Salute 15 Novembre 2016 11:28

Epidemia fungo killer: 4 morti nelle corsie Usa. Paura anche in Europa: puntare sulla formazione

La Candida Auris, un’infezione micotica potenzialmente mortale, si sta diffondendo negli ospedali di tutto il mondo. Attestati tredici casi negli Usa e cinquanta a Londra. Paura per il contagio negli ospedali italiani

Epidemia fungo killer: 4 morti nelle corsie Usa. Paura anche in Europa: puntare sulla formazione

Si chiama Candida Auris e dall’Asia è arrivata negli Stati Uniti fino in Europa. Si tratta di una pericolosa forma di micosi che si diffonde prevalentemente in ambienti ospedalieri ed è potenzialmente mortale. I dati per ora registrati circa la manifestazione e la diffusione del fungo non sono certo incoraggianti: secondo i CDC (Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie) circa il 60% dei pazienti che ha contratto il contagio è deceduto. Nella maggior parte dei casi si tratta di pazienti ricoverati in ospedale, le cui condizioni cliniche sono abbastanza critiche, ma questo non basta a rassicurare gli esperti che lanciano l’allarme.

La Candida Auris è comparsa per la prima volta nel 2009, diagnosticata ad un paziente giapponese immediatamente isolato. Subito dopo sono stati segnalati altri casi in Corea del Sud, Sud Africa, Kuwait, Colombia Venezuela e Africa. Negli ultimi mesi sono stati dichiarati tredici casi negli USA di cui quattro decessi e tra luglio 2015 e luglio 2016 sono stati attestati cinquanta casi a Londra dove sono state messe in atto le misure precauzionali per limitare l’epidemia. Per adesso ancora nessun caso conosciuto in Italia.

Il fungo, resistente a molte terapie, sembra manifestarsi nei pazienti dopo qualche settimana di degenza ospedaliera e il contagio avverrebbe attraverso il contatto con superfici e materiali contaminati. In prevalenza l’infezione si manifesta nei malati che hanno subìto un intervento in sala operatoria o che utilizzano cateteri. Il fungo sembrerebbe resistente al fluconazolo, il più diffuso dei farmaci antimicotici e preoccupa la facilità e la velocità con cui si diffonde. Tom Frieden, direttore del Cdc, ha spiegato che è necessario agire in fretta e «fermare la diffusione di questo fungo resistente ai farmaci, si tratta di una minaccia emergente e abbiamo bisogno di proteggere i pazienti vulnerabili e anche tutti gli altri».

Le infezioni contratte in ambiente ospedaliero durante la degenza rappresentano una causa importante di mortalità fra pazienti. In Europa, queste infezioni si manifestano nel 6% dei pazienti ricoverati, con un numero stimato di circa 3.200.000 casi l’anno e un costo di circa 6 miliardi di euro. In Italia le cifre sono più alte, infatti la manifestazione di queste infezioni connesse all’assistenza ospedaliera è superiore alla media europea e si aggira intorno ai 300.000 casi l’anno.

Articoli correlati
Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?
La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Epatite misteriosa, casi in aumento e ora spunta l’ipotesi post-Covid
Mentre i casi di epatite misteriosa aumentano nel mondo, gli scienziati stanno valutando l'ipotesi che la malattia sia legata a un effetto del Covid
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Long Covid, scoperti biomarcatori predittivi negli adolescenti
Uno studio del Cnr indica, nei giovani che si sono ammalati, nuovi e precoci biomarcatori, potenzialmente predittivi del Long Covid
Cosa succede se mi ammalo di Covid dopo il vaccino?
Coloro che hanno fatto almeno la doppia dose del vaccino Pfizer o Astrazeneca e si sono ammalate lo stesso di Covid-19 beneficiano in seguito di un'aumentata risposta anticorpale neutralizzante contro le varianti di preoccupazione, compresa omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...