Salute 1 Luglio 2019

Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»

Il presidente eletto della Sin: «Si tratta di terapie altamente specifiche, anticorpi che bloccano direttamente il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania. Non agiscono sull’episodio acuto, ma lo prevengono»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Riducono frequenza e intensità delle crisi, senza effetti collaterali». È Gioacchino Tedeschi, presidente eletto della Società Italiana di Neurologia (Sin), a descrive l’efficacia delle terapie innovative per la cura dell’emicrania. «Nuovi farmaci – continua Tedeschi – che non agiscono sull’attacco acuto, ma lo prevengono».

Ma prima che i pazienti possano testare l’efficacia di queste terapie in convenzione il con il Sistema Sanitario Nazionale sarà necessario attendere il benestare dell’Aifa: «Appena otterremo questa autorizzazione la qualità di vita di molte persone che soffrono di emicrania acuta o cronica subirà un notevole miglioramento. Ma allo stesso tempo – continua il presidente eletto Sin – si scatenerà uno tsunami di pazienti che richiederà di essere trattato, ponendoci di fronte a due sfide: la sostenibilità del servizio pubblico e l’adeguata preparazione dei neurologi che dovranno prescrivere questi nuovi farmaci in maniera adeguata».

LEGGI ANCHE: RIVOLUZIONE EMICRANIA, L’ANNUNCIO: «CON GLI ANTICORPI MONOCLONALI NUOVA CURA PER IL MAL DI TESTA»

La formazione partirà dagli specialisti: «Sarà necessario formare un’intera classe medica di neurologi, in modo che ai centri autorizzati alla prescrizione di queste terapie siano inviati solo coloro che soffrono di un’emicrania ad alta frequenza o cronica, classi di pazienti – dice il neurologo – per cui questi farmaci saranno verosimilmente autorizzati». E la Società Italiana di Neurologia si sta preparando all’eventualità: «Organizzeremo dei corsi ad hoc per gli specialisti, anche se – sottolinea Tedeschi – la nostra vera preoccupazione non è tanto la formazione dei neurologi, quanto quella dei medici di medicina generale. Se è vero, infatti, che esistono dei neurologi specializzati nella cura delle cefalee, è altrettanto vero che il neurologo che non è specializzato nella cura delle emicranie vede continuamente pazienti che ne soffrono, quindi il periodo di formazione non sarà né lungo né difficile. Per i medici di medicina generale, che per primi avranno il compito di selezionare i pazienti le cui condizioni sono adeguate a queste nuove terapie, la formazione, probabilmente, non sarà altrettanto facile».

Ma cosa rende così straordinaria l’efficacia di questi farmaci? «Sono altamente specifici – risponde l’esperto -. Si tratta di anticorpi che interagiscono direttamente con il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania, bloccandola». Una terapia che migliora la vita dei pazienti non solo perché evita l’insorgenza dell’emicrania prevenendola, ma anche perché ha una frequenza di somministrazione davvero bassa: «Può essere assunta una volta al mese e, in alcuni casi, anche una volta ogni 90 giorni – dice Tedeschi -, liberando così il paziente dalla necessità di prendere continuamente dei medicinali».

E le buone notizie non finiscono qui: «Per il momento – aggiunge il presidente eletto della Sin – non sono emersi effetti collaterali, nemmeno sul sistema cardio-vascolare. Non ci dovrebbero essere particolari controindicazioni – conclude – neanche per chi soffre di altre gravi patologie».

Articoli correlati
Fine triennio ECM, da Nord a Sud l’appello dei Presidenti di Ordine: «Medici, completate i crediti»
Sanità Informazione ha raccolto la voce di tanti Presidenti di OMCeO che stanno sensibilizzando la categoria sul completamento del percorso ECM per il triennio 2017-2019. E molti sottolineano il rischio di sanzioni e contenziosi
«Medici ignoranti», il duro attacco di Panorama: «Chi non si aggiorna mette a rischio la salute dei pazienti»
Pubblicata sulle pagine della rivista un’inchiesta shock: «A seguire davvero i corsi è un medico su due o poco più. Depennati più di 6.500 medici competenti non aggiornati». La preoccupazione delle associazioni: «A rischio rapporto medico-paziente»
Merck premia la tecnologia e l’innovazione per migliorare il benessere psicofisico dei pazienti con sclerosi multipla
A Milano la quarta edizione del premio Merck in neurologi dedicato a questa grave patologia. Mancardi (SIN): «I pazienti possono continuare ad avere una vita sociale senza dover rimanere confinati in casa. Questo dipende dal grado di disabilità del paziente, ma la tecnologia è utile nelle fasi lievi»
di Federica Bosco
Simulatori e medicina pratica, la rivoluzione del SIMG Lab al 36esimo Congresso SIMG
A Firenze si è parlato di cronicità, influenza e formazione. Il presidente Claudio Cricelli approva con riserva lo stanziamento di 200 milioni di euro previsto in legge di Bilancio per le tecnologie dei medici di famiglia: «Bene ma solo grazie alla scuola pratica gli MMG riusciranno a usare queste apparecchiature»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Legge di Bilancio, la proposta dello SNAMI: «Il ministro Speranza destini i 236 milioni di euro per le apparecchiature alla formazione»
«Ci sono migliaia di medici rinchiusi in un imbuto formativo e che attendono una formazione medica post lauream» sottolinea Simona Autunnali, vicesegretario nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...