattivo, in cui tutti diranno la loro per poterci migliorare»

«Vogliamo un ruolo maggiore nell’esame della vista per il rilascio ed il rinnovo della patente». L’appello è stato lanciato dagli oculisti che hanno preso parte al simposio Goal (Gruppo oculisti ambulatoriali liberi) dedicato alla guida in sicurezza, svoltosi nell’ambito del 9° Congresso nazionale Aimo (Associazione italiana medici oculisti), a Roma. Impossibile, infatti, eseguire un esame della vista senza strumentazioni, così come non è possibile eseguire un elettrocardiogramma solamente guardando il petto del paziente, come evidenzia uno dei partecipanti.

«Non è un atto di protagonismo, il nostro – spiega a Sanità Informazione Danilo Mazzacane, segretario Goal e organizzatore dell’incontro -, ma vorremmo essere i tutelanti della visione di coloro che guidano ogni tipo di mezzo di trasporto, che sia terrestre, aereo o navale, per diffondere una buona informazione a tutti i cittadini sull’importanza del valore della vista».

Evidenti i rischi che si corrono se si concede l’abilitazione a guidare a chi non ha i requisiti: «Si mette in pericolo la vita del paziente e di tutti coloro che incontrerà nel suo percorso. Un problema non indifferente, quindi – evidenzia Mazzacane -. Tuttavia, dobbiamo ragionare a 360 gradi per poter anche garantire agli anziani una buona autosufficienza, che consenta loro di andare a fare la spesa o in ospedale. Insomma, piccoli spostamenti, magari diurni, per non limitare eccessivamente il loro movimento. La normativa attuale già prevede queste condizioni – spiega – ma occorre senz’altro rinfrescare la memoria e incentivare la buona comunicazione, implementando la collaborazione con gli ottici e le aziende che realizzano utili presidi visivi».

LEGGI ANCHE: NUTRACEUTICA E PATOLOGIE OCULARI: QUALE RAPPORTO? SCUDERI (SAPIENZA): «CURIAMO IPOVEDENTI CON SPECIFICA ALIMENTAZIONE»

Voltando pagina e cambiando capitolo, Goal è stato promotore anche di un secondo incontro sul glaucoma, in cui si è invece «parlato del percorso che si deve compiere per una corretta diagnosi e impostazione terapeutica – racconta Mazzacane -. Un percorso che deve tenere conto della tutela del paziente e del buon utilizzo della pratica diagnostica low tech, senza dimenticare, ma usando con criterio e buon giudizio, l’innovazione tecnologica».

Particolarmente apprezzato dalla platea l’intervento di Arianna Sgheri, giovane specializzanda iscritta al secondo anno della scuola in oftalmologia di Siena e simbolo di quel ricambio generazionale tanto caro al Gruppo: «Appena usciti dalle scuole, i neo specializzati vanno a lavorare negli ambulatori prima di ottenere un contratto in ospedale. Non si hanno le strumentazioni high tech di un centro specifico, quindi è fondamentale avere una buona base di diagnostica low tech, che è il tema su cui verteva la mia relazione, per poter poi andare ad affrontare al meglio la diagnostica, il follow up e la terapia del paziente».

«Ricordiamo che il glaucoma – aggiunge la dottoressa Vuga Ana Grgic – è una malattia cronica ed un grosso problema sociale. Se riusciamo ad arginarlo sin dall’inizio, utilizzando tutte le risorse tecnologiche che il mercato ci offre, daremo un grosso contributo alla salute pubblica».

Si conclude quindi un anno denso di impegni per Goal, reduce dal recente congresso europeo di oftalmologia Esaso di Varsavia, dove il Gruppo è stato premiato per aver presentato il miglior poster. Ma il nuovo anno inizierà con un nuovo appuntamento: «Il 29 ed il 30 marzo Roma ospiterà il secondo congresso nazionale Goal – ricorda Danilo Mazzacane –. Un congresso diverso dal solito, dove prevarrà la partecipazione dei partecipanti, che non saranno soltanto ascoltatori ma saranno chiamati ad esprimere il loro pensiero. Tutti potranno dire la loro e dovranno dire la loro. Solo così potremo migliorarci».

LEGGI ANCHE: IL GLAUCOMA COLPISCE UN MILIONE DI ITALIANI, MA LA META’ NON LO SA. LE CONSEGUENZA FISICHE E PSICOLOGICHE

Articoli correlati
Roma, al Gemelli visite oculistiche gratis per la settimana del glaucoma
 Per promuovere la Settimana Mondiale del Glaucoma, che si svolge dal 10 al 16 marzo, Venerdì 15 marzo, dalle 9 alle 14, gli specialisti della Clinica Oculistica della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS offriranno, gratuitamente e senza prenotazione, uno screening completo a soggetti a rischio per glaucoma, con misurazione della pressione oculare ed esame […]
Glaucoma, per la Settimana mondiale visite gratuite. Otto persone a rischio su dieci non vanno dall’oculista
Il messaggio del ministro Grillo: «Bene la task force creata dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI) e la Società Italiana Glaucoma (SIGLA) per “combattere il ladro silente della vista”»
3° Congresso internazionale AISG, Stefano Miglior: «Glaucoma killer silenzioso della vista»
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il 50% dei pazienti non sa di averlo perché si arriva tardi alla diagnosi. Patologia porta a depressione nell'11% dei casi. A essere più colpiti sono gli anziani oltre i 60 anni
Oculistica, Commissione Difesa Vista e Goal insieme per una maggiore attenzione alla prevenzione visiva
CDV Onlus annuncia l’ingresso nella sua compagine di un nuovo socio: G.O.A.L.- Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi che, tramite il suo Segretario Generale Danilo Mazzacane, ha espresso il desiderio di entrare a far parte della Onlus per collaborare attivamente alle sue iniziative di prevenzione e di sensibilizzazione alla prevenzione. «A nome di G.O.A.L. – affermano la Presidente […]
Guida sicura, i consigli di Francesco Loperfido (San Raffaele): «Correggere difetti anche se legge non ci obbliga. E attenti alla ‘distraibilità visiva’…»
«Molto spesso – spiega il responsabile del servizio Oftalmologia generale del San Raffaele di Milano – se siamo distratti da ciò che sentiamo non abbiamo la stessa partecipazione a quello che vediamo. O prevale un senso o l’altro». Che aggiunge: «Anche se si ha l’idoneità a guidare con quattro decimi, si dovrebbe comunque guidare nelle condizioni migliori, e quindi con dieci decimi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone