Salute 28 Agosto 2019 14:46

Lotta all’epatite C, Binetti: «Esempio di buona politica, ma ora facilitare accesso ai farmaci»

La Senatrice, membro della Commissione Sanità interviene sulla sostenibilità dei farmaci che sradicano la malattia in 8 settimane: «Se la diagnosi è accertata e la terapia è efficace, va assicurata al paziente. Sarà poi il sistema a dover trovare i fondi»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti

«Per i pazienti con epatite C la politica ha fatto molto perché la scienza aveva fatto moltissimo. Ma c’è ancora molto su cui lavorare. Bisogna dare ai pazienti una tale speranza ed il segnale di un rispetto così profondo che non abbiano paura di affrontare né la diagnosi né la terapia». Sono le parole della senatrice Paola Binetti (Gruppo Forza Italia) che ricorda il buon lavoro svolto dalla politica per i 200mila italiani che soffrono di epatite C, a partire dal «rendere disponibile la terapia, che è vincente, nonostante costi moltissimo».

I nuovi farmaci per questa malattia sono «in grado di sradicare la malattia nell’arco di 8 settimane» e sono offerti dal Sistema sanitario nazionale; tuttavia più volte è stata messa in discussione la loro sostenibilità: «Abbiamo sempre detto – commenta la senatrice Binetti – che quando c’è una diagnosi certa e c’è una terapia efficace, quella terapia va garantita e assicurata al paziente. Sarà il sistema a dover trovare i fondi, magari tagliando in ambiti in cui i risultati sono inferiori o in altri ambiti della vita sociale; ma il paziente con epatite C deve avere la garanzia assoluta di poter accedere a questi farmaci».

LEGGI ANCHE: «AIUTACI A CANCELLARE L’EPATITE C», ARRIVA SUI CANALI RAI LO SPOT PER SCONFIGGERE IL VIRUS HCV

«Anzi – aggiunge la Binetti -, adesso bisogna facilitare l’accesso al farmaco e fare in modo che, grazie ad un’attenta campagna di prevenzione, il numero delle persone che contraggono l’epatite C si riduca».

«Quella sull’epatite C – conclude la Senatrice – è una delle grandi vittorie del nostro Sistema sanitario nazionale, che ha senz’altro molte ombre e molte lacune e che ha bisogno di una revisione; ma in questo caso è vicino al paziente e lo aiuta ad uscire definitivamente dalla patologia. Quindi il messaggio che lasciamo ai pazienti è che nei loro confronti c’è stata una buona politica. Una politica che garantisce loro tutto quello di cui hanno bisogno».

Articoli correlati
Salute, Rostan (Misto): «Subito screening su Epatite C, perso un anno»
«È necessario dare attuazione al Decreto legge 162 del 2019 partendo dalle categorie più a rischio che rappresentano un serbatoio di diffusione del virus come i consumatori di sostanze stupefacenti», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Malattie rare, Binetti: «Da anni provvedimenti in attesa, a Speranza chiediamo ascolto su vaccini»
Sulle malattie rare il dibattito non avanza da inizio pandemia. La denuncia della senatrice Paola Binetti, presidente intergruppo parlamentare Malattie Rare: «Rinnovare Piano nazionale, approvare legge quadro e legge sui caregiver»
Malattie Rare. Confronto con le ministre Dadone, Bonetti e Stefani: «Vaccinazioni subito»
Nel webinar di Omar un confronto con le tre ministre delle Politiche giovanili, Pari opportunità e Famiglia e Disabilità sul mondo dei malati rari. Le richieste rimaste in sospeso: piano nazionale e legge sui caregiver. E lo sprint sulle vaccinazioni
Epatite C, ritardi di sei mesi nelle cure per effetto del Covid. Necessari test rapidi gratuiti per HCV
Appello del dottor Blanc nell’ultima tappa del tour Hand: «Abbiamo due obiettivi, riprendere i controlli dei pazienti con epatite C e scovare i casi sommersi»
di Federica Bosco
Digitalizzazione in sanità al centro dell’ultimo webinar del Consiglio Nazionale degli Ingegneri
I lavori del convegno sono stati preceduti dal saluto di Armando Zambrano, Presidente CNI: «Gli ingegneri sono sempre pronti ad anticipare e proporre le innovazioni tecnologiche e scientifiche. Tutti i giorni ci troviamo davanti a nuovi problemi che ci spingono a ideare soluzioni originali.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...