Salute 7 novembre 2018

Emicrania: malattia frequente e disabilitante. Barbanti (neurologo): «Colpisce in prevalenza donne, il cervello è più vascolarizzato»

L’emicrania è una malattia «discriminatoria», infatti preferisce il ‘gentil sesso’. Lo dichiara Piero Barbanti dell’Istituto Scientifico San Raffaele La Pisana di Roma

di Lucia Oggianu
Immagine articolo

È la seconda malattia più disabilitante del genere umano e a soffrirne sono in particolare le donne, circa una su tre. L’emicrania, patologia che colpisce circa il 12% degli adulti in tutto il mondo, ha un forte impatto sia sulla qualità della vita di chi ne soffre sia sui costi sostenuti dalla società.

Non si tratta di un banale cerchio alla testa né di un sintomo di altra patologia. Quando l’emicrania è una malattia presenta una severa disabilità che si protrae ben oltre gli attacchi acuti, rimane latente anche nei periodi tra una crisi e l’altra, condizionando tutte le attività di vita quotidiana. Ma quanto inficia sulla vita di chi ne soffre e perché colpisce più le donne degli uomini?

LEGGI ANCHE: MAL DI TESTA DEI BAMBINI? GLI ESPERTI DEL BAMBINO GESÙ SFATANO 10 FALSI MITI

«L’impatto è estremamente alto: l’emicrania è la terza malattia più frequente al mondo e la seconda più disabilitante – risponde ai nostri microfoni il professor Piero Barbanti dell’Istituto Scientifico San Raffaele La Pisana di Roma – si pensa essere una malattia come tante altre invece non lo è, perché colpisce in particolare tra i venti e i cinquanta anni di età quindi il periodo dell’auge del genere umano. Colpisce più la donna dell’uomo, forse perché la donna riesce a fare più cose simultaneamente rispetto all’uomo. I costi sono elevatissimi, non solo quando si ha mal di testa ma anche nei giorni successivi, tra un attacco e l’altro, perché in quel caso il soggetto comincia a evitare tutte le situazioni che potrebbero scatenarlo. Perché colpisce più la donna? Perché l’emicrania ha bisogno di un cervello iperfunzionante e la donna, più minuta e con un cervello dal peso lievemente inferiore rispetto a quello maschile, ha più sostanza grigia e maggiore vascolarità quindi è un cervello d’attacco, un cervello velocissimo in cui purtroppo l’emicrania si annida più facilmente».

Il costo totale dell’emicrania in Italia ammonta a venti miliardi di euro all’anno e il 93% di tale importo è legato a costi indiretti quali la ridotta produttività e solo una minima parte (1,6%) della popolazione italiana riceve adeguate cure preventive a causa di una inadeguata sensibilità verso il problema (studio Gema del Cergas Bocconi).

LEGGI ANCHE: CEFALEE CRONICHE, ALL’ESAME DDL PER RICONOSCERLE COME MALATTIA SOCIALE. LAZZARINI (LEGA): «È TRA PRIME CAUSE DI DISABILITÀ, PAZIENTI ASPETTANO RISPOSTE»

«Quello che emerge dalla ricerca – spiega Rosanna Tarricone, professoressa di economia aziendale all’Università Bocconi di Milano – è che le donne sopportano di più il dolore andando ad occupare una posizione economica inferiore rispetto agli uomini. Tutto questo ci porta a dire che l’emicrania, essendo una patologia di genere, discrimina. Dunque sarebbe lecito incentivare delle politiche che possano ridurre questa discriminazione cercando di rendere più semplice la vita di questi pazienti oltre che intervenendo per ridurre l’impatto economico sul sistema».

Articoli correlati
Cefalee croniche, all’esame Ddl per riconoscerle come malattia sociale. Lazzarini (Lega): «È tra prime cause di disabilità, pazienti aspettano risposte»
La deputata è la prima firmataria del provvedimento giunto in Commissione Affari Sociali: «Questa malattia – spiega - compromette gravemente anche qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi sociali ed economici ingenti»
Giornata nazionale mal di testa, OMS: «Tra le dieci cause al mondo di disabilità»
“Dai una spallata al tuo dolore”. È questo il tema della Giornata nazionale del mal di testa 2018, dedicata a tutti i pazienti che soffrono di una delle tante forme di cefalea, che si terrà il prossimo sabato 19 maggio in tutta Italia. Inserita dall’OMS fra le prime 10 cause al mondo di disabilità, il mal […]
Milano, primo impianto di retina artificiale all’Ospedale San Raffaele
Impiantare una retina artificiale in una donna non vedente. Un’operazione delicata e molto complessa, già effettuata solo in due centri europei e su pochissimi pazienti. Il grande obiettivo è stato è stato raggiunto, per la prima volta anche in Italia, dagli specialisti in chirurgia vitreoretinica e oftalmoplastica dell’Unita’ di Oculistica dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano, diretta dal professor […]
Donne ed Ictus: attenzione a pillola anticoncezionale, fumo ed emicrania
Il 55% delle morti delle donne, in Europa, è causato da cardiopatia ischemica e ictus. Dopo gli 80 anni, le donne colpite da ictus sono il 20% in più rispetto agli uomini. Ma alcune specifiche condizioni rendono il rischio molto più elevato anche nelle fasce di età più giovani. Dal punto di vista epidemiologico, ogni […]
Muore dopo trapianto al cuore. Medici: «Cuore perfetto, si tratta di rigetto»
Morto al San Camillo di Roma dopo aver subito un trapianto cardiaco. «Il cuore trapiantato era sano – ha spiegato il Direttore del Centro Trapianti del San Camillo di Roma, Francesco Musumeci, nel corso di una conferenza stampa in ospedale – l’organo era perfettamente funzionante e controllato». La dichiarazione del Direttore arriva in risposta ai media che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...