Salute 6 Maggio 2019 16:38

Rivoluzione emicrania, l’annuncio: «Con gli anticorpi monoclonali nuova cura per il mal di testa»

Le società scientifiche riunite a Milano (Anircef, Sin, Sisc) hanno reso pubblica un’importante novità: scoperto il meccanismo che genera il dolore emicranico e messi a punto nuovi farmaci. «Questi medicinali hanno dimostrato in tutti gli studi clinici, ad un anno, una grande efficacia con remissione completa della crisi e in oltre il 50 per cento dei casi riduzione sensibile degli episodi»

di Federica Bosco
Rivoluzione emicrania, l’annuncio: «Con gli anticorpi monoclonali nuova cura per il mal di testa»

Buone notizie per chi soffre di emicrania. Alla vigilia della XI giornata nazionale del mal di testa in programma il prossimo 11 maggio, le principali società scientifiche italiane di riferimento: Anircef (associazione neurologica italiana per la ricerca delle cefalee), Sin (Società italiana di neurologia), Sisc (società italiana per lo studio delle cefalee) hanno annunciato questa mattina a Milano un’importante novità in tema di cura. È stato infatti scoperto il meccanismo che genera il dolore emicranico e messo a punto un farmaco a base di anticorpi monoclonali, per fronteggiare quella che è considerata tra le dieci patologie più disabilitanti a livello mondiale, che colpisce il 75% della popolazione tra i 18 e i 65 anni, in prevalenza donne.

«La più importante novità è rappresentata dall’arrivo di questi nuovi farmaci definiti anticorpi monoclonali – afferma il Professor Elio Clemente Agostoni, Presidente ANIRCEF – che sono capaci di interferire con il meccanismo che genera la malattia e quindi sono capaci di prevenire l’emicrania che noi oggi dobbiamo considerare una vera malattia neurologica cronica. Questi farmaci hanno dimostrato in tutti gli studi clinici, ad un anno, una grande efficacia con remissione completa della crisi e in oltre il 50 per cento dei casi riduzione sensibile degli episodi. Quindi da un punto di vista dell’efficacia non vi è alcun dubbio e quindi la speranza è che questi farmaci siano in grado di modificare questa grande disabilità che i pazienti emicranici hanno, sia diretta durante la crisi, che indiretta perché è una disabilità che comporta anche dei problemi di adattamento, psicologici e legati alla vita relazionale in cui c’è una interferenza importante dell’emicrania».

Professore, questo tipo di terapia si potrà utilizzare per la cura di tutti i tipi di emicrania e cefalee o solo in alcuni casi?

«L’anticorpo attuale si potrà impiegare per la cura e la prevenzione dell’emicrania e in parte della cefalea a grappolo».

È già in commercio ad oggi?

«Attualmente è sul mercato, ma non ha la rimborsabilità, il che significa che i pazienti lo devono acquistare e i prezzi oggi sono rilevanti. Le Regioni hanno atteggiamenti diversi nell’accettare questa fase sperimentale pre-rimborsabilità. Ad esempio, in Regione Lombardia è stata data la concessione di acquisire nelle farmacie degli ospedali il farmaco ad un euro. Questo permette di applicare sul campo quello che gli studi clinici ci hanno consegnato e devo dire che i primi dati reali ci hanno confermato l’efficacia come ipotizzato in fase di studio. Si tratta di un impegno per il futuro perché questi pazienti non potranno essere abbandonati in futuro quando ci sarà la rimborsabilità».

Quanto tempo dura la terapia?

«Questa è una domanda davvero interessante, perché noi conosciamo quanto ci hanno consegnato gli studi clinici, ovvero il trattamento ad un anno, dopodiché non abbiamo studi che ci possano indicare la durata dell’efficacia. Ora ci sono studi che ci fanno vedere che la durata dell’efficacia permane anche se non nello stesso modo, quindi non sappiamo ancora per quanto tempo dobbiamo trattare i pazienti, certamente un anno. Dopodiché interrompere e verificare sul campo quanto sarà necessario curare le persone».

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Aumentano diagnosi Covid tramite sintomi, quali sono i principali?
Mentre gli ultimi dati del monitoraggio settimanale diffusi dall'ISS segnalano che sono aumentate le diagnosi di Covid attraverso la comparsa dei sintomi, uno studio britannico rivela quali siano i segnali più comuni. Il mal di gola è in testa
SIN, arriva la Task Force per una TIN a misura di famiglia
L'obiettivo è diffondere e applicare gli Standard Europei di assistenza al neonato, attuando la zero separation tra genitori e prematuri
Giornata mondiale donazione latte umano, l’allarme di AIBLUD e SIN: «Calo del 12% nel 2021»
Il dato emerge dalla terza indagine dell’Associazione Italiana Banche del Latte Umano Donato (AIBLUD) sull’attività delle Banche del Latte Umano Donato (BLUD) in Italia nell’anno 2021
Dai calcoli renali all’artrite, i 20 dolori peggiori per un essere umano
Tra le condizioni che provocano più dolori, il Servizio Sanitario Nazionale britannico include l'endometriosi, l'artrite, e molte altre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola