Salute 18 Luglio 2017

Emergenza Sorrisi festeggia il decennale e parte per il Senegal. Il Presidente Abenavoli: «Altra grande sfida»

Formare i medici locali e operare i bambini affetti da palatoschisi: ecco gli obiettivi di Emergenza Sorrisi. La ONG, guidata dal chirurgo plastico Fabio Massimo Abenavoli, festeggia dieci anni di attività con una mostra fotografica che raccoglie tutte le missioni umanitarie fatte finora

«Il sacrificio di medici volontari e la dedizione di tutti coloro che partecipano ai progetti sono la forza di Emergenza Sorrisi e saranno il cuore pulsante anche della prossima missione» lo dichiara il chirurgo plastico, Fabio Massimo Abenavoli, Presidente della ONG Emergenza Sorrisi, la cui mission è operare i bambini con malformazioni facciali e formare i medici locali in paesi in via di sviluppo.

Prossima tappa: Senegal, nel prossimo autunno. «L’Africa occidentale sarà una bella sfida – prosegue il Presidente –. Intanto abbiamo raggiunto i dieci anni di attività, di cui siamo orgogliosi». L’associazione infatti ha di recente festeggiato il suo decennale con una mostra fotografica che ha ripercorso tutte le missioni chirurgiche compiute finora in Iraq, Benin, Afghanistan, Siria, Bangladesh, Congo e Armenia.

«Abbiamo intenzione di tornare in Siria, probabilmente andremo in Libia, in Costa D’Avorio e in tutti quei Paesi dove c’è realmente necessità. Il nostro primo obiettivo è essere utili» spiega Abenavoli, sottolineando che un’altra priorità dell’associazione è la formazione dei medici locali per insegnare loro a fronteggiare situazioni di emergenza anche in assenza dei volontari: «formare i medici del posto per insegnare loro ad operare, soprattutto in condizioni difficili, è un aspetto di primaria importanza per l’associazione. Dunque i nostri volontari non solo devono essere bravi medici, ma anche buoni insegnanti» conclude il Presidente.

«Ho cominciato quasi per caso, forse il destino» sorride Stefano Morelli, anestesista rianimatore dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù che da anni fa parte del team di Emergenza Sorrisi con entusiasmo e dedizione. «L’obiettivo di formazione dei medici locali è fondamentale per migliorare le condizioni di vita di queste zone complicate».

«L’associazione del Dottor Abenavoli mi ha permesso di partecipare a queste meravigliose iniziative – racconta il Dottor Morelli –. La prima è stata in Iraq, un lavoro bellissimo, accompagnato da passione sempre più crescente. Certamente la situazione non era semplice, in Iraq in quegli anni c’era la guerra e le condizioni in cui operavamo erano complicate, ma anche per questo l’esperienza è stata unica e indimenticabile».

Articoli correlati
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
‘Covid-19 Il virus della paura’, ecco com’è nato il docufilm che punta sulla formazione di qualità. Venerdì la presentazione
Il progetto verrà presentato il 12 giugno alle ore 11.30 sulla pagina Facebook di Consulcesi Club alla presenza di Ranieri Guerra (OMS), Roberto Speranza (ministro Salute), Giuseppe Ippolito (Spallanzani), Massimo Andreoni (Tor Vergata) e Giorgio Nardone (Centro di Terapia Strategica)
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 13 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»