Salute 20 Febbraio 2020 09:00

Equivalenza terapeutica dei farmaci anti-HCV, Galli: «Si potevano percorrere altre strade per abbattere i costi»

Presentato al Senato il documento di farmacologia che arriva dopo le decisioni dell’Aifa. Gli esperti d’accordo: «Occorre più confronto»

di Tommaso Caldarelli
Equivalenza terapeutica dei farmaci anti-HCV, Galli: «Si potevano percorrere altre strade per abbattere i costi»

C’era persino sconcerto e sicuramente delusione fra i toni sentiti oggi in sala Caduti di Nassirya al Senato della Repubblica: su iniziativa del senatore Marco Siclari (Forza Italia), membro della commissione Igiene e Sanità della camera alta, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del documento di farmacologia “Equivalenza Terapeutica dei farmaci anti-Hcv: considerazioni farmacologiche e farmaco-economiche”. Un momento per approfondire un tema delicato e piombato al centro delle cronache anche politiche, visto che l’addio al gruppo di Liberi e Uguali della deputata Michela Rostan sarebbe dipeso proprio da un irriducibile dissenso di fondo su questo dossier.

Attesa e in cartellone, la Rostan insieme a molti altri parlamentari, precettati per gli importanti voti di fiducia in calendario oggi, non sono intervenuti all’evento; ma il clima può essere ben rappresentato dall’intervento pronunciato da Massimo Galli, professore ordinario di Malattie Infettive presso l’Università degli Studi di Milano e Past President della SIMIT: «L’allarme di tutti i clinici con cui sto parlando in questi giorni – ha detto Galli dagli spalti del pubblico – è che le decisioni prese dall’Aifa possano farci arretrare in altri campi di cura e riguardo ad altri farmaci. Quella seguita dall’Agenzia è una posizione che non stento a definire ideologica. Se l’obiettivo reale che ha portato alla scelta dell’equivalenza farmaceutica era quella di abbattere i costi del farmaco, gli strumenti potevano essere molti altri e i risultati altrettanto validi», ha spiegato Galli.

LEGGI ANCHE: LOTTA ALL’EPATITE C, L’ITALIA FA UN PASSO INDIETRO. ANDREONI (SIMIT): «SERVONO NUOVE STRATEGIE PER FAR EMERGERE IL SOMMERSO»

Fra i presenti al convegno, a microfoni spenti, c’è chi si sbilancia nel dire che la decisione dell’Agenzia del farmaco, pur presa con l’intenzione in buonafede di estendere la platea dei soggetti a cui somministrare vitali cure per l’Epatite C, «si sia risolta in un gran pasticcio»: e questo nonostante nessuno metta in dubbio quanto affermato da Elena Carnevali, deputata della commissione Affari sociali di Montecitorio, che ha ricordato come «ancora il 30% dei malati di Epatite C versi in condizioni molto gravi e a queste persone noi vorremmo evitare esiti infausti, cirrosi epatiche e persino trapianti». Motivo per cui l’estensione della platea dei farmaci erogabili dal SSN potrebbe essere vista come una buona nuova.

Ma non, certo, andando a sfavore dei pazienti. «Utilizzando lo strumento dell’equivalenza terapeutica si immagina di incidere sul prezzo del farmaco», ha spiegato il professor Americo Cicchetti, farmacoeconomista e docente all’università Cattolica del Sacro Cuore: «Il punto è come agisco sul prezzo e quali risultati punto ad ottenere. È fuorviante pensare che semplicemente proclamando la farmacoequivalenza il prezzo scenderà. Se si voleva ridurre il prezzo, si poteva fare una gara. Oppure si potevano convocare tutti i produttori interessati ad un tavolo e seguire la strada del negoziato. Da questa decisione invece – ha concluso Cicchetti – mi aspetto risultati tutti da stimare in termini di impatto sul prezzo».

Il tutto si è così inserito nella cornice esposta all’inizio della conferenza moderata da Andrea Pancani, giornalista de La7; l’intervento di apertura è stato affidato, dopo l’introduzione di Siclari, a Giorgio Racagni, presidente della Società Italiana di Farmacologia: «L’equivalenza farmaceutica è una questione piuttosto delicata per il farmacologo», ha spiegato il  direttore del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari dell’università di Milano: «È sempre necessario partire dalla questione clinica: in questo caso parliamo di farmaci che hanno finora avuto, a mio parere, un eccellente rapporto costi benefici. E così una valutazione inappropriata sull’equivalenza terapeutica si può risolvere in un danno per il paziente. Sono molte le variabili da tenere in conto: le differenze farmacocinetiche, le differenze di assorbimento, le differenze sulla durata di vita del farmaco. E che dire dell’aderenza terapeutica? La tollerabilità di un farmaco è una questione che va ad impattare sull’aderenza, e noi sappiamo che sono moltissimi i pazienti che hanno un tasso di aderenza farmaceutica piuttosto basso. Proporgli dei farmaci di cui non è sicuro il tasso di tollerabilità rischia di abbassare l’efficacia delle cure».

Insomma, dalla sala del Senato si leva la parola chiave della richiesta di maggiore confronto fra istituzioni, rappresentanti dei medici di area clinica, associazioni dei malati e altri attori in campo, prima di prendere decisioni ad alto impatto su settori molto delicati. «L’eradicazione dell’Epatite C è stato uno degli obiettivi focali del mio mandato da ministro della Salute», ha aggiunto in questo senso Beatrice Lorenzin, in un messaggio:  «Il fondo ad hoc, istituito con la Legge di bilancio del 2017, dotato di 500 milioni di euro per i farmaci innovativi, è servito per garantire un rapido accesso a molecole curative per questa diffusissima patologia, dai grandi costi sociali: ad oggi circa 200mila pazienti sono guariti dall’HCV e, dato sottostimato, altrettanti aspettano di essere curati. E rammento che anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha indicato questa malattia tra quelle da eliminare entro il 2030».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, boom di richieste tocilizumab. AIFA: «Carenza fino a dicembre». In arrivo tre nuovi farmaci
La domanda globale dell’anticorpo monoclonale, utilizzato anche per il trattamento del Covid, ha generato dei problemi per i pazienti con varie patologie in cura
Chi è vaccinato contro il Covid-19 può trasmettere l’infezione ad altre persone?
Ma le persone vaccinate contro il Covid-19 possono davvero trasmettere il virus ad altri? Uno dei principali appigli a cui si aggrappa chi nutre dubbi sulla vaccinazione anti-Covid è che essere immunizzati non significherebbe non trasmettere il virus ad altri. Ed in effetti le autorità sanitarie, italiane e internazionali non hanno smentito l’eventualità. AIFA: «Anche […]
Nota 99 AIFA sui farmaci per BPCO, Lombardi (SIMG): «Bene i progressi, ma restano criticità»
Il coordinatore SIMG area Pneumologia: «Con Nota 99 tre progressi per i medici di famiglia. Attesa per ottobre la Nota 100 per il trattamento del diabete»
di Isabella Faggiano
Terza dose vaccino anti Covid, AIFA pubblica elenco dei farmaci immunosoppressivi
L’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato l’elenco dei principali farmaci immunosoppressivi da considerare per selezionare chi ha bisogno di effettuare la dose addizionale di vaccino anti Covid-19
Aifa presenta il primo “Atlante delle disuguaglianze sociali”: «Consumo farmaci maggiore in aree disagiate»
Il consumo dei farmaci antidepressivi è maggiore nelle aree del Nord e minore al Sud
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?