Salute 23 Ottobre 2018

Esame della vista per patente, Mazzacane (Goal): «Necessario affidare compito ad oculisti per sicurezza di tutti»

In occasione del congresso Aimo, il Gruppo oculisti ambulatoriali liberi ha organizzato un simposio dedicato alla guida in sicurezza ed uno sul glaucoma. Il segretario Goal presenta il secondo congresso nazionale che si svolgerà a Roma il 29 e 30 marzo: «Sarà un congresso interattivo, in cui tutti diranno la loro per poterci migliorare»

«Vogliamo un ruolo maggiore nell’esame della vista per il rilascio ed il rinnovo della patente». L’appello è stato lanciato dagli oculisti che hanno preso parte al simposio Goal (Gruppo oculisti ambulatoriali liberi) dedicato alla guida in sicurezza, svoltosi nell’ambito del 9° Congresso nazionale Aimo (Associazione italiana medici oculisti), a Roma. Impossibile, infatti, eseguire un esame della vista senza strumentazioni, così come non è possibile eseguire un elettrocardiogramma solamente guardando il petto del paziente, come evidenzia uno dei partecipanti.

«Non è un atto di protagonismo, il nostro – spiega a Sanità Informazione Danilo Mazzacane, segretario Goal e organizzatore dell’incontro -, ma vorremmo essere i tutelanti della visione di coloro che guidano ogni tipo di mezzo di trasporto, che sia terrestre, aereo o navale, per diffondere una buona informazione a tutti i cittadini sull’importanza del valore della vista».

Evidenti i rischi che si corrono se si concede l’abilitazione a guidare a chi non ha i requisiti: «Si mette in pericolo la vita del paziente e di tutti coloro che incontrerà nel suo percorso. Un problema non indifferente, quindi – evidenzia Mazzacane -. Tuttavia, dobbiamo ragionare a 360 gradi per poter anche garantire agli anziani una buona autosufficienza, che consenta loro di andare a fare la spesa o in ospedale. Insomma, piccoli spostamenti, magari diurni, per non limitare eccessivamente il loro movimento. La normativa attuale già prevede queste condizioni – spiega – ma occorre senz’altro rinfrescare la memoria e incentivare la buona comunicazione, implementando la collaborazione con gli ottici e le aziende che realizzano utili presidi visivi».

LEGGI ANCHE: NUTRACEUTICA E PATOLOGIE OCULARI: QUALE RAPPORTO? SCUDERI (SAPIENZA): «CURIAMO IPOVEDENTI CON SPECIFICA ALIMENTAZIONE»

Voltando pagina e cambiando capitolo, Goal è stato promotore anche di un secondo incontro sul glaucoma, in cui si è invece «parlato del percorso che si deve compiere per una corretta diagnosi e impostazione terapeutica – racconta Mazzacane -. Un percorso che deve tenere conto della tutela del paziente e del buon utilizzo della pratica diagnostica low tech, senza dimenticare, ma usando con criterio e buon giudizio, l’innovazione tecnologica».

Particolarmente apprezzato dalla platea l’intervento di Arianna Sgheri, giovane specializzanda iscritta al secondo anno della scuola in oftalmologia di Siena e simbolo di quel ricambio generazionale tanto caro al Gruppo: «Appena usciti dalle scuole, i neo specializzati vanno a lavorare negli ambulatori prima di ottenere un contratto in ospedale. Non si hanno le strumentazioni high tech di un centro specifico, quindi è fondamentale avere una buona base di diagnostica low tech, che è il tema su cui verteva la mia relazione, per poter poi andare ad affrontare al meglio la diagnostica, il follow up e la terapia del paziente».

«Ricordiamo che il glaucoma – aggiunge la dottoressa Vuga Ana Grgic – è una malattia cronica ed un grosso problema sociale. Se riusciamo ad arginarlo sin dall’inizio, utilizzando tutte le risorse tecnologiche che il mercato ci offre, daremo un grosso contributo alla salute pubblica».

Si conclude quindi un anno denso di impegni per Goal, reduce dal recente congresso europeo di oftalmologia Esaso di Varsavia, dove il Gruppo è stato premiato per aver presentato il miglior poster. Ma il nuovo anno inizierà con un nuovo appuntamento: «Il 29 ed il 30 marzo Roma ospiterà il secondo congresso nazionale Goal – ricorda Danilo Mazzacane –. Un congresso diverso dal solito, dove prevarrà la partecipazione dei partecipanti, che non saranno soltanto ascoltatori ma saranno chiamati ad esprimere il loro pensiero. Tutti potranno dire la loro e dovranno dire la loro. Solo così potremo migliorarci».

LEGGI ANCHE: IL GLAUCOMA COLPISCE UN MILIONE DI ITALIANI, MA LA META’ NON LO SA. LE CONSEGUENZA FISICHE E PSICOLOGICHE

Articoli correlati
Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci
Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia
Ambliopia, ne soffre un bambino su trenta. L’impegno dei Lions club con “Sight for kids”: screening e opuscoli per battere “l’occhio pigro”
Fotofobia e strofinamento degli occhi sintomi da non sottovalutare. L’oculista Amerio: «Non esistono segnali evidenti pertanto il rischio che questa condizione non venga riconosciuta per tempo e diventi irreversibile è molto alto». Al foglio informativo hanno lavorato anche gli artisti Luca Blengino e Toni Cittadini
di Federica Bosco
Oculistica, al San Carlo di Nancy arriva l’innovativa tecnologia per diagnosticare le occlusioni delle vie lacrimali
Un esame mininvasivo, in tempi rapidi e con immagini di alta qualità: è la TC Revolution, una TAC con tecnologia diagnostica d’avanguardia di cui si è dotato il reparto di Radiologia dell’Ospedale San Carlo di Nancy di Roma. L’ultima generazione della tomografia computerizzata ha portato ad ampliare i campi di applicazione: i casi d’utilizzo di […]
Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio
«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, - spiega Danilo Mazzacane CISL Medici - fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»
di Federica Bosco
Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»
«Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale», spiega Danilo Mazzacane, segretario Cisl medici Lombardia che aggiunge: «La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità, regione investa nella sanità pubblica»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...