Salute 23 ottobre 2018

Esame della vista per patente, Mazzacane (Goal): «Necessario affidare compito ad oculisti per sicurezza di tutti»

In occasione del congresso Aimo, il Gruppo oculisti ambulatoriali liberi ha organizzato un simposio dedicato alla guida in sicurezza ed uno sul glaucoma. Il segretario Goal presenta il secondo congresso nazionale che si svolgerà a Roma il 29 e 30 marzo: «Sarà un congresso interattivo, in cui tutti diranno la loro per poterci migliorare»

«Vogliamo un ruolo maggiore nell’esame della vista per il rilascio ed il rinnovo della patente». L’appello è stato lanciato dagli oculisti che hanno preso parte al simposio Goal (Gruppo oculisti ambulatoriali liberi) dedicato alla guida in sicurezza, svoltosi nell’ambito del 9° Congresso nazionale Aimo (Associazione italiana medici oculisti), a Roma. Impossibile, infatti, eseguire un esame della vista senza strumentazioni, così come non è possibile eseguire un elettrocardiogramma solamente guardando il petto del paziente, come evidenzia uno dei partecipanti.

«Non è un atto di protagonismo, il nostro – spiega a Sanità Informazione Danilo Mazzacane, segretario Goal e organizzatore dell’incontro -, ma vorremmo essere i tutelanti della visione di coloro che guidano ogni tipo di mezzo di trasporto, che sia terrestre, aereo o navale, per diffondere una buona informazione a tutti i cittadini sull’importanza del valore della vista».

Evidenti i rischi che si corrono se si concede l’abilitazione a guidare a chi non ha i requisiti: «Si mette in pericolo la vita del paziente e di tutti coloro che incontrerà nel suo percorso. Un problema non indifferente, quindi – evidenzia Mazzacane -. Tuttavia, dobbiamo ragionare a 360 gradi per poter anche garantire agli anziani una buona autosufficienza, che consenta loro di andare a fare la spesa o in ospedale. Insomma, piccoli spostamenti, magari diurni, per non limitare eccessivamente il loro movimento. La normativa attuale già prevede queste condizioni – spiega – ma occorre senz’altro rinfrescare la memoria e incentivare la buona comunicazione, implementando la collaborazione con gli ottici e le aziende che realizzano utili presidi visivi».

LEGGI ANCHE: NUTRACEUTICA E PATOLOGIE OCULARI: QUALE RAPPORTO? SCUDERI (SAPIENZA): «CURIAMO IPOVEDENTI CON SPECIFICA ALIMENTAZIONE»

Voltando pagina e cambiando capitolo, Goal è stato promotore anche di un secondo incontro sul glaucoma, in cui si è invece «parlato del percorso che si deve compiere per una corretta diagnosi e impostazione terapeutica – racconta Mazzacane -. Un percorso che deve tenere conto della tutela del paziente e del buon utilizzo della pratica diagnostica low tech, senza dimenticare, ma usando con criterio e buon giudizio, l’innovazione tecnologica».

Particolarmente apprezzato dalla platea l’intervento di Arianna Sgheri, giovane specializzanda iscritta al secondo anno della scuola in oftalmologia di Siena e simbolo di quel ricambio generazionale tanto caro al Gruppo: «Appena usciti dalle scuole, i neo specializzati vanno a lavorare negli ambulatori prima di ottenere un contratto in ospedale. Non si hanno le strumentazioni high tech di un centro specifico, quindi è fondamentale avere una buona base di diagnostica low tech, che è il tema su cui verteva la mia relazione, per poter poi andare ad affrontare al meglio la diagnostica, il follow up e la terapia del paziente».

«Ricordiamo che il glaucoma – aggiunge la dottoressa Vuga Ana Grgic – è una malattia cronica ed un grosso problema sociale. Se riusciamo ad arginarlo sin dall’inizio, utilizzando tutte le risorse tecnologiche che il mercato ci offre, daremo un grosso contributo alla salute pubblica».

Si conclude quindi un anno denso di impegni per Goal, reduce dal recente congresso europeo di oftalmologia Esaso di Varsavia, dove il Gruppo è stato premiato per aver presentato il miglior poster. Ma il nuovo anno inizierà con un nuovo appuntamento: «Il 29 ed il 30 marzo Roma ospiterà il secondo congresso nazionale Goal – ricorda Danilo Mazzacane –. Un congresso diverso dal solito, dove prevarrà la partecipazione dei partecipanti, che non saranno soltanto ascoltatori ma saranno chiamati ad esprimere il loro pensiero. Tutti potranno dire la loro e dovranno dire la loro. Solo così potremo migliorarci».

LEGGI ANCHE: IL GLAUCOMA COLPISCE UN MILIONE DI ITALIANI, MA LA META’ NON LO SA. LE CONSEGUENZA FISICHE E PSICOLOGICHE

Articoli correlati
Guida sicura, i consigli di Francesco Loperfido (San Raffaele): «Correggere difetti anche se legge non ci obbliga. E attenti alla ‘distraibilità visiva’…»
«Molto spesso – spiega il responsabile del servizio Oftalmologia generale del San Raffaele di Milano – se siamo distratti da ciò che sentiamo non abbiamo la stessa partecipazione a quello che vediamo. O prevale un senso o l’altro». Che aggiunge: «Anche se si ha l’idoneità a guidare con quattro decimi, si dovrebbe comunque guidare nelle condizioni migliori, e quindi con dieci decimi»
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Oftalmologia, SIFI e Polpharma annunciano partnership
SIFI, leader italiano nello sviluppo e nella commercializzazione di terapie oftalmiche, e Polpharma, leader nel mercato farmaceutico polacco, annunciano una partnership strategica commerciale, rivolta al mercato Europeo. L’accordo consentirà di arricchire il portafoglio prodotti di entrambe le Aziende e di fornire una gamma più completa di terapie oftalmiche al mercato internazionale. Le reciproche area terapeutiche […]
Oculistica e oftalmologia, nuove terapie e stato assistenziale in Italia. Il punto al Congresso ESASO e AIMO
Terapie all'avanguardia, innovazioni chirurgiche e nuovi approcci assistenziali in occasione del 18° Congresso dell’European School for Advanced Studies in Ophthalmology e del 9° Congresso dell'Associazione Italiana Medici e Oculisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano