Salute 1 Luglio 2019 09:34

Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»

Il presidente eletto della Sin: «Si tratta di terapie altamente specifiche, anticorpi che bloccano direttamente il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania. Non agiscono sull’episodio acuto, ma lo prevengono»

di Isabella Faggiano
Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»

«Riducono frequenza e intensità delle crisi, senza effetti collaterali». È Gioacchino Tedeschi, presidente eletto della Società Italiana di Neurologia (Sin), a descrive l’efficacia delle terapie innovative per la cura dell’emicrania. «Nuovi farmaci – continua Tedeschi – che non agiscono sull’attacco acuto, ma lo prevengono».

Ma prima che i pazienti possano testare l’efficacia di queste terapie in convenzione il con il Sistema Sanitario Nazionale sarà necessario attendere il benestare dell’Aifa: «Appena otterremo questa autorizzazione la qualità di vita di molte persone che soffrono di emicrania acuta o cronica subirà un notevole miglioramento. Ma allo stesso tempo – continua il presidente eletto Sin – si scatenerà uno tsunami di pazienti che richiederà di essere trattato, ponendoci di fronte a due sfide: la sostenibilità del servizio pubblico e l’adeguata preparazione dei neurologi che dovranno prescrivere questi nuovi farmaci in maniera adeguata».

LEGGI ANCHE: RIVOLUZIONE EMICRANIA, L’ANNUNCIO: «CON GLI ANTICORPI MONOCLONALI NUOVA CURA PER IL MAL DI TESTA»

La formazione partirà dagli specialisti: «Sarà necessario formare un’intera classe medica di neurologi, in modo che ai centri autorizzati alla prescrizione di queste terapie siano inviati solo coloro che soffrono di un’emicrania ad alta frequenza o cronica, classi di pazienti – dice il neurologo – per cui questi farmaci saranno verosimilmente autorizzati». E la Società Italiana di Neurologia si sta preparando all’eventualità: «Organizzeremo dei corsi ad hoc per gli specialisti, anche se – sottolinea Tedeschi – la nostra vera preoccupazione non è tanto la formazione dei neurologi, quanto quella dei medici di medicina generale. Se è vero, infatti, che esistono dei neurologi specializzati nella cura delle cefalee, è altrettanto vero che il neurologo che non è specializzato nella cura delle emicranie vede continuamente pazienti che ne soffrono, quindi il periodo di formazione non sarà né lungo né difficile. Per i medici di medicina generale, che per primi avranno il compito di selezionare i pazienti le cui condizioni sono adeguate a queste nuove terapie, la formazione, probabilmente, non sarà altrettanto facile».

Ma cosa rende così straordinaria l’efficacia di questi farmaci? «Sono altamente specifici – risponde l’esperto -. Si tratta di anticorpi che interagiscono direttamente con il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania, bloccandola». Una terapia che migliora la vita dei pazienti non solo perché evita l’insorgenza dell’emicrania prevenendola, ma anche perché ha una frequenza di somministrazione davvero bassa: «Può essere assunta una volta al mese e, in alcuni casi, anche una volta ogni 90 giorni – dice Tedeschi -, liberando così il paziente dalla necessità di prendere continuamente dei medicinali».

E le buone notizie non finiscono qui: «Per il momento – aggiunge il presidente eletto della Sin – non sono emersi effetti collaterali, nemmeno sul sistema cardio-vascolare. Non ci dovrebbero essere particolari controindicazioni – conclude – neanche per chi soffre di altre gravi patologie».

Articoli correlati
Medicina territoriale, cosa prevede la riforma del Pd. Lacarra: «Serve rivoluzione culturale»
Il disegno di legge prevede una delega al Governo sul tema. Tra i punti qualificanti, un vincolo alle regioni per destinare almeno il 5 per cento della spesa sanitaria annua per la promozione e lo sviluppo di attività di screening e di prevenzione e il graduale passaggio degli MMG alla dipendenza
di Francesco Torre
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Giornata della prematurità, Orfeo (SIN): «In Italia tassi di mortalità tra i più bassi al mondo»
Il neo eletto presidente della Società Italiana di Neonatologia: «Tra i principali obiettivi del mio mandato l’apertura h24 di tutte le TIN d’Italia e la promozione continua dei percorsi di follow-up»
di Isabella Faggiano
Triptani: l’importanza dell’assunzione precoce nel trattamento dell’emicrania
La formulazione in liofilizzato orale di rizptriptan è maneggevole e favorisce una pronta efficacia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano