Salute 7 Novembre 2018

Emicrania: malattia frequente e disabilitante. Barbanti (neurologo): «Colpisce in prevalenza donne, il cervello è più vascolarizzato»

L’emicrania è una malattia «discriminatoria», infatti preferisce il ‘gentil sesso’. Lo dichiara Piero Barbanti dell’Istituto Scientifico San Raffaele La Pisana di Roma

di Lucia Oggianu
Immagine articolo

È la seconda malattia più disabilitante del genere umano e a soffrirne sono in particolare le donne, circa una su tre. L’emicrania, patologia che colpisce circa il 12% degli adulti in tutto il mondo, ha un forte impatto sia sulla qualità della vita di chi ne soffre sia sui costi sostenuti dalla società.

Non si tratta di un banale cerchio alla testa né di un sintomo di altra patologia. Quando l’emicrania è una malattia presenta una severa disabilità che si protrae ben oltre gli attacchi acuti, rimane latente anche nei periodi tra una crisi e l’altra, condizionando tutte le attività di vita quotidiana. Ma quanto inficia sulla vita di chi ne soffre e perché colpisce più le donne degli uomini?

LEGGI ANCHE: MAL DI TESTA DEI BAMBINI? GLI ESPERTI DEL BAMBINO GESÙ SFATANO 10 FALSI MITI

«L’impatto è estremamente alto: l’emicrania è la terza malattia più frequente al mondo e la seconda più disabilitante – risponde ai nostri microfoni il professor Piero Barbanti dell’Istituto Scientifico San Raffaele La Pisana di Roma – si pensa essere una malattia come tante altre invece non lo è, perché colpisce in particolare tra i venti e i cinquanta anni di età quindi il periodo dell’auge del genere umano. Colpisce più la donna dell’uomo, forse perché la donna riesce a fare più cose simultaneamente rispetto all’uomo. I costi sono elevatissimi, non solo quando si ha mal di testa ma anche nei giorni successivi, tra un attacco e l’altro, perché in quel caso il soggetto comincia a evitare tutte le situazioni che potrebbero scatenarlo. Perché colpisce più la donna? Perché l’emicrania ha bisogno di un cervello iperfunzionante e la donna, più minuta e con un cervello dal peso lievemente inferiore rispetto a quello maschile, ha più sostanza grigia e maggiore vascolarità quindi è un cervello d’attacco, un cervello velocissimo in cui purtroppo l’emicrania si annida più facilmente».

Il costo totale dell’emicrania in Italia ammonta a venti miliardi di euro all’anno e il 93% di tale importo è legato a costi indiretti quali la ridotta produttività e solo una minima parte (1,6%) della popolazione italiana riceve adeguate cure preventive a causa di una inadeguata sensibilità verso il problema (studio Gema del Cergas Bocconi).

LEGGI ANCHE: CEFALEE CRONICHE, ALL’ESAME DDL PER RICONOSCERLE COME MALATTIA SOCIALE. LAZZARINI (LEGA): «È TRA PRIME CAUSE DI DISABILITÀ, PAZIENTI ASPETTANO RISPOSTE»

«Quello che emerge dalla ricerca – spiega Rosanna Tarricone, professoressa di economia aziendale all’Università Bocconi di Milano – è che le donne sopportano di più il dolore andando ad occupare una posizione economica inferiore rispetto agli uomini. Tutto questo ci porta a dire che l’emicrania, essendo una patologia di genere, discrimina. Dunque sarebbe lecito incentivare delle politiche che possano ridurre questa discriminazione cercando di rendere più semplice la vita di questi pazienti oltre che intervenendo per ridurre l’impatto economico sul sistema».

Articoli correlati
Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»
Il presidente eletto della Sin: «Si tratta di terapie altamente specifiche, anticorpi che bloccano direttamente il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania. Non agiscono sull’episodio acuto, ma lo prevengono»
di Isabella Faggiano
“Vivere con l’emicrania”, Rapporto Censis: ne soffrono 2 italiani su 10. E i pazienti chiedono migliore formazione dei medici
Vaccaro (Area Welfare Censis): «La metà di chi ne soffre utilizza farmaci analgesici o antiemicranici e non terapie specifiche. l’82,3% dei pazienti ricorre a farmaci soggetti a prescrizione, mentre il 31,8% utilizza medicinali da banco»
di Isabella Faggiano
Maturità 2019, attenzione alla disidratazione: chi beve poco è meno concentrato e più affaticato
L’esperto: «Per dimostrarlo, alcuni ricercatori hanno sottoposto a risonanza magnetica studenti correttamente idratati ed altri disidratati. Le immagini ottenute hanno mostrato una massa cerebrale ridotta in coloro che non avevano bevuto abbastanza»
di Isabella Faggiano
L’11 maggio è la Giornata Nazionale del Mal di Testa: ne soffre il 50% degli adulti
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ben il 50% degli adulti soffra di cefalea, comunemente detto mal di testa, con un episodio verificatosi almeno una volta nell’ultimo anno; tra i 18 e i 65 anni di età la percentuale cresce fino al 75% e, tra questi, più del 30% ha sofferto di emicrania, una delle […]
Rivoluzione emicrania, l’annuncio: «Con gli anticorpi monoclonali nuova cura per il mal di testa»
Le società scientifiche riunite a Milano (Anircef, Sin, Sisc) hanno reso pubblica un’importante novità: scoperto il meccanismo che genera il dolore emicranico e messi a punto nuovi farmaci. «Questi medicinali hanno dimostrato in tutti gli studi clinici, ad un anno, una grande efficacia con remissione completa della crisi e in oltre il 50 per cento dei casi riduzione sensibile degli episodi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...