Formazione 18 Luglio 2017 13:11

Emergenza Sorrisi festeggia il decennale e parte per il Senegal. Il Presidente Abenavoli: «Altra grande sfida»

Formare i medici locali e operare i bambini affetti da palatoschisi: ecco gli obiettivi di Emergenza Sorrisi. La ONG, guidata dal chirurgo plastico Fabio Massimo Abenavoli, festeggia dieci anni di attività con una mostra fotografica che raccoglie tutte le missioni umanitarie fatte finora

«Il sacrificio di medici volontari e la dedizione di tutti coloro che partecipano ai progetti sono la forza di Emergenza Sorrisi e saranno il cuore pulsante anche della prossima missione» lo dichiara il chirurgo plastico, Fabio Massimo Abenavoli, Presidente della ONG Emergenza Sorrisi, la cui mission è operare i bambini con malformazioni facciali e formare i medici locali in paesi in via di sviluppo.

Prossima tappa: Senegal, nel prossimo autunno. «L’Africa occidentale sarà una bella sfida – prosegue il Presidente –. Intanto abbiamo raggiunto i dieci anni di attività, di cui siamo orgogliosi». L’associazione infatti ha di recente festeggiato il suo decennale con una mostra fotografica che ha ripercorso tutte le missioni chirurgiche compiute finora in Iraq, Benin, Afghanistan, Siria, Bangladesh, Congo e Armenia.

«Abbiamo intenzione di tornare in Siria, probabilmente andremo in Libia, in Costa D’Avorio e in tutti quei Paesi dove c’è realmente necessità. Il nostro primo obiettivo è essere utili» spiega Abenavoli, sottolineando che un’altra priorità dell’associazione è la formazione dei medici locali per insegnare loro a fronteggiare situazioni di emergenza anche in assenza dei volontari: «formare i medici del posto per insegnare loro ad operare, soprattutto in condizioni difficili, è un aspetto di primaria importanza per l’associazione. Dunque i nostri volontari non solo devono essere bravi medici, ma anche buoni insegnanti» conclude il Presidente.

«Ho cominciato quasi per caso, forse il destino» sorride Stefano Morelli, anestesista rianimatore dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù che da anni fa parte del team di Emergenza Sorrisi con entusiasmo e dedizione. «L’obiettivo di formazione dei medici locali è fondamentale per migliorare le condizioni di vita di queste zone complicate».

«L’associazione del Dottor Abenavoli mi ha permesso di partecipare a queste meravigliose iniziative – racconta il Dottor Morelli –. La prima è stata in Iraq, un lavoro bellissimo, accompagnato da passione sempre più crescente. Certamente la situazione non era semplice, in Iraq in quegli anni c’era la guerra e le condizioni in cui operavamo erano complicate, ma anche per questo l’esperienza è stata unica e indimenticabile».

Articoli correlati
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...